Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le intenzioni di assunzione rimangono, nonostante la più grande carenza di talenti in 17 anni

Le intenzioni di assunzione rimangono, nonostante la più grande carenza di talenti in 17 anni

I datori di lavoro di 41 paesi in tutto il mondo prevedono di assumere più dipendenti nel secondo trimestre di quest’anno 2023, nonostante le difficoltà incontrate dai datori di lavoro panamensi nel trovare talenti con le competenze richieste.

Gli attuali livelli di carenza di talenti sono visti come i “più alti in 17 anni”, non solo a Panama ma in tutti i paesi analizzati, secondo l’ultima edizione dell’indagine sulle prospettive occupazionali di ManpowerGroup.

A livello nazionale, oltre 200 datori di lavoro hanno segnalato intenzioni di assunzione “più elevate” per il secondo trimestre del 2023 (aprile-giugno) rispetto al trimestre precedente. Pertanto, secondo il sondaggio, “le intenzioni di assunzione delle aziende panamensi rimangono stabili”. Rispetto allo scorso anno, la previsione occupazionale del Paese, nel secondo trimestre dell’anno, è aumentata dell’8%, raggiungendo il 41%. Il tasso di difficoltà nel coprire i posti vacanti è del 65%, che è il più basso riportato al mondo in questo rapporto.

Intenzioni più forti e più deboli

I responsabili delle assunzioni in tutta l’America rimangono affidabili. Secondo il sondaggio, 11 paesi e territori nelle Americhe presentano prospettive occupazionali positive per il secondo trimestre, con miglioramenti in 7 paesi rispetto al trimestre precedente e in 4 paesi rispetto al 2022.

I reclutatori a Panama (41%) hanno la più alta intenzione di assumere sia a livello regionale che globale, rimanendo 15 punti sopra la media globale. Le intenzioni di occupazione stanno aumentando anno su anno e trimestre su trimestre, rispettivamente dell’8% e del 2%.

A livello regionale, Panama è seguita da Costa Rica (38%) e Guatemala (38%). La previsione di area più bassa è stata osservata in Argentina (16%). I datori di lavoro statunitensi (30%) hanno riportato un moderato aumento (1 punto) delle loro aspettative rispetto al trimestre precedente. Al contrario, i datori di lavoro in Canada (26%) hanno registrato un calo (-6 punti) ea Porto Rico (26%) le aspettative sono rimaste invariate.

mentre in Olanda, Norvegia e Svizzera le intenzioni occupazionali sono al 31%; In Australia, Hong Kong e India è del 30%. in Colombia, Cina e Messico 29%; Austria 28%; Singapore 27%; Finlandia, Francia, Porto Rico e Sudafrica 26%.

Nella media mondiale, Perù (23%), Irlanda 22%, Brasile, Turchia, Regno Unito 21% Tra le prospettive occupazionali più deboli: Germania e Israele 19%, Belgio 18%, Italia 17%, Argentina e Portogallo 16% e il Repubblica Ceca 15%, Romania 13%, Giappone, Slovacchia e Spagna 10%, Svezia e Taiwan 9%, Polonia 8%, Grecia 7% e Ungheria 1%. “La regione del Latam è in testa nelle previsioni sull’occupazione globale, in particolare Panama, Costa Rica e Guatemala, (e) solo l’Argentina è meno ottimista, ma i suoi risultati sono comunque positivi”, ha affermato Mónica Flores B, presidente di ManpowerGroup Latam.

READ  CEOE chiede maggiore flessibilità nella gestione dei fondi europei

Domanda di talento

Per il secondo trimestre dell’anno è prevista una forte domanda di talenti in tutti i settori chiave a livello nazionale. I servizi di telecomunicazione e i posti di lavoro nella tecnologia dell’informazione continuano a guidare la maggior parte della domanda di lavoro a Panama.

Le organizzazioni nel settore dei servizi di telecomunicazione (75%) rappresentano la previsione più ottimistica. Le aspettative per questo segmento sono aumentate del 18% in sequenza. Seguono il settore IT (52%), energia e utilities (50%), manifatturiero (48%), finanza e immobiliare (44%), trasporti, logistica e automobili (37%), beni di consumo e servizi ( 35%), Scienze della vita e della salute (28%) e altre o nessuna delle precedenti (20%).

A livello globale, Panama è al secondo posto per prospettive occupazionali nel settore dei servizi di telecomunicazione, superando di 42 punti percentuali la media di 41 paesi. Panama è anche al primo posto al mondo nel settore manifatturiero (48 punti), superando la media mondiale di 29 punti percentuali.

“I nove settori hanno prospettive occupazionali positive e questo secondo trimestre è molto importante perché porta con sé molte opportunità per chi cerca lavoro a Panama”, ha dichiarato il Direttore Generale di ManpowerGroup per Messico, Caraibi e America Centrale, Alberto Alessi.

Geograficamente, le migliori prospettive occupazionali si osservano nel centro del paese (50%), Metro Sur (43%), Occident (28%) e Metro Norte (18%).

Carenza di talenti: confronto per Paese

Secondo i dati del sondaggio, l’attuale carenza globale di talenti è al livello più alto degli ultimi 17 anni. Quasi 4 datori di lavoro su 5 a livello globale hanno segnalato difficoltà a trovare i talenti di cui hanno bisogno nel 2023, con un aumento di 2 punti percentuali rispetto allo scorso anno e un raddoppio rispetto al 2015 (38%).

