Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Real Madrid: chi è la squadra di Carlo Ancelotti?

Sono tornato in vita.” Quella frase dE Carlo Ancelotti Niente di più che vincere la Liga racchiude tante cose. Un anno fa, ero un allenatore di squadra Everton, una squadra storica nella lotta del Presidente del Consiglio per essere qualcosa di simile a quello che era in passato e che Carlito ha raggiunto da solo per affrontare quella che sembrava essere la fase finale della sua carriera. Oggi è l’allenatore del grande colosso europeo, nuovamente campione e grandemente accerchiato personale. Gli uomini che sono la sua zona di sicurezza, la sua quotidianità, il suo più stretto sostegno.

David Ancelotti, assistente senior

Ha già lavorato con suo padre nella prima fase in Real Madrid, otto anni fa. È il suo primo assistente dopo essere entrato accanto a lui Parigi Saint Germain (cava), Bayern, Napoli ed Everton. Es Davide è uno scienziato del calcio che ha deciso di conoscerlo dall’altra parte quando ha capito di non avere le qualità per raggiungere l’élite. Laureato in Scienze Motorie, gestisce la strategia e tutto ciò che si chiama board. Chi lo vede correre veloce mette da parte l’idea che è lì per via di chi è suo figlio.

Francesco Mori, Assistente Tecnico

ultimo di famigliaperché è un figlio Giovanni Morei, il tecnico fisico di Ancelotti a vincere la decima Coppa. Pertanto, Francesco si è già avvicinato al Madrid ed è rimasto scioccato dal modo in cui viene vissuto il calcio Cristiano Ronaldo. Pertanto, il bambino è rimasto bloccato con i portoghesi, dai quali ha imparato molto ed è stato l’ispirazione per la sua tesi e i suoi studi. “cristiano Mi ha detto un giorno: troppa acqua uccide le piante”. È la stessa frase che ha usato Ancelotti in questa stagione quando ha accusato la squadra di cadere per mancanza di lavoro. È affascinato dalla capacità di Carlito Per adattarsi alle nuove tecnologie. Ad entrambi piace confrontarsi con il tempo in cui Ancelotti era una stella del calcio.

Antonio Pintos, preparazione fisica

C’è chi dice che il suo modo di intendere la preparazione fisica sia superato, ma la verità è che ha guidato una squadra di 16 giocatori a diventare i campioni del campionato e lottare fino alla fine per Campioni. È stato l’allenatore fisico nella prima fase di Zidane, ed è rimasto al club dopo aver detto addio al giocatore francese e quando ZZ è tornato con lui. Era il suo ritorno al club a prescindere dal ritorno AncelottiChi ha accettato questa condizione senza esitazione. La sua migliore è stata la doppietta del Real Madrid nel 2016-2017, squadra che ha volato grazie alle due unità. Ora si ripete, ma con meno giocatori da sfruttare. Questo allenatore, che sembrava un sergente apparso a Madrid nell’estate del 2016, ha ripetuto il metodo ei risultati.

Beniamino Fulco, Assistente Tecnico e Materiali

Il 6 giugno 2014 è entrato a far parte della famiglia Ancelotti sposando Katia, la figlia di Carlito. Nato nel sud Italia (Campania), era già nutrizionista al Real Madrid. Il suo lavoro di nutrizionista è stato svolto al fianco di Ancelotti al Bayern Monaco, Napoli ed Everton. Ha conosciuto Katya all’Università di Parma dove si è laureata. Mino, come è noto, è a pazzo Di Napoli e prima di dedicarsi ai libri e al cibo, è stato un buon centrocampista in squadre come BolchiniO Sporting Mondragon o Cassino o Formia.

Luis Lopes, allenatore dei portieri

Il nome dell’uomo di San Sebastian è apparso nel 2005 all’Accademia di Madrid. Nato a Hernani (1964), la sua carriera atletica si interrompe contemporaneamente a causa di un difetto fibulare. Poi ha deciso di dirigere la sua vita come allenatore dei portieri e allenatore. È arrivato nella prima squadra di Madrid dal Granada de Caparrós, con il quale aveva già lavorato in precedenza. stato riunito Keylor Navas, che lo aveva allenato al Levante, lo ha reso il portiere principale per le tre Champions League di fila. Tornato la scorsa estate da Realtà Dopo aver lasciato Zidane ciao nel 2018 e non aver partecipato alla seconda tappa di ZZ. Il suo lavoro di studioso è stato importante ai calci di rigore nella finale di Milano, poiché le sue analisi su Oblak hanno avuto molto successo.

Simon Montanaro, Analista

Nel 2011 inizia la sua carriera come analista tecnico alla Roma, squadra in cui Ancelotti ha giocato otto stagioni (1979-1987). Fece parte dello staff di Vincenzo Montella, con il quale approdò a Siviglia per una breve avventura in NErfione Tra gennaio e giugno 2018. Quell’estate si iscrive al Carlito Track di Napoli. Il suo compito è estrarre tutto quello che esce dalle partite sotto forma di dati, dalla sua squadra e dagli avversari. Lo ha passato ad Ancelotti perché i tecnici potessero interpretarlo.

