Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia è a un punto dalla conquista della Romania

Nella Sala Bolivalenda de Cluj-Napoca, la squadra locale ha iniziato il tuffo in direzione di Monica Nikulescu, le uniche due tenniste attive a fare da capitani in questi play-off con Billy insieme a Kazak Yaroslava Svedova per vincere la Jean King Cup PNP Paribas.

È stata anche un’introduzione per Irina Bara, che è entrata sul ring per rappresentare il suo paese dopo la frustrazione nelle qualificazioni del 2020 contro la Russia. Ha aperto una giornata senza vento a sostegno del tennista 26enne nello scontro contro Cochrane e ha portato la sua squadra al numero uno.

Para è stata in grado di fare il suo primo servizio, ma l’italiana ha sfondato nel quarto gioco e nulla l’ha fermata da lì fino a quando il primo set è stato sigillato 6-1. Più a suo agio sulla terra ferma che sul duro campo di oggi, la Romania ha trovato la pace nei primi quindici minuti del secondo set e ha ridotto il numero dei suoi errori non forzati a 3-0.

Ma il 20enne italiano ha dominato l’azione dal seminterrato con una brillante rimonta, in cui ha subito solo una delle successive sette partite, assicurandosi così la sua firma con 61, 64 nel primo punto della sua squadra. Punteggio finale.

“Questo è il mio debutto nella squadra rumena e purtroppo non ho potuto fare molto”, ha lamentato Para alla fine della partita. “Il suo gioco non mi ha sorpreso. Avevo un buon prodotto, ma era la seconda partita della giornata che sarebbe stato meglio giocare”, ha detto.

Grande pressione su Busarnescu Con un calcio così brutto, Mihela Busarnescu (mancina, 32 anni, n. 137WTA) è entrata in campo con troppo peso sulle spalle come ha testimoniato nei lenti primi passi del secondo match di giornata contro Martina Travison.

READ  Speriamo che l'incentivo al riscaldamento globale torni presto in Italia

Il mancino fiorentino (27, n. 143 WTA) ha preso il suo primo break di servizio nella sesta partita portandosi in vantaggio per 4-2. La Romania ha perso l’occasione per riprendere il servizio lanciando un lunghissimo dritto in un momento cruciale.

Quattro partite di fila hanno permesso a Martina di chiudere il primo set per 6-2. Il secondo inizio è stato una vera guerra. Mihela è stata in grado di aumentare il livello del suo gioco. Entrando nel ritmo e con i tiri più riusciti, il rumeno è riuscito per la prima volta a spezzare il servizio dell’avversario (4-0) e conquistare il secondo set per 6-2.

Guerra epica Definire il periodo è una vera corsa sulle montagne russe. Dieci interruzioni di servizio consecutive in 12 partite. Buzernescu ha sprecato due partite 5-4 e 6-5, e dopo più di tre ore di combattimento corpo a corpo, è stato Travison a mostrare la sua superiorità in un’epica battaglia al tiebreak.

In ogni guerra, secondo gli italiani, ha avuto la meglio: “Nel momento decisivo, la cosa più importante è stata che sono riuscito a riprendere il riposo quando ho perso il servizio.

Ho lottato con ogni pallone, tuttavia non mi sentivo bene nelle fasi successive del gioco. Questo spirito combattivo mi ha dato la vittoria “Martina ha ora fissato un programma per portare l’Italia alle qualificazioni 2022 sulla pista veloce perché aprirà l’azione di sabato contro Irina Bara.

Per quanto riguarda il punto di doppio, entrerà in aula il capitano locale Monica Niculescu con Gabriel Roose, oltre alle iblee Jasmine Paolini e Giulia Cotto Monticone dall’altra parte della rete.

READ  Ritorno alla gloria: Egan Bernal è stato incoronato campione del Giro de Italia