Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Liberazione degli ostaggi a Gaza, morti, notizie e altro ancora

Liberazione degli ostaggi a Gaza, morti, notizie e altro ancora

Israele e Hamas hanno espresso interesse ad estendere la tregua. Ma farlo non sarà facile.

La tregua tra Israele e Hamas è entrata nel suo quarto e forse ultimo giorno, e vi è una crescente pressione su entrambe le parti affinché si prolunghi la cessazione dei combattimenti.

Da venerdì Hamas ha liberato finora 58 ostaggi e Israele ha liberato 117 prigionieri palestinesi dalle sue carceri.

Ma anche se Israele e Hamas potrebbero essere disposti a prolungare la tregua, farlo sarà irto di difficoltà.

Problemi logistici: Non tutte le 240 persone portate a Gaza durante l’attacco del 7 ottobre contro Israele erano o erano affiliate ad Hamas, il gruppo armato che ha lanciato l’attacco. Una fonte diplomatica vicina ai negoziati ha detto alla Galileus Web che più di 40 ostaggi sono detenuti da gruppi diversi da Hamas.

La CNN ha riferito in precedenza che tra i 40 ei 50 ostaggi sono detenuti dal movimento palestinese della Jihad islamica o da altri gruppi armati.

L’accordo di tregua prevede che Hamas – e nessun altro gruppo – consegni gli ostaggi in cambio del rilascio dei prigionieri palestinesi. Quindi, anche se Hamas fosse disposto a prolungare la tregua, potrebbe avere difficoltà a localizzare ulteriori ostaggi. Anche coordinare il loro rilascio potrebbe essere difficile, poiché le comunicazioni a Gaza si sono deteriorate a causa degli attacchi aerei israeliani.

Il primo ministro del Qatar Mohammed bin Abdulrahman Al Thani, che ha contribuito a negoziare l’accordo iniziale, ha detto al Financial Times che qualsiasi estensione dei combattimenti dipendeva dalla capacità di Hamas di trovare più ostaggi.

“Se ottengono più donne e bambini, ci sarà una proroga”, ha detto Al-Thani, aggiungendo che uno degli obiettivi della tregua è che Hamas “cerchi il resto dei dispersi”.

READ  Come "riequilibrare" l'accordo con il FMI promosso da Sergio Massa | Azione urgente per l'economia per invertire il danno sociale dell'accordo

Problemi strategici: Estendere la tregua in cambio del rilascio di ulteriori ostaggi potrebbe anche porre problemi strategici sia per Israele che per Hamas.

Per Hamas, la presa di ostaggi rappresenta l’unica vera influenza che ha su Israele. La promessa di liberare gli ostaggi è stata l’unica cosa che ha fatto arrendere Israele durante sette settimane di combattimenti.

È possibile che Hamas alzi presto il prezzo, chiedendo la cessazione dei combattimenti per un periodo più lungo, o il rilascio di un maggior numero di prigionieri palestinesi, in cambio della liberazione degli ostaggi israeliani. Probabilmente ci sarà un limite al numero di ostaggi che Hamas sarà disposto a rilasciare, perché non sarà disposto a rinunciare alla sua influenza su Israele.

Per Israele, l’accordo di armistizio ha consentito di adottare misure per raggiungere uno dei suoi obiettivi di guerra: garantire il rilascio degli ostaggi israeliani. Ma estendere ulteriormente la tregua potrebbe rendere più difficile il raggiungimento dell’obiettivo finale della guerra: distruggere Hamas.

Il rilascio di tutti gli ostaggi risulta essere un obiettivo di guerra più importante del rovesciamento di Hamas, secondo un sondaggio tra gli israeliani condotto dalla Israel Democracy Initiative prima dell’annuncio della tregua la scorsa settimana. Ma il governo israeliano ha confermato di essere impegnato a raggiungere entrambi gli obiettivi.

Ogni giorno in cui i combattimenti si calmano dà ad Hamas più tempo per riorganizzare le sue fila, prima che i combattimenti possano estendersi al sud di Gaza. Secondo l’accordo di tregua iniziale, Israele e gli Stati Uniti hanno concordato di sospendere i voli di ricognizione dei droni su Gaza, qualcosa che Israele era riluttante a fare perché avrebbe potuto significare perdere traccia dei movimenti dei combattenti di Hamas.

READ  "Una Ferrari senza pilota non sarebbe una Ferrari": il marchio italiano non ha intenzione di integrare la guida autonoma

Pertanto, mentre l’estensione della tregua può raggiungere uno degli obiettivi di guerra di Israele, ne ritarda e forse frustra un altro.

Becky Anderson della CNN ha contribuito a questa pubblicazione.