José Carlos García Paralles, Retrainer

Dopo un decennio all’Atlético de Madrid, è entrato a far parte della Casa Bianca nell’estate del 2012. Si è laureato in Attività Fisica, Scienze dello Sport (Università Autonoma di Madrid) e Fisioterapia (Camilo José Cela). Inoltre, ha conseguito un master in prevenzione e recupero degli infortuni sportivi da Università di Castiglia-La Mancia.

Niko Mihic, capo dei servizi medici

Responsabile della struttura medica del club. Oltre al calcio, ha il suo studio, insegna medicina al CE e lavora come consulente medico per Air France e KLM. Inoltre, è Direttore dell’UPPP (Personal Early Prevention Unit) presso HM Hospitals Group. molto vicino a Florentino PerezÈ il riferimento medico del club da luglio 2017.

Juan Moro, veterinario

La sua storia con il Madrid è lunga. È stato interrotto nel 2015, quando ha lasciato il club ed è arrivato nel 1996, ma non ha smesso di trattare alcuni giocatori che si fidano ciecamente delle sue mani, come nel caso di Karim Benzema. Ecco perché è tornato in questa stagione per combinare il suo lavoro nella squadra bianca con quello che fa nella squadra spagnola. È professore del Master in Fisioterapia e Riabilitazione Sportiva presso l’Università Camilo José Cela di Madrid e l’Università Miguel de Cervantes di Valladolid. È un esperto di tecniche quali la terapia manuale, la terapia ortopedica, l’EPI, l’ecografia muscolo-scheletrica e la diatermia. Ha lavorato anche con la nazionale croata.

Felipe Segura Ortiz, specialista in traumatologia

Jenin di nascita, ha conseguito una laurea in medicina Università di Granada. Ha vissuto con la squadra di Nasreen l’avventura che è stata promossa a giocare la scorsa stagione in Europa. È arrivato la scorsa estate Real Madrid. È sempre stato associato al mondo dello sport, ad esempio alla squadra di basket spagnola. La sua formazione è molto forte: esperto universitario in rianimazione e medicina d’urgenza (Università di Cadice, 1997), medico specialista in educazione fisica e medicina dello sport (Università di Málaga, 2007)

Master in Recupero Funzionale in Attività Fisica e Sport (Università di Valencia, 2014) …

Pedro Bellon, medico di base

È un fisioterapista specializzato in sport e fratture e professore laureato in tecniche ecografiche e invasive. Prima di arrivare a Madrid, ha lavorato come supervisore per Servizio di fisioterapia Clinica CEMTRO. È considerato un riferimento nel trattamento delle lesioni al ginocchio.

Ignacio Botto, psichiatra, rilettore e ortopedico

f. specialistaTerapia fisica invasiva. La sua vita è legata da anni al Real Madrid. Ignacio Botto è arrivato a La Fabrica Come gli eventi C di Malaga, il suo club cittadino. Lì si adatta a una generazione dall’anno 91, direttamente alla residenza e alla scuola SEK, dove incontra giocatori come Lucas Vazquez, con il quale instaurò un’amicizia che continuò con il passare del tempo e il mutare dei ruoli. Dopo aver girato diverse squadre come giocatore, è tornato nell’estate del 2021 al Real Madrid Sports City, ma non c’è più. FabbricaMa come membro della prima squadra medica. Il campionato è stato molto speciale per pochi.

David Violati, fisiologo e nutrizionista

Un’altra persona con sangue italiano in squadra Ancelotti. Appassionato di viaggi, surf, arrampicata e tutto ciò che trasuda un’avventura. È italiano oltre che di Madrid. Non è solo un medico, è un esperto di nutrizione. Il Real Madrid è l’elite assoluta, ma conosce molto bene le basi del calcio.

Guido Sperandelli, psichiatra

Qualcun altro con cui Ancelotti potrebbe parlare nella sua lingua materna con il cognome, ma Guido argentino, di Rosario (Villa Governatore di Galvez). Si è formato in aula presso il Collegio dei Kinesiologi di Rosario.

Evan Ortega Gonzalez, veterinario

La sua esperienza con squadre d’élite è ampia. Prima del Real ha lavorato in Atletico Madrid, Chelsea, Liverpool e Celta. La scorsa stagione ha festeggiato il titolo con Atletico Madrid A Busilla lo ha fatto con il Real Madrid. stato riunito RischioChe ha vinto la Premier League nel 2017 al Chelsea. Tra le tante persone che ha incontrato nel mondo del calcio, ce n’è una che lo ha contraddistinto in modo speciale: Pietro Check.

READ  Concorrente mancante: Teo contro il River