Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le tasse, il fattore di (in)competitività: perché una promettente star dello sport preferisce l'Italia alla Spagna

Le tasse, il fattore di (in)competitività: perché una promettente star dello sport preferisce l'Italia alla Spagna

Ferran Torres, Kepa o Ceballos in Premier League e Fabian Ruiz, Pau Lopez o Carles Perez in Serie A sono alcuni degli ultimi giovani talenti spagnoli a lasciare la Liga nelle ultime stagioni. Da un lato la possibilità di ottenere più minuti e una maggiore crescita del calcio, dall'altro, cosa non meno importante, tasse più basse rispetto alla Spagna sui professionisti stranieri.

Ha aggiunto: “La questione fiscale ha un peso evidente nel trasferimento di stelle a club fuori dalla Spagna”. Così Felix Plaza, partner del dipartimento di diritto tributario di Garrigi, lo ha riassunto ieri al 4° incontro di diritto sportivo della LaLiga organizzato ieri dall'Associazione dei datori di lavoro.

L'esperto in tasse e consulenza tributaria ha spiegato la situazione con l'esempio fittizio di un calciatore che cambia residenza per un anno, guadagnando quattro milioni di euro nel Paese di origine e sei milioni in quello di destinazione, in cui diventa residente. Applicando le norme particolari di ciascuna giurisdizione, In Spagna si pagheranno 4,5 milioni di euro di tasse, mentre in Italia la cifra scenderà a 2,9 milioni e nel Regno Unito arriverà a 2,7 milioni..

Come ha ricordato Plaza, la cosiddetta Legge Beckham ha consentito ai professionisti altamente qualificati con redditi elevati che, per motivi di lavoro, hanno trasferito la propria residenza fiscale in Spagna, di scegliere di pagare le tasse come non residenti fiscali nel paese per i primi sei anni .

La riforma fiscale proposta dal governo nel progetto di bilancio statale per il 2021 (che ha già la maggioranza politica necessaria per approvare) sarà sul punto di offrire il suo maggiore stimolo grazie ad un aumento di due punti dell’aliquota fiscale marginale. L'Irpf si applica ai redditi da lavoro dipendente pari a 600.000 euro.

READ  FIFA The Best Awards: candidati, tempo, TV, tutto ciò che devi sapere

Questo aumento delle tasse, che potrebbe avere un impatto fino a 60 milioni di euro sulla Liga, la renderà meno attraente per i talenti internazionali tanto ambiti dal calcio spagnolo. Nel frattempo, il Regno Unito e l’Italia, i principali rivali nella Liga insieme alla Bundesliga e alla Ligue 1, mantengono entrambi le tasse come fattore competitivo.

Ora, ogni paese ha le proprie restrizioni. Imposte personali per i calciatori professionisti Nel Regno Unito si applica alle persone fisiche residenti e non residenti nel Paese. In Italia alcuni requisiti sono quelli di non essere stato residente fiscale negli ultimi dieci anni e le tasse non pagate vengono sostituite da un contributo di 100.000 euro all'anno, indipendentemente dall'ammontare dei redditi ottenuti all'estero.

La Francia, dal canto suo, beneficia di questo sistema fiscale pensato per i lavoratori stranieri temporaneamente presenti nel paese È necessario che tu non sia stato residente fiscale in Francia negli ultimi cinque anni. In questi casi, l'erario del Paese applica un'esenzione alle remunerazioni percepite in relazione ad attività svolte fuori dalla Francia.

Impatto del Covid-19 sul settore sportivo

Plaza ha anche messo in guardia sulle conseguenze che la crisi del Covid-19 avrà sul settore dello sport. E conferma: “Nel 2021 ci aspetta una difficile ripresa economica a causa dell’elevato tasso di disoccupazione e dell’elevato grado di debito”.

Per quanto riguarda l’impatto economico sull’industria sportivaIl settore ha contribuito ad aumentare la creazione di posti di lavoro di circa un milione di posti di lavoro, da 5,6 milioni nel 2012 a 6,5 ​​milioni nel 2020.. Inoltre, l’industria sportiva ha aumentato il proprio contributo al PIL europeo, passando dal 2,12% nel 2012 al 2,15% nel 2020.

READ  Catania: cosa è successo alla nazionale italiana, dove ha vinto Juan Manuel Vargas, che oggi è stato incoronato con un milione di dollari? | Serie A | NCZD DTCC | Sport totali

Al contrario, secondo l'esperto Garrigues. Il virus Corona ha portato alla cancellazione di circa 84.134 posti di lavoro nel settore sportivo in Spagna. Secondo una stima della Commissione europea, “la pandemia prosciugherà fino al 19,3% del Pil del settore in Spagna, contro una media del 15,7% per l’intera Unione europea”, ha lamentato Plaza.