Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le esportazioni di Castilla-La Mancha sono aumentate nel primo semestre

Le esportazioni della regione tra gennaio e giugno 2021 hanno raggiunto i 4268 milioni di euro, rappresentando Un aumento del 28,5% rispetto allo stesso periodo del 2020, quando era sceso del 7,7%. In Spagna, le esportazioni sono aumentate del 23,3% a 152,961 milioni di euro.

Lo dimostra il recente rapporto redatto da questa Direzione Regionale del Commercio – ICEX in Castilla-La Mancha, con i dati presentati dall’Amministrazione delle dogane AEAT a questo Ministero dell’Industria, del Commercio e del Turismo, in cui si indica che dalle province , da gennaio a giugno 2021, ha occupato Ciudad Real, con un valore di 1.201 milioni di euro, nelle esportazioni (+35,9%).

Guadalajara con 1.061 milioni è seconda (+38,3%); Toledo è la terza provincia esportatrice, con 1.055 milioni di euro (+16,8%), seguita dalle province di Albacete con 582 milioni di euro (+17,2%) e Cuenca, con 370 milioni di euro, che registrano un significativo aumento delle esportazioni (+36,4%). ).

Da parte sua, luicome tale Le importazioni dalla regione sono state pari a 4.945 milioni di euro, in crescita del 17%, mentre in Spagna sono aumentate del 20,3% a 158.358 milioni di euro. Importando le province, Guadalajara è al primo posto, con un aumento del 16,7%, seguita da Toledo (+ 17,2%), Ciudad Real (+ 44,9%), Albacete (-3,2%), Cuenca (+ 24,1%).

Di conseguenza, il saldo commerciale della regione a giugno 2021 si è attestato a -677 milioni di euro, un disavanzo che è diminuito del 25,1% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente; Sebbene il tasso di copertura (Xs/Ms) sia stato dell’86,3%, è ancora nettamente inferiore alla media nazionale (96,6%).

settori di esportazione

Tra gennaio e giugno 2021, i prodotti agroalimentari si sono posizionati al primo posto nelle esportazioni regionali con un valore di 1.396 milioni di euro, rappresentando il 32,7% delle esportazioni totali di Castilla-La Mancha e registrando un aumento del 12,8% rispetto allo stesso periodo del 2020.

READ  La Nación / Creeranno un database di iniziative circolari affinché i consumatori possano scegliere

E guida il settore delle bevande 442 milioni di euro, un aumento delle vendite del 7,4%. Al secondo posto il settore della carne, che raggiunge i 285 milioni, con un incremento del 5,4%. I prezzi di frutta, verdura e legumi sono aumentati del 7,3% (210 milioni di euro). Le esportazioni di latticini e uova sono aumentate del 14,0% (157 milioni) e le esportazioni di petrolio sono state pari a 151 milioni di euro con una forte crescita del 59,4%.

Spiccano poi i beni strumentali con 1.101 milioni e un incremento del 41,9% – elettrodomestici, apparecchiature e macchinari per telecomunicazioni, principalmente -, mentre al terzo e quarto posto si collocano i prodotti chimici (+46,1%) e i semichimici non chimici. . I manifatturieri (+32,7%) sono rispettivamente 580 e 427 milioni. In questo periodo il manifatturiero di consumo (tessile e calzaturiero*) ha recuperato (419 milioni) ed è cresciuto del 13,0%.

settori di importazione

I beni strumentali si sono distinti sugli altri (1,616 milioni), con un incremento del 18,1%, con apparecchiature per ufficio e telecomunicazioni che si sono attestate a 690 milioni (+18,1%). Il secondo settore di importazione è il settore dei prodotti chimici, con una quota di 916 milioni, in diminuzione del 2,6%, mentre al terzo posto si colloca il settore dei prodotti agroalimentari, con un valore di 762 milioni, cresciuto in questo periodo dell’8,9%.

paesi di destinazione

Tra gennaio e giugno 2021, l’Unione europea ha monopolizzato la maggior parte delle esportazioni di Castilla-La Mancha, che rappresentavano il 70,2% del totale. Nell’Eurozona, il Portogallo è il principale cliente con 809 milioni di euro (+23,1%), seguito da Francia con 716 milioni (+47,6%), Italia con 362 milioni (+47,3%) e Germania con 344 milioni (+3,0%) .

READ  Le vendite al dettaglio dell'Eurozona sono diminuite più del previsto a giugno Secondo Reuters

Al di fuori dell’UE, invece, le esportazioni verso il Regno Unito sono state di 147 milioni, con un incremento del 4,5% nei primi sei mesi di Brexit; Il loro numero in Turchia ha raggiunto i 103 milioni (+34,5%) e in Russia 32 milioni (-4,5%).

Al di fuori dell’ambiente più vicino, spiccano le esportazioni verso: Stati Uniti – 155 milioni, -18,2% -, Canada – 22 milioni, +22,9% -, Messico – 41 milioni, +9,2% -, Brasile – 18 milioni, +21,3% -, Cile – 13 milioni di euro, +28,4% – e Argentina – 5 milioni di euro, -13,5% -.

Spiccano invece il Marocco – 74 milioni, +31,1% -, l’Algeria (15 milioni, +4,8% – e il Medio Oriente – 117 milioni, +20,3% – in Asia spicca la Cina con 164 milioni – +52,1%). – e Giappone – 38 milioni – 24,7%) mentre la Corea del Sud ne ha 21 milioni – +26,7% -.

Per quanto riguarda le importazioni, il 71,2% è di origine comunale – Germania e Francia, principalmente. Al di fuori dell’UE, da segnalare il 10,7% del nostro principale fornitore extra-UE, la Cina, con 530 milioni, in crescita del 26,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.