Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Axiona manterrà 300 raffinerie in Italia per 210 milioni di euro

Madrid (EP). Akiona si è aggiudicata tre contratti per l’esercizio e la manutenzione di 300 impianti di trattamento delle acque reflue e 600 stazioni di pompaggio in Sardegna nei prossimi cinque anni. (Italia), per un totale di 210 milioni di euro. Complessivamente questi impianti – situati nelle province di Cagliari, Iglesias, Nuro, Olbia, Oristano e Sazari – rappresentano l’85% della capacità totale di depurazione dell’isola e consentono di trattare 120,45 ettari cubi all’anno, servendo 2.4. Milioni di persone. Tutti e tre i contratti sono stati aggiudicati da Apanova Spa, società per azioni responsabile della gestione del ciclo idrico integrato nell’isola di Sardegna dal 2005, e comprendono la gestione degli impianti di depurazione e degli impianti di depurazione da parte di Aquino. Raccolta rifiuti e manutenzione normale e anormale.

A tal fine, l’azienda spagnola incorporerà innovazioni tecnologiche volte a migliorare l’efficienza energetica, migliorare l’economia circolare e la durabilità dei processi. Ad esempio, i fanghi generati durante il processo di trattamento verranno riutilizzati per uso agricolo. Inoltre, Akiona collega i veicoli elettrici al servizio di emissioni di gas serra Sarà a disposizione degli operatori del servizio attraverso il sistema di “car sharing” e installerà pergole fotovoltaiche per la ricarica. Attraverso il sistema Geocol, integra i codici QR per migliorare attività come la generazione e l’esecuzione di ordini di lavoro, merci, misurazioni del flusso o rapporti di guasto e limitare l’accesso alle strutture e la pianificazione del percorso utilizzando la tecnologia. Geolocalizzazione GIS.

I dipendenti disporranno di un servizio di assistenza remota esperto con occhiali intelligenti, che migliorerà la manutenzione della struttura e fornirà comunicazioni più rapide e fluide. Per garantire la pulizia dei fondi dei serbatoi delle raffinerie, verrà collegato un robot progettato per rimuovere i sedimenti nell’ambiente sottomarino per un accesso difficile, che ridurrà il rischio di funzionamento, e l’operatore controllerà a distanza la pulizia senza influire sul finale qualità.

READ  Tajani vuole che Ue-Italia e Spagna svolgano il "ruolo più importante" in Europa

L’azienda è presente in Italia dal 2000 e vanta una vasta esperienza nel Paese, con sedi a Milano e Roma e oltre 550 dipendenti.. Il settore idrico ha sviluppato 40 progetti in diverse parti del paese. Di particolare rilievo è l’impianto di dissalazione Saras che fornisce acqua al depuratore Saracs, l’approvvigionamento di acqua potabile attraverso il funzionamento di impianti di dissalazione modulari sulle isole belghe, o il mantenimento delle reti sanitarie e di distribuzione di Roma e Città del Vaticano.

Nell’area della raffinazione ha intrapreso altri progetti in Sardegna, Lazio, Puglia, Piemonte, Lombardia, Toscana, Liguria, Sicilia e Veneto.. Ha sviluppato, tra l’altro, l’ampliamento della Raffineria di Guidonia (Roma) e dell’impianto di bio-distillazione di Sigli (Sicilia) e l’ammodernamento di alcune raffinerie di Barry, Cochlear e Milano.