Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le dichiarazioni dell’ex direttore del ponte Morandi hanno indignato l’Italia: “Sapevo che sarebbe crollato nel 2010, ma non ho detto niente”

Le dichiarazioni dell’ex direttore del ponte Morandi hanno indignato l’Italia: “Sapevo che sarebbe crollato nel 2010, ma non ho detto niente”

Dichiarazioni di Gianni Meone, ex amministratore delegato di Edizione, la holding della famiglia Benetton

In dichiarazioni che hanno provocato un’intensa rabbia ItaliaUno dei principali dirigenti della società di gestione Ponte Morandi Di Gene I dubbi sulla stabilità del viadotto erano stati sollevati anni prima del crollo, ma sono stati ignorati dagli amministratori.

Gianni MioneEx amministratore delegato EdizioneGestione familiare BenettonLunedì è stato riconosciuto che era noto un potenziale crollo di un edificio incontro nel 2010Otto anni prima del crollo che uccise 43 persone.

“Si sapeva che il ponte era un Il piano originale era difettoso e rischiava di crollare”, ha detto Mion testimoniando al processo della tragedia.

Mian non è solo un testimone. Era considerato destro Gilberto BenettonUno dei fondatori del gruppo (morto nel 2018, due mesi dopo il crollo del ponte). Edizione, La holding Benetton controllata dall’amministratore delegato di Mion AtlantideIl più grande concessionario autostradale ItaliaE Autostrada per l’Italia (ASPI), l’ente responsabile gestione E questo Manutenzione della rete stradale.

“Ho chiesto se c’era qualcuno da proteggere e certificare Ricardo Mollo Mi ha detto ‘certifichiamo’. Mollo Fu poi Direttore Generale dell’Aspi.

“Purtroppo non ho detto niente, ma ero preoccupato”, ha continuato Mion. “Cos’è l’autocertificazione? Questo è un paradosso. Non sono d’accordo ma Non ho detto niente, scusa”.

Il ponte Morandi crollato il 14 agosto 2018 (REUTERS/Stefano Rellandini/file)

Ha inoltre informato l’assemblea Tutti d’accordo sull’autocertificazione: “Per quanto riguarda il tipo di lavoro, viene verificato da una terza persona o puoi chiudere il ponte. Ma l’autocertificazione mi sembrava ridicola, e nessun altro aveva dubbi, e tutti erano d’accordo.

READ  Zero de Italia cambia il corso della diciannovesima fase

All’incontro partecipò nientemeno che Molo, allora amministratore delegato dell’Aspi, otto anni prima del disastro. Giovanni Casteluccie amministratori della holding Edizioni e la sua controllata Atlantide, compreso il fondatore Gilberto Benetton.

“Sapevamo che c’era un problema di progettazione con il ponte, lo sapevamo.”aggiunse Mion. “In quella riunione c’erano tutti: il consiglio di amministrazione AtlantideL’amministratore delegato, il direttore generale, la direzione e loro ci hanno spiegato che questo ponte ha un’unicità progettuale molto complessa. Un ponte molto originale ma problematico”.

L’allora amministratore delegato di ASPI, Giovanni Castellucci (REUTERS / Massimo Pinca / file)

Le dichiarazioni di Mion, che non sono state oggetto di rinvio a giudizio, hanno indotto la difesa di uno dei dirigenti di Autostrade per l’Italia a chiedere di interrogare anche l’ex amministratore di Edizione. I giudici hanno detto che si riservano il diritto di rivedere la petizione.

Hanno provocato rabbia e risentimento tra i parenti delle vittime.

“Mi chiedo come si possa mantenere la calma quando si hanno tra le mani informazioni così serie Come possono alcune persone dormire sonni tranquilli?“, disse egle possettiPresidente del Comitato Commemorazione Ponte Morandi.

“Se fossi stato al suo posto e avessi saputo lo stato delle infrastrutture, non sarei rimasto in silenzio e avrei fatto in modo che il problema venisse a galla. Speriamo che qualcuno paghi“, Ha aggiunto.

Un Cambio sul ciglio del ponte dopo il crollo, in una delle immagini iconiche della tragedia (REUTERS/Stefano Rellandini/File)

Nelle successive dichiarazioni ai giornalisti, Mion ha ammesso di “aver fatto un pasticcio” dopo l’incontro. Tuttavia, ha detto che alla fine non ha riferito nulla.Forse ero preoccupato per il lavoro.

READ  Ondata di caldo 'Lucifero' colpisce l'Italia, 48,8 gradi Celsius registrati in Sicilia

Il ponte Morandi di Genova è crollato il 14 agosto 2018, uccidendo 43 persone, spaccando la città a metà e costringendo centinaia di persone ad abbandonare le proprie case.

Nel luglio 2022 è iniziata un’indagine sull’evento, che ha rivelato la scarsa sicurezza del ponte. C’è un totale 59 persone sono state accusate Nell’inchiesta civile figurano dirigenti, funzionari e tecnici di Autostrada per l’Italia, del ministero delle Infrastrutture e della Société Progetazioni Edli Autostratali (Spea), la società di ingegneria che ne cura la manutenzione. Le accuse, tra l’altro, Omicidi multipli, omicidio Dentro Strada, Crollo deliberatoInosservanza di atti d’ufficio, aggressione alla sicurezza stradale, falsificazione dei dispositivi di sicurezza sul lavoro e dolo.

Erano presenti al processo 350 parti civili, tra persone fisiche, associazioni, società ed enti che chiedono un risarcimento. Autostrada per l’Italia e Spee hanno già raggiunto un accordo di responsabilità amministrativa, pagando un risarcimento complessivo di circa 30 milioni di euro ai familiari delle 43 persone colpite dal crollo.

Al processo si sono costituite 350 parti civili tra persone fisiche, associazioni, società ed enti che hanno chiesto un risarcimento (REUTERS / Stefano Rellandini / Fascicolo)

Il disastro ha anche suscitato proteste ASPI fra Governo italiano, Atlantide e famiglia BenettonHa posseduto l’azienda per due decenni.

Nel giugno 2021 le autopsie sono tornate di pubblico dominio grazie a un buyout da parte di un consorzio controllato dalla Banca Generale Italiana. Cassa Deposito e Prestito e composto da Blackstone Infrastructure Partners e Macquarie Asset Management.

Il ponte è stato ricostruito su progetto dell’architetto Renzo Piano e inaugurato il 3 agosto 2020. Il nuovo viadotto in acciaio è composto da 18 piloni e 43 lampioni, quasi cinque anni fa in quel tragico giorno del 14 agosto in cui persero la vita 43 persone.

READ  Un misterioso anello di luce rossa è apparso nel cielo sopra l'Italia, di cosa si trattava?

Continua a leggere:

Una pericolosa mafia italiana cerca di recuperare un carico di droga perso nel crollo del Ponte Morandi