Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia ha tolto la Svizzera dalla lista dei paradisi fiscali

L’Italia ha tolto la Svizzera dalla lista dei paradisi fiscali

Le relazioni italo-svizzere sono segnate, tra l’altro, dai lavoratori transfrontalieri (“frontalieri”) che si recano quotidianamente al lavoro. © Keystone/Cayden Pauly

Il vicino meridionale della Svizzera lo ha rimosso dalla sua “lista nera” dal 1999.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 aprile 2023


Keystone-SDA/Due

Il ministro delle finanze svizzero Karin Keller-Sutter e il suo omologo italiano Giancarlo Giorgetti hanno firmato giovedì una dichiarazione per “rimuovere le barriere amministrative alle relazioni finanziarie tra i due paesi”.

Nel 1999, l’Italia ha dichiarato la Svizzera un paradiso fiscale per reprimere i ricchi italiani che dichiaravano falsamente la residenza nel paese alpino per evadere le tasse.

La “lista nera” ha tolto l’onere della prova agli italiani che affermavano di avere un indirizzo in Svizzera, costringendoli a dimostrare di risiedervi effettivamente, piuttosto che essere rintracciati dal fisco.

Lo scorso novembre, il presidente svizzero (e di lingua italiana), Ignacio Cassis, ha dichiarato al presidente italiano Sergio Mattarella che “non c’era più alcun motivo” per aggiungere il suo Paese alla lista.

Giovedì i due paesi hanno deciso di applicare norme provvisorie sulla tassazione dei lavoratori transfrontalieri che lavorano da casa (ovvero, lavorano in Svizzera ma lavorano online dall’Italia).

Hanno anche discusso dell’accordo del 2020 sulla tassazione generale dei lavoratori transfrontalieri, che è stato approvato dal parlamento svizzero lo scorso anno ma attende ancora l’approvazione definitiva da parte del parlamento italiano.

L’accordo prevede che i frontalieri paghino l’80% delle tasse in Svizzera e il 20% in Italia.

Conforme agli standard JTI

Conforme agli standard JTI

Mostra anche: SWI swissinfo.ch, certificato da JTI

READ  La maglia indossata da Goycochea a Italia 90 sarà esposta al Museo FIFA