Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’atroce giallo che ha ispirato Yara di Netflix

Tegucigalpa, Honduras. – Yara è il nome del film che racconta la storia di un adolescente italiano, diventato nelle ultime settimane uno dei film più visti al mondo. Netflix. Si basa su una storia vera che ha sconvolto un intero paese.

Il film racconta la morte di una ragazza di 13 anni. Yara Gambrasio, identificare il pubblico ministero Leticia Ruggeri Per risolvere uno dei crimini più terrificanti d’Italia. Ruggeri aveva mosso cielo, mare e terra per trovare l’assassino di Gambiracio.

La ragazza è stata denunciata per scomparsa venerdì 26 novembre 2010 dai suoi genitori e tre mesi dopo il suo corpo è stato trovato senza vita in un campo vicino a dove è stata vista l’ultima volta.

Secondo l’autopsia, il corpo è stato presentato Ferite e segni di violenza, Ma non è stato rivelato che la minorenne avesse sofferto molto prima della sua morte fino al processo contro il colpevole, perché il pestaggio non era la causa della sua morte, ma la causa della sua morte. ipotermia Lasciato congelare a morte.

Inoltre, è stato stabilito che il movente del delitto era sessuale sulla base delle prove che il suo assassino aveva lasciato nelle mutande e nelle mutande di Yara. Successivamente è stato confermato che la ragazza si è difesa.

L’ultimo giorno di Yara

Il venerdì in cui Yara è scomparsa, ho pranzato Pesce con piselli A casa, non doveva andare in palestra, ma uscì per prestare un registratore al suo insegnante.

Yara era a scuola a guardare le prove delle bambine finché non si è ritirata a casa, ma nessuno l’ha più vista.

READ  Dua Lipa ha subito una caduta durante un concerto in Italia

paternità, Maura Banares e Fulvio Gambiracio, Hanno denunciato la sua scomparsa ore dopo, e una vasta ricerca è stata immediatamente pubblicata nella zona, ma senza successo.

Nel disperato tentativo di trovare il colpevole, un giovane marocchino è stato arrestato ma poi assolto perché il test del Dna ne ha confermato l’innocenza.

Tre mesi dopo la scomparsa di Yara, un uomo appassionato di aerei telecomandati trova il suo corpo.

test del DNA

Durante l’indagine, il pm Ruggeri era nelle vicinanze 22mila campioni di DNA. Le sue azioni gli costarono molte critiche, poiché si scoprì che alcuni test erano stati eseguiti in modo errato su almeno 500 individui.

Le prove sono state nuovamente analizzate e grazie alla madre dell’assassino è stato possibile ritrovare il luogo in cui si trovava. Era un falegname di 43 anni. Massimo Giuseppe BosettiUn uomo sposato con tre figli senza precedenti della polizia.

La polizia ha iniziato a seguirlo senza metterlo in allerta, quindi hanno messo una cimice in casa e hanno controllato il registro delle chiamate. Hanno anche perquisito le telecamere di sicurezza per lui.

Inoltre, con il pretesto di un alcol test, gli hanno prelevato un campione del DNA che coincideva con quello del Il corpo di Yara.

Anche se ha cercato di scappare, Giuseppe Bosetti È stato catturato in un’azienda in cui lavorava nell’edilizia. Sebbene sia andato in tribunale e tutte le prove fossero contro di lui, l’uomo non ha mai confessato il suo crimine, ma ha ricevuto condanna a vita.