Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia ha confermato l’estradizione di un ex cappellano militare accusato di tortura durante la dittatura

L’Italia ha confermato l’estradizione di un ex cappellano militare accusato di tortura durante la dittatura

Franco Riverbero.

La Corte Suprema italiana ha confermato sabato l’estradizione in Argentina dell’ex sacerdote militare di San Rafael Franco Reverberi Boschi. Dittatura civile-militare (1976-1983).

L’organizzazione italiana ha dato l’annuncio questo sabato, giovedì 12 Respinto il ricorso dell’ex sacerdote per evitare l’estradizioneO dopo che il ministero della Giustizia del paese europeo ha approvato il processo all’inizio di agosto.

Reverberi Boschi, il quale Potrebbe essere spedito in Argentina entro la fine dell’annoIl vice cappellano dell’VIII Squadrone di Esplorazione della Montagna di San Rafael è indagato per atti commessi in un centro di detenzione segreto chiamato “La Departmental”, che opera presso la sede dei tribunali locali.

La sentenza della Corte di Cassazione, respingendo il ricorso, conferma una decisione della Corte d’Appello di Bologna, che ai primi di luglio aveva accolto la richiesta del governo argentino di processare l’ex religioso nel Paese. Rapimento, tortura e un omicidio.

Reverberi Boschi è nato in Italia nel 1937. Ha lasciato il paese nel 2011. Quando a Mendoza si tenne il primo processo per crimini contro l’umanità, le testimonianze dei sopravvissuti e dei parenti iniziarono a mettere in luce le loro responsabilità.

Il percorso verso la deportazione

Lui Il percorso verso la deportazione è iniziato nel 2013 E ha avuto una spinta negli ultimi La trasformazione della giurisprudenza della Magistratura italiana, Ritiene inspiegabili solo i crimini di omicidio che comportano la tortura come crimini contro l’umanità.

La modifica ha consentito l’estradizione dell’ex monaco militare per omicidio Le sofferenze di 10 vittime del CCD “La Departmental”.

Cambiata la tipologia del reato, l’imputazione è stata estesa a Reverbery, aggravando la sua potenziale responsabilità al riguardo. Tutte le persone sono scomparse che sono passati attraverso il centro di detenzione segreto.

READ  Serie A: Monza-Bologna appuntamento 6

Durante il processo, la sua possibile partecipazione Assassinio dell’attivista politico Jose Guillermo Peron Insieme alla testimonianza di aver visto Reverbery a “La Departmental” tra il 9 luglio 1976 e il 26 settembre 1976.

Queste date coincidono con il rapimento, l’arresto e la successiva scomparsa di Peron, avvenuto il 28 agosto 1976, suggerendo così che il sacerdote si trovava nel CCD nello stesso momento in cui è poi scomparso.

Il possibile coinvolgimento del sacerdote in crimini contro l’umanità è emerso durante la prima indagine su questi crimini nel 2010 nella città di San Rafael, nella provincia di Mendoza.

Durante la deposizione del testimone, Cinque vittime hanno segnalato la loro presenza – alcuni lo hanno descritto dettagliatamente – durante le torture sono stati sottoposti principalmente ad un centro di detenzione segreto noto come “Department House”.