Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Indonesia è un regno su due ruote

L’Indonesia è un regno su due ruote

Gran Premio d’Indonesia

Mandalika Circuit, sull’isola di Lombok, un nuovo schema per il ritorno delle competizioni in un Paese leader nel mondo delle moto

Il Campionato del Mondo MotoGP torna in Indonesia a 25 anni dall’ultima visita nel Paese asiatico. Lo sta facendo in un momento in cui i promotori del torneo stanno cercando di aprire nuovi mercati alcuni anni fa. L’Asia è forse la più importante, in un Paese che mostra un numero sorprendente di flotte motociclistiche: l’arcipelago, che comprende più di 17.000 isole, conta più di 110 milioni di motocicli per una popolazione di circa 270 milioni di persone.

I marchi giapponesi dominano il mercato indonesiano. Nel 2021 Honda, Yamaha, Kawasaki e Suzuki hanno venduto oltre il 95% dei 5,17 milioni di unità acquistate in Indonesia, con un chiaro predominio del primo di questi stabilimenti. Uno dei fattori con cui si relaziona al successo della MotoGP, che è il secondo sport più seguito dopo il grande calcio.

“È difficile individuare l’origine di questo amore per gli sport motoristici, forse per il fatto che la moto è il mezzo di trasporto più diffuso nel nostro Paese”, afferma Mario Agee, pilota Moto3 e unico indonesiano nel campionato. “L’arrivo della MotoGP è molto importante per l’Indonesia. I tifosi più accaniti del mondo li troveranno qui. Nonostante Mandalika sia lontano dal centro del Paese, sono convinto che parteciperanno in massa al Gran Premio. Hanno aspettavo da 25 anni”, racconta Aji, che ha dovuto vivere questo fine settimana sotto una pressione a cui non era abituato. Ha anche preso parte alla carovana dei corridori della Coppa del Mondo che ha percorso alcune strade affollate di Jakarta mercoledì scorso, in cui il presidente del Paese , Joko Widodo, ha partecipato in sella alla sua moto.Una carovana con i protagonisti della Coppa del Mondo E la massima attenzione è riservata soprattutto a uno di loro: Marc Marquez.

READ  Bimbo, Sportium, Adidas e McDonald's si uniscono a Pique nella Major League Soccer League di Santander

“Ricordo di essere venuto con Dani Pedrosa nel 2014. ‘Non è venuto molto e ci è piaciuto e la verità è che sta diventando sempre di più’”, ha detto il sei volte iridato della massima categoria. Una volta atterrato l’aereo che ha portato i piloti da Jakarta a Lombok, il pilota della Repsol Honda ha dovuto essere affiancato da un gruppo di guardie del corpo per scortarlo alla sua auto, uno spettacolo insolito nei tanti voli che deve fare. “Qui la MotoGP è fantastica. In effetti, il mio capo mi ha detto che i miei social hanno il 50% di follower indonesiani. Non è la Spagna o l’Italia, è l’Indonesia, il che significa che nonostante abbia molti milioni di residenti, la MotoGP è un grande sport Molto qui. Quando vedi che tutti i marchi più potenti, Honda e Yamaha… stanno facendo grandi eventi in Indonesia, è per una ragione”, ha aggiunto Marquez.

Mandalika si trasforma in MotoGP

massima aspettativa

Sui social ufficiali della MotoGP i tifosi indonesiani sono la maggioranza: 26,4% su Facebook (l’Italia è seconda con 6,7), 26,2 su Instagram (Italia 7,4), 27,8 su YouTube (dietro l’India con 12,1), con dati simili sugli altri. Come Twitter o TikTok. “L’Indonesia è uno dei più grandi paesi al mondo quando si tratta di interessarsi alla MotoGP. Ci siamo resi conto molto tempo fa che il nostro sport era uno sport molto popolare qui e che meritavano di ricevere questo grande premio”, sottolinea Carmelo Izpeleta, Presidente di campionato.

“All’inizio ero un po’ spaventato, perché in molte delle cose che facevamo dovevo essere al top. Ci sono stati cambiamenti dell’ultimo minuto e il tempo era diverso. Ma poi sono rimasto sorpreso dal modo in cui hanno lavorato per creare l’arena , soprattutto come l’hanno regolata. Da quando ho testato la MotoGP “, spiega Eduardo Perales, proprietario del team spagnolo SAG Racing, che ora gareggia sotto il nome Pertamina Mandalika, con la maggior parte degli sponsor indonesiani, i cui piloti sono l’ispanico argentino Gabriel Rodrigo e l’olandese Bo Bendsneider, che ha nonni dal paese curiosamente asiatico. . I suoi parenti si trasferirono nel 1956 da Surabaya, la capitale di East Java, a Rotterdam, un fatto importante nella sua firma di questa struttura.

“Sono molto amichevoli e volevano davvero che andasse bene, hanno spinto così tanto per farlo. È un paese con una grande passione per le motociclette”, afferma Perales. “Puoi vedere la passione e l’eccitazione che le persone provano qui con il ritorno di questo Campionato del Mondo”, ha affermato Angie Ang, conduttrice della serie Trans7 indonesiana, emittente televisiva per MotoGP. “Una volta che i biglietti sono stati messi in vendita, hanno iniziato a vendere molto rapidamente, il che dimostra quanto sia importante. Non facciamo gare da 25 anni e Mandalika è un posto molto carino per questo evento internazionale”. Un posto che è venuto alla Coppa del Mondo per rimanere.