Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le economie mondiali sono in declino

Le economie mondiali sono in declino

La crisi economica causata dall’epidemia e le conseguenze della guerra in Ucraina, così come la crisi del gas o il generale aumento dei prezzi, stanno provocando squilibri nelle economie di diverse parti del mondo. In questo contesto, il Fondo Monetario Internazionale ha annunciato le sue previsioni economiche per alcuni paesi.

Secondo i calcoli di questo istituto finanziario, più di un terzo dell’economia mondiale si contrarrà nel 2023. Tra i paesi più colpiti ci sono Germania e Italia, dove incidono fortemente gli effetti del rialzo dei prezzi e della guerra in Ucraina. Ecco perché il Fondo Monetario Internazionale avverte che questi due paesi potrebbero entrare in recessione nel 2023, ovvero le loro economie andranno in declino per almeno due trimestri consecutivi.


Il FMI, invece, garantisce che il disavanzo pubblico spagnolo raggiunga il 4,9% del PIL nel 2022 e prevede che questo indicatore rimanga al di sopra del 4% fino al 2027. Quanto al debito, scenderà al 113,6% del PIL nel 2022, dopo aver raggiunto quota 120 % nel 2020 con l’epidemia di Corona virus.

Che cos’è il FMI e quali sono le sue responsabilità? Cosa intendiamo quando parliamo di PIL, debito pubblico e deficit pubblico? In che modo tutti questi concetti influenzano l’economia di un paese? Lo spieghiamo di seguito.

Il Fondo Monetario Internazionale, un’istituzione finanziaria globale

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) è un’organizzazione internazionale che mira a raggiungere una crescita economica sostenibile e prosperità per tutti i suoi paesi membri (ci sono 190 paesi in totale).

Per raggiungere questo obiettivo, questa istituzione svolge tre funzioni principali: supervisione (monitoraggio dello sviluppo economico e finanziario dei paesi), assistenza finanziaria (prestare denaro e fornire altra assistenza ai membri) e assistenza tecnica (aiutare i governi ad attuare politiche economiche sane).

READ  Quali sono i paesi più attraenti per investire nelle fonti energetiche rinnovabili?

I prestiti concessi dal Fondo Monetario Internazionale possono aiutare i paesi che stanno attraversando una grave crisi economica. Con questi soldi, il paese in questione deve attuare politiche economiche che lo aiutino a prosperare. Il problema è che i paesi devono rimborsare il prestito a un interesse fissato dal fondo e molti governi hanno difficoltà a rimborsare questo prestito.


Il Fondo Monetario Internazionale è stato creato nel luglio 1944, attraverso una conferenza delle Nazioni Unite, per prevenire il ripetersi delle svalutazioni valutarie che hanno causato la Grande Depressione degli anni ’30. Per autofinanziarsi, riceve una serie di quote conferite dai paesi.

Il Fondo Monetario Internazionale monitora le economie dei suoi Stati membri e fa previsioni su come saranno nel prossimo futuro dal punto di vista economico. Tra gli altri fattori, il FMI studia lo stato del debito pubblico o del disavanzo pubblico in relazione al PIL.


Standard economici

Il prodotto interno lordo è un indicatore economico che misura la ricchezza generata da un paese. In particolare, riflette il valore monetario di tutti i beni e servizi finali prodotti da una regione in un determinato periodo di tempo.

Quando il PIL sale, significa che fattori come consumi, spesa e investimenti sono in aumento, il che porterà un effetto positivo nel paese in questione. Più alto è il PIL di un paese, maggiore è la sua capacità economica e, quindi, più è probabile che generi occupazione e prosperità economica.

Tuttavia, quando il PIL scende, significa che i consumi e la spesa sono paralizzati, riducendo i profitti delle aziende e riducendo l’occupazione e le opportunità di investimento. Un calo del PIL può portare a una recessione economica.

READ  Kristalina Georgieva, capo del Fondo monetario internazionale, guida la lista delle donne più potenti del mondo

Monete in euro, in archivio.

mf

Dall’altra parte, abbiamo il deficit pubblico, che si riferisce alla situazione che si verifica quando lo Stato non è in grado di raccogliere fondi sufficienti per coprire le proprie spese. Quando la spesa pubblica è maggiore delle entrate, si dice che il Paese ha un deficit pubblico.

Per riferirsi al disavanzo pubblico si usa generalmente la percentuale che rappresenta il rapporto tra il PIL di un Paese e le spese che realizza. Ad esempio: in un paese con 100 euro di PIL, il governo spende 10 euro ma guadagna solo 8 euro, in questo caso il deficit pubblico è del 2% rispetto al PIL.

Il deficit pubblico, a sua volta, è legato al debito pubblico. Se un paese è in deficit (guadagna meno di quanto spende), dovrà trovare una fonte esterna di finanziamento: questo finanziamento esterno genera anche debito, perché a un certo punto il denaro dovrà essere rimborsato. Il debito totale posseduto dallo stato (il denaro totale che ha preso in prestito da altre istituzioni o governi) è noto come debito pubblico. Come il deficit, anche il debito pubblico è rappresentato in percentuale del PIL.


Leggi anche


Sottoscrizione!

Lavora con l’attualità in classe con un report per principianti Materiali e risorse didattici: ogni giorno notizie fresche con diapositive e attività

Notizie di oggi Junior Report