Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Atletico Madrid è stato incoronato da Simeone e Corea …

In un finale molto combattivo quelle emozioni sono conservate fino all’ultimo, finalmente L’Atletico Madrid, guidato dall’argentino Diego Simeone, è diventato il campione del campionato spagnolo Questa vittoria di sabato è stata firmata Angel Correa e l’Uruguay Luis Suarez, i due gol segnati 2-1 contro il retrocesso ValladolidUna vittoria che ha permesso loro di battere il Real Madrid di due punti e di incoronare il titolo di migliore squadra di calcio in Spagna.

Aliti, che per tutta la stagione è stato colui che ha tracciato la strada per il titolo e Ha guidato il campionato dall’inizio alla fine – prima difficile; Poi, con gli alti e bassi che hanno permesso loro di avvicinarsi a Barcellona e Real Madrid-Ha ottenuto ciò che i suoi fan si aspettavano e non ha perso la stagione 2020/2021. Per l’allenatore argentino, questo è stato il suo secondo campionato da allenatore e il terzo nel club, perché ne ha vinto un altro negli anni ’90 come giocatore di calcio. Simeone, parte di alcuni festeggiamenti che non hanno ricordato il rispetto dei protocolli in mezzo alla pandemia di Coronavirus, ha raggiunto l’ottavo titolo. Come allenatore della squadra di Madrid e continua a crescere su piedistallo come il miglior allenatore dell’organizzazione.

Il protagonista del titolo non è stato l’unico argentino a guidare le sorti della squadra di ranghi. Un altro argentino che ha lasciato il segno nella dedica: Correa, l’ex attaccante del San Lorenzo, ha segnato al 56 ‘, eguagliando il risultato di una partita difficile., Che era caduto 11 riyal dietro al gol di Oscar Plano al 18 ‘.

La vittoria è stata giudicata al 66 ‘dall’attaccante uruguaiano, arrivato dal Barcellona per diventare campione nella sua prima stagione da rugblanca. Dopo le urla di Suarez e il fischio finale, la storia di Valdebebas non è stata importante, poiché il Real Madrid ha lottato con la partita ma è riuscita a capovolgerla. Con due gol di Karim Benzema e Luka Modric, nonostante il gol di Jeremy Pino e affrontato dall’argentino Geronimo Roli.

READ  Primo spagnolo a vincere il Giro d'Italia sub-23

Con questo risultato, l’Atletico Madrid È tornato al campionato dopo sette stagioni e ha aggiunto la sua undicesima consacrazione nella storia, Di cui due sono timbrati con il titolo Simon.

Mi sono sentito particolarmente sollevato dopo la fine dell’incontro allo stadio Jose Zorrilla, un altro quadro del titolo epidemico che si svolge nello strano e freddo isolamento delle tribune senza pubblico. Facilita i gol e la vittoria che non sfuggiva all’immagine Luis Suarez Un ulteriore bonus aggiunto alla gioia del titolo dopo la sua partenza dal Barcellona non era quello che l’uruguaiano sognava. Per l’attaccante È stato notato molto toccato nell’erba durante una videochiamata con la sua famigliaIl modo in cui la pandemia offre di condividere i momenti di festa.

La situazione che si doveva attraversare, il modo in cui mi guardavano con disprezzo e l’Atletico mi ha aperto le porte. Molte persone hanno sofferto con me. Mia moglie ei miei figli ogni giorno hanno trascorso molti anni nel calcio ed è stato l’anno in cui hanno sofferto di più. L’Atlético ha avuto un ottimo anno, nonostante le difficoltà che abbiamo incontrato a volte. Eravamo i più regolari ed eravamo campioni ”.Autore di 21 obiettivi della campagna sui materassi espressi, ragionevolmente compilati. Il club culé avrebbe dovuto pagare il premio uruguaiano per essere un eroe e anche pagargli una parte del suo stipendio per la stagione, il finale di un’opera che il club catalano non sembrava andare bene mentre Suárez ha lasciato la sua quinta consacrazione su un livello personale.

Sebbene la celebrazione abbia rappresentato immagini un po ‘sfortunate nel contesto della pandemia – I giocatori e l’allenatore hanno infranto i protocolli per festeggiare con i tifosi nell’area intorno allo stadio un 15.000 fan hanno festeggiato a Madrid senza alcuna assistenza sanitaria– L’allenatore argentino ha ricordato il contesto dell’epidemia pensando al significato del soprannome della sua squadra.

READ  Radio MARCA batte il record di ore di consumo online

“Quest’anno è stato complicato, poiché amici e familiari sono morti, così come i fan deceduti. Vincere questa stagione è difficile, come la nostra storia. Ci costa sempre molto È stato uno degli anni migliori per essere un eroe e per renderli felici. ”Simeone ha spiegato in collegamento con la stampa. “Il mondo sta attraversando una situazione difficile e difficile, e spero che saremo in grado di accontentare le persone che hanno attraversato momenti difficili durante l’anno”, ha aggiunto.

DT ha sottolineato che la sua squadra è stata “prima” su 32 appuntamenti (su un totale di 38) e che il titolo è stato raggiunto per “lavoro di squadra”. Nel gruppo “Sempre al lavoro meglio preparati”. “La prima cosa che ti viene in mente quando hai finito è che inizi a ridere. Succede sempre a me. Sono così felice quando vinciamo”, ha detto. Il Cholo Ricorda anche il giorno in cui hanno salutato il già distrutto stadio Vicente Calderon, un momento di contemplazione della sua continuità, quello che sabato ha chiuso di nuovo la gloria. “Ho sempre detto ai tifosi che abbiamo un futuro ed è per questo che resterò. Non mi sbagliavo”.