Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le crociere si preparano a tornare in Spagna dopo la fine del veto del governo

Le crociere internazionali potranno nuovamente fare scalo in Spagna dal 7 giugno. Un anno dopo che l’ingresso nei porti nazionali era stato vietato a causa della situazione sanitaria, le grandi compagnie di navigazione hanno iniziato a spostare le loro navi per operare dalla Spagna in un’estate caratterizzata da protocolli sanitari a bordo.

Diverse aziende hanno disegnato i loro piani, che devono essere modificati secondo i requisiti stabiliti dalla sanità. Tra l’altro, stanno valutando di fare dei test antigeni All’inizio e durante gli attraversamenti, oltre a utilizzare appositi filtri dell’aria per mantenere la ventilazione delle aree comuni. D’altra parte, considerano anche l’uso obbligatorio di mascherina Nelle aree comuni limitare la capienza ad un massimo del 70% della capienza dell’imbarcazione, escludere le tradizionali Buffet ristoranti o creare un braccialetto che lo permetta Geolocalizzazione a contatti potenzialmente infetti.

Quasi 11 milioni di passeggeri all’anno e circa 6000 milioni di euro di impatto economico, fanno della Spagna la seconda destinazione in Europa per accoglienza di crocieristi nel 2019. Pochi giorni fa, più di 60 associazioni e aziende del settore turistico hanno firmato una dichiarazione chiedendo il governo a revocare il veto. Hanno anche mostrato la loro preoccupazione per il fatto che le compagnie di navigazione abbiano deciso di spostare la loro attività in altre aree del Mediterraneo e lasciare la Spagna fuori dai loro cerchi. Paesi come Italia, Grecia, Cipro, Malta e persino Israele hanno già aperto i loro porti a questa attività.

“Per quanto riguarda gli affari, ci sarebbe piaciuto se i porti fossero stati aperti prima, ma ovviamente dal punto di vista sanitario abbiamo dovuto aspettare che il momento fosse il più sicuro possibile”, afferma. Direttore Generale di MSC in Spagna, Fernando Pacheco, in conversazione con indipendente. La sua intenzione è di ripristinare l’attività in Spagna il prima possibile. “Entro la fine di giugno avremmo dovuto iniziare a lavorare nei porti spagnoli”, spiega.

In ogni caso, l’azienda si dice “estremamente ottimista”, perché le agenzie di viaggio – che gestiscono il 95% delle prenotazioni – hanno già notato la voglia di viaggiare. “Ci stanno dicendo che c’è una grande richiesta di informazioni e siamo fiduciosi che saranno prenotate in pochi giorni”, afferma. Per i nuovi clienti, ricordiamo che dobbiamo aggiungere una parte dei passeggeri rimasti a terra l’anno scorso per restrizioni e quelli che hanno fornito il voucher di garanzia della prenotazione.

Nello specifico, la compagnia intende lavorare con due navi dalla Spagna. MSC Grandiosa, costruita nel 2018, e MSC Seashore sono ancora in costruzione oggi, ma hanno lasciato i cantieri a luglio. All’inizio di agosto inizieranno i lavori dal porto della capitale catalana. Della flotta totale di 19 navi di proprietà di MSC in tutte le destinazioni, si prevede che la metà sarà operativa quest’estate.

Le compagnie di navigazione devono avere convenzioni con ospedali e hotel in ogni porto, al fine di accogliere i clienti che ne hanno bisogno.

“Se un passeggero inizia a mostrare sintomi a bordo, verrà messo in quarantena in una cabina singola”, ripete Pacheco. Infatti, la compagnia di navigazione ha deciso di riservare un intero ponte per ogni nave isola Casi di virus corona o sospetta infezione. A parte questo, le compagnie di navigazione devono avere accordi chiusi con Ospedali e con Alberghi In ogni porto, per poter accogliere i clienti che ne hanno bisogno. Le compagnie di crociera sostengono le spese di rimpatrio.

Allo stesso modo, tutte le aziende hanno stabilito un sistema viaggi con le bolle, organizzata con aziende che seguono gli stessi protocolli di una compagnia di spedizioni con trasporto sterile e dipendenti con sorveglianza sanitaria. Allo stesso modo, gli spazi visitati sono riservati al gruppo crocieristi o la visita avviene in periodi di minor affluenza.

Costa Crociere

per questa parte, Costa Crociere Linee marittime costiere attualmente operative in Italia (Solo porti dello stesso paese). Tra la flotta di 13 navi della compagnia, la compagnia prevede di attivare quest’estate due navi nella regione del Mediterraneo occidentale e altre due nella regione orientale. In Spagna contatterà la sua nave ammiraglia, Costa Smeralda, dal 5 luglio da Barcellona. Eseguirai rotte tra l’Italia, la Francia e il nostro Paese.

Il suo protocollo richiede ai passeggeri di misurare la temperatura ogni mattina e, in caso contrario, vengono avvisati e devono passare attraverso il dispensario. Il personale di questo servizio è stato rafforzato e le navi si divertono Laboratorio a bordo Per analizzare tutte le prove. Per quei passeggeri che devono sottoporsi al test PCR per rientrare nei paesi di origine, la compagnia di navigazione offre anche il servizio a bordo.

Norwegian Cruise Lines

azienda Norwegian Cruise Lines Ha deciso di posticipare il suo ritorno nel Mediterraneo occidentale al 5 settembre. Da quel momento in poi, farà crociere di sette notti fino al 24 ottobre. “L’Europa è una delle principali destinazioni turistiche, quindi non vediamo l’ora di tornare in alcuni dei nostri amati porti di origine, riprendere quegli itinerari e accogliere i nostri ospiti per vivere la vacanza di una vita nel modo più piacevole possibile”. indipendente Kevin Popols, Direttore Generale, NCL Europa.

Il suo protocollo di sicurezza include, tra le altre cose, vCulla obbligatoria per i passeggeriFiltri dell’aria speciali e maggiori risorse mediche a bordo. “Inoltre, per migliorare ulteriormente il distanziamento fisico, abbiamo aumentato lo spazio nelle sale da pranzo, nei luoghi di intrattenimento e in altri luoghi sull’aereo”, aggiunge Poppols. Allo stesso modo, la compagnia di navigazione collabora anche con i tour operator locali affinché i passeggeri mantengano gli stessi protocolli a terra in ogni destinazione di scalo.

per me Associazione Internazionale delle Compagnie di Crociera (CLIA), nel 2019 le crociere internazionali hanno contribuito al PIL nazionale per circa 2.800 milioni di euro e generato circa 50.000 posti di lavoro e 1.500 milioni di euro di stipendi.

READ  Andrea Frigrio svela perché si è rifiutata di partecipare a MasterChef Celebrity: 'Non mi sento a mio agio'