Finora nel 2023, il deficit globale di talenti è al 77%, 2022 al 75%, 2021 al 69%, 2020 (pandemia) non misurato, 2019 al 54%, 2018 al 45%, 2016 al 40%, 2015 al 30%, 2014 del 36%, 2013 del 35%, 2012 del 34%, 2011 del 34% e 2010 del 31%. Analizzando questi rapporti, si nota che nell’ultimo decennio i datori di lavoro hanno incontrato serie difficoltà nel coprire i posti vacanti.

READ  L'economia è cresciuta dello 0,1% nel terzo trimestre grazie alla tenuta dei consumi nonostante l'inflazione

Pertanto, gli effetti maggiori si registrano a Taiwan con il 90% di difficoltà a coprire i posti vacanti, Germania 86%, Hong Kong 85%, Portogallo 84%, Porto Rico 83% e Singapore 83% (un piccolo paese asiatico con una popolazione di poco più di cinque milioni è noto), superando i paesi più ricchi d’Europa nelle classifiche dell’istruzione).

Le minori difficoltà nel coprire i posti vacanti sono state segnalate in Colombia 64%, Panama 65%, Repubblica Ceca 66%, Slovacchia 68%, Messico 69%, Perù 70%, Costa Rica 69%, Turchia, Polonia, Guatemala 72%, Paesi Bassi 73% , Norvegia 74%, Stati Uniti e Italia 75%. “In LAC, la carenza di talenti è del 71%, il che significa che 7 datori di lavoro su 10 hanno difficoltà a trovare i talenti di cui hanno bisogno”, ha affermato Flores.

I lavori più richiesti dai datori di lavoro a Panama sono: reception, servizio clienti, operazioni, logistica, marketing, vendite, ingegneria, posizioni IT e analisi dei dati. “Poiché tutti gli aspetti della vita diventano più tecnici, il potere umano sta emergendo nell’era digitale”, ha affermato Flores.

Le cinque competenze trasversali più richieste a Panama sono: pensiero critico e analisi, affidabilità e autodisciplina, risoluzione dei problemi, collaborazione e lavoro di squadra e iniziativa.

Quando si affronta una carenza di talenti, anche la formazione e l’aggiornamento sono strumenti fondamentali per trattenere e adattare i talenti pronti per il futuro del lavoro.

Speranza per il recupero

Da parte sua, il consulente del lavoro, Rene Quevedo, ha definito il rapporto Manpower “una buona notizia”, ​​perché mostra che dopo la pandemia, l’economia e l’occupazione a Panama si sono riprese, ma a “velocità diverse”.

Quevedo ha commentato che dopo aver sperimentato la quarta peggiore recessione economica mondiale nel 2020, il PIL di Panama nel 2022 ha superato il livello del 2019. Tuttavia, tra il 2020 e il 2021, 407.000 posti di lavoro formali sono stati persi nella società privata. (364mila nel 2020 + 43mila lavoratori sospesi che non hanno recuperato il posto di lavoro), il 47% del totale attuale nel 2019.

READ  Circa 2.000 tunisini in situazione irregolare sono stati espulsi dall'Italia nel 2020

Tuttavia, a suo avviso, “la ripresa di questi posti di lavoro è stata lenta”. Nel 2022, Mitradel ha elaborato 20.000 nuovi contratti di lavoro al mese, rispetto ai circa 32.000 al mese dell’anno pre-pandemia, mentre secondo l’Istituto Nazionale di Statistica e Censimento (Inec) ogni anno si aggiungono all’economia 10.000 nuovi lavoratori informali . Mesi.

In questo contesto, ha insistito Quevedo, “le aspettative occupazionali indicate nell’indagine sulle forze di lavoro sono un segnale della continua ripresa dell’occupazione formale, in un’economia che ha perso la capacità di generarla”. Per riferimento, ha affermato che nel 2022 Metradel ha elaborato 240.000 contratti commerciali, rispetto ai 445.000 del 2017 (378.000 nel 2019). “La scarsa disponibilità di posti di lavoro indica che l’ambiente imprenditoriale panamense sta diventando un mercato di acquirenti, dove la domanda di lavoro è molto più alta dell’offerta e i datori di lavoro sono più esigenti quando si tratta di assumere”, ha affermato Quevedo.

Ha sottolineato che questo spiega anche le difficoltà che molte aziende (65%) incontrano nell’assumere dipendenti con le competenze adeguate, il che è coerente con il profilo di creazione di posti di lavoro post-pandemia, poiché esiste una chiara relazione tra istruzione e qualità del lavoro. Infatti, ha evidenziato, le maggiori prospettive occupazionali si riscontrano nei servizi di telecomunicazione, che richiedono un’istruzione media di 14,8 anni (l’istruzione media di un lavoratore panamense è di 11,7 anni) e 4 lavoratori su 5 hanno perso il lavoro a causa della pandemia . 11 anni o meno di istruzione formale.

Secondo l’ultimo Panamanian Consumer Confidence Index (pubblicato alla fine dello scorso febbraio), la percezione della disoccupazione a Panama si attestava a 83 punti, 12 punti in più rispetto alla misurazione precedente, e ancora su livelli di “sfiducia”.

Misurata a gennaio 2023, la percezione dell’occupazione nel paese era ancora deprimente, poiché il 27% dei panamensi intervistati ritiene che non troverà un lavoro nei prossimi 12 mesi, il 31% ritiene che sia improbabile trovarne uno, mentre l’11% ritiene ritiene molto probabile che avrà un lavoro e il 16% ritiene molto probabile che avrà un lavoro.