Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’azienda di famiglia si sente esclusa dal piano di ripresa

Il Family Business Institute ha espresso ieri la sua insoddisfazione per i piani che il governo deve affrontare per uscire dalla crisi COVID nel suo incontro annuale, un provvedimento che ha incluso l’intervento del Secondo Vice Primo Ministro e Ministro dell’Economia, Nadia Calvino, e del Presidente di Deloitte Fernando Ruiz.

L’organizzazione, che rappresenta un centinaio di imprese familiari riconosciute in tutta la Spagna, ha rovinato i piani del CEO di aumentare le tasse e non ha collaborato con il settore privato nell’elaborazione di una strategia per investire i fondi di recupero europei.

Argomento IEF

“Una maggiore pressione fiscale ridurrà la competitività delle aziende spagnole”

“Spesso ci sentiamo esclusi dalle operazioni di trading. Siamo consapevoli di una certa sfiducia da parte delle pubbliche amministrazioni. In quel momento, in collaborazione con IESE, abbiamo fornito idee su come affrontare questo disegno di diffusione dei fondi, con iniziative tra pubblico e privato. settori, simili ad alcuni paesi limitrofi, che non sono stati seguiti ”, ha lamentato il presidente, Marc Puig, CEO di Puig, la multinazionale catalana di profumi, moda e cosmetici.

Per quanto riguarda l’aumento delle tasse, ha ritenuto che “l’aumento del carico fiscale non faciliterà il recupero”, soprattutto considerando che paesi come Francia, Germania, Italia, Portogallo e Grecia hanno ridotto il carico fiscale e questo penalizzerà in modo competitivo le imprese spagnole. “Chiediamo un ambiente non ostile, con regole chiare e prevedibili, che consentano agli agenti economici di sviluppare progetti alla pari con i loro concorrenti europei”. Allo stesso modo, lamenta la scarsità di assistenza diretta concessa dall’Autorità esecutiva alle società spagnole. Secondo i dati del FMI della fine del 2020, la Spagna ha stanziato a malapena il 3,6% del suo PIL sotto forma di aiuti diretti, mentre la media per i paesi sviluppati è del 10%. (L’Italia ha assegnato il 5,1%, la Francia il 6,2% e la Germania il 14,4%).

READ  Rimodellare il capitalismo dell'azienda


Leggi anche

Pilar Blazquez

In questo senso, l’IEF ha avvertito della delicata situazione di cui soffrono molte imprese familiari (che rappresentano il 90% del tessuto imprenditoriale spagnolo) a causa della crisi COVID. Secondo un’indagine su 442 imprese familiari in collaborazione con Deloitte, il numero di imprese familiari sostenute era triplicato, dal 4% al 12% dal 2019 al 2020. Inoltre, il 57% delle imprese ha registrato una diminuzione del volume d’affari e il 38% applicato tagli. In linea con i requisiti dell’International Energy Forum; Il presidente di Deloitte Fernando Ruiz ha chiesto che venga assegnato un ruolo di leadership all’azienda di famiglia, che rappresenta il 16% del PIL spagnolo. Per questo motivo, considero “vitale” produrre cooperazione tra la sfera pubblica e quella privata per ottenere la ripresa e la trasformazione dell’economia spagnola.

Per uscire dalla crisi

Calvino difende che lo standard dell’azienda privata è già preso in considerazione

Alla luce di queste considerazioni per le società private, il vicepresidente Nadia Calvino ha difeso nel suo discorso di chiusura che l’amministratore delegato aveva già incorporato gli standard aziendali nella progettazione del piano di implementazione dei fondi europei e che la cooperazione pubblico-privato è la chiave per la via da seguire. In questo senso, ha indicato che l’iniezione prevista di 70 miliardi di euro tra il 2021 e il 2023 mira a mobilitare investimenti privati ​​di pari o superiore entità, soprattutto in settori come l’ambiente e la trasformazione digitale.

L’International Energy Forum ha approfittato della riunione per annunciare i cambiamenti al consiglio di amministrazione. D’ora in poi, avrà quattro Vice Presidenti, che saranno ricoperti da Sol Daurella, Presidente di Coca-Cola Europacific Partners; Sabina Fluxa, CEO del Gruppo Iberostar, Juan Marche de la Lastra, CEO di Banca March, e Miguel Abelo, CEO di Torreal. I membri includono anche Andres Sendagorta, Presidente di Sener, Vicente Boloda, Presidente di Boluda Corporación Marítima ed Eloy Blanes, CEO di Fluidra. Nel frattempo, Juan Roig, presidente di Mercadona, e Jorge Sendagorta, ex presidente di Sener, lasciano il consiglio.

READ  "Non chiuderemo l'economia", afferma Sheinbaum dell'alternativa Omicron

Airef richiede cassaforma

L’Autorità indipendente per la responsabilità fiscale (Airef) ha generalmente approvato le proiezioni macroeconomiche e di bilancio presentate dal governo per il periodo 2021-2024, ma ha criticato la mancanza di un piano nazionale con obiettivi fiscali specifici. Il presidente di Airef, Cristina Herrero, ha sottolineato che la strategia fiscale del governo è incompleta e non include le implicazioni macroeconomiche e finanziarie di tutte le riforme e gli investimenti inclusi nel piano di ripresa, trasformazione e resilienza. Herrero ha chiesto al governo di mettere in atto una strategia di bilancio a medio termine credibile e realistica che assicuri la sostenibilità fiscale e descriva anche gli effetti duraturi del piano di ripresa. A suo avviso, “è probabile che si verifichi un deterioramento del saldo strutturale dei conti pubblici” perché alcuni investimenti nel piano comportano rischi elevati di aumento della spesa strutturale, in particolare quelli relativi alla modernizzazione dei dipartimenti, istruzione, welfare, politiche del lavoro, scienza e innovazione.