Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'Iran bombarda le basi dei gruppi terroristici in Pakistan – DW – 16/01/2024

L'Iran bombarda le basi dei gruppi terroristici in Pakistan – DW – 16/01/2024

L’Iran ha attaccato martedì (16/01/2024) due basi del gruppo terroristico sunnita “Live Justice” in territorio pakistano, con missili e droni. Dopo aver bombardato obiettivi in ​​Siria e Iraq questa mattinaSecondo l'Agenzia Tasnim. L'agenzia Tasnim, collegata al movimento terroristico “Lunga vita alla giustizia”, ha affermato che due importanti sedi del gruppo terroristico “Lunga vita alla giustizia” in Pakistan sono state distrutte. Guardie rivoluzionarie Dal paese persiano.

Gli attacchi sono stati compiuti nell'area di Koh Sahz, nella provincia pakistana del Balochistan, adiacente alla regione iraniana del Sistan-Baluchestan. “Live Justice” è un gruppo sunnita contrario al regime sciita di Teheran che ha rivendicato l'attacco che ha ucciso 11 agenti di polizia nella città di Rask nel Sistan-Baluchestan lo scorso dicembre, oltre ad altri attentati degli ultimi anni.

Questi attentati sono avvenuti contro il territorio pakistano, le cui autorità hanno criticato l'attacco e hanno denunciato l'uccisione di due bambini in seguito all'azione, dopo che questa mattina la Guardia rivoluzionaria iraniana aveva attaccato con missili balistici obiettivi legati al gruppo terroristico. Stato islamico (Isis) E “spie del regime sionista (Israele)” in Iraq e Siria.

L’Onu chiede “contenimento”

La Guardia Rivoluzionaria ha indicato nella sua dichiarazione relativa alla suddetta operazione in Iraq e Siria che il luogo attaccato con missili nel Kurdistan iracheno era “un centro per lo sviluppo di operazioni di spionaggio e la pianificazione di atti terroristici nella regione”, in particolare in Iran, da parte di Israele. Ciò è stato smentito dalle autorità irachene, che hanno riferito che quattro civili sono stati uccisi, tra cui un neonato di 11 mesi.

READ  Ha lasciato la sua posizione di CEO di una società americana da 68.000 milioni di dollari per andare a riposare sulla spiaggia all'età di 51 anni

Alla luce di quanto accaduto, il portavoce del Segretariato delle Nazioni Unite, Stephane Dujarric, ha chiesto alle autorità iraniane di “moderarsi”. “Sollecitiamo ancora una volta il massimo contenimento e la prevenzione di una nuova escalation in una regione già instabile”, ha affermato Dujarric, sottolineando che questa situazione potrebbe portare a “calcoli errati” che peggiorano le cose.

DZC (EFE, Agenzia di stampa tedesca)