Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia dovrebbe essere vaccinata o il governo dovrebbe presentare prove negative all’interno di bar e ristoranti | Comunità

L’esecutivo italiano, guidato da Mario Draghi, questo giovedì ha approvato l’attuazione del Certificato Verde (Comportamento sicuro per l’accreditamento del vaccino) per l’accesso graduale agli spazi pubblici. Iniziativa del governo di coalizione – tutti i partiti tranne i fratelli italiani – È quasi identico al francese Si tratta sostanzialmente di una formula tecnica che obbliga a vaccinarsi l’intera popolazione. Le restrizioni raggiungono già ad agosto bar e ristoranti, dove almeno una dose non può essere ingerita senza essere vaccinati. Sì, può essere consumato regolarmente al bar o in terrazza senza immunità. “Chiedo a tutti gli italiani di vaccinarsi e di farlo in fretta. Devono proteggere se stessi e le loro famiglie”, ha detto Draghi in conferenza stampa dopo il Consiglio dei Ministri. Puoi ottenere un certificato verde di 48 ore fornendo un test del virus corona negativo.

Ulteriori informazioni

La certificazione verde è un risultato diretto del numero crescente di infezioni con variazione delta e del tasso di vaccinazione in calo tra i gruppi più giovani a causa delle vacanze estive. Ma, soprattutto, farlo è un modo per persuadere chi è scettico sull’istruzione. Il movimento antivaccinazione è molto forte in Italia Alcuni partiti, soprattutto nel campo dei diritti populisti come la Lega, cercano di ottenere entrate elettorali sostenendo alcuni di questi studi. È stato infatti Matteo Salvini a creare i maggiori ostacoli all’approvazione dell’azione esecutiva unitaria. Tracy ha risposto direttamente e apertamente alle domande dei giornalisti sulla questione. “La chiamata a non vaccinarsi è una chiamata alla morte. Inoltre, tutto dovrebbe essere coperto senza il vaccino, e ora sappiamo che gli effetti e i decessi in terapia intensiva sono molto gravi grazie al vaccino. Mi fermo qui”.

READ  Pur non giocando una partita completa, Muriel è il miglior realizzatore in Italia

Come spiegato dal presidente del Consiglio, l’implementazione del certificato (sono già 40 milioni i download finora) partirà dal 6 agosto e sarà obbligatorio avere almeno una dose del vaccino per qualsiasi attività pubblica. In spazi chiusi. A settembre, sottolineano alcune fonti, le due dosi saranno già richieste per le stesse operazioni e dovranno entrare nei mezzi pubblici entro la metà del mese. Ma quella materia è, ora, al di fuori del mandato approvato dal Consiglio dei Ministri. “I parametri precedenti avevano la possibilità di continuare come al solito o di introdurre il certificato e modificare i parametri che potevano aprire le regioni”, ha affermato Tracy.

Alla fine di giugno molte persone camminano davanti alla Fontana di Trevi a Roma.Cecilia Fabiano / Lapress / AB

Entro il 6 agosto i ristoranti e i consumatori in tavola dai 12 anni in su dovranno essere certificati con una singola dose (quasi i due terzi degli italiani già soddisfano questo requisito). Ma anche per eventi e competizioni sportive, musei ed eventi culturali, piscine, palestre, parchi tematici, centri sociali o casinò. “Il messaggio che vogliamo dare è positivo. Vogliamo prevenire lo sviluppo di contagi che possono portare alla chiusura delle attività aziendali. Vaccinare, vaccinare e vaccinare”, ha partecipato alla conferenza stampa anche il ministro della Salute Roberto Sporanza.

Nonostante la resistenza ai vaccini, la maggior parte dei settori economici e sociali accetta di implementare la certificazione per le attività chiave che si svolgono in aree pubbliche o congestionate. E l’associazione dei datori di lavoro, che ha proposto l’obbligo di andare a lavorare. Uno che ha attirato le critiche dei sindacati. Per ora questa misura non si applica in Italia. “Ci stiamo pensando e dobbiamo discuterne con i sindacati”, ha aggiunto Draghi.

READ  Tour in Italia: Ettaba 12, Siena

L’esecutivo italiano, inoltre, prolungherà lo stato di emergenza (scaduto il 31 luglio) fino alla fine dell’anno. Con questo mandato continuerà ad essere in vigore uno strumento che il governo ritiene necessario per continuare a utilizzare misure come i tre livelli di rischio delle regioni.

In Spagna, l’accesso al settore dell’ospitalità richiede la vaccinazione o un test negativo È approvato solo per la Galizia e i comuni. Saranno richiesti i certificati da sabato prossimo per accedere agli interni di bar e caffè in 36 comuni, tra cui Vigo, Orens, Pontevadra, O’Crowe e Sankenso. Questo requisito è già obbligatorio in tutti i locali notturni della comunità dallo scorso martedì. Anche altre comunità chiedono un test covit negativo per accedere a vaccini o discoteche, ma in Spagna la Galizia è la prima ad agire con bar e ristoranti.