Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’artista honduregno Jaime Vallarto Chávez parla alla Biennale di Salerno in Italia

L’artista honduregno Jaime Vallarto Chávez parla alla Biennale di Salerno in Italia

Tegucigalpa – Artista honduregno Jaime Vallardo Chávez ho detto Processo digitale Mi fa molto piacere riportare in alto il nome dell’Honduras dopo essere stato menzionato alla Biennale di Salerno in Italia.

Chávez è un artista planetario che si definisce cittadino del mondo ed è stato invitato alla Biennale d’Arte Contemporanea di Salerno per portare due delle più grandi opere di Picasso, Fiesta de Gallos e El Toro.

Con due sue opere, El Toro de Picasso e Fiesta de Gallos, si guadagnò il titolo di Merito, onore per l’artista che gli piacque, poiché l’Italia era un paese dalle radici ancestrali che lo identificavano come figlio dell’Italia.

La Biennale di Salerno è stata organizzata e realizzata dal talentuoso artista italiano Giusepe Gorga, alla sua quinta edizione e con il desiderio di posizionarsi come una delle biennali più importanti del continente europeo.

Chavez, conosciuto come l’artista delle “Monete del Mondo”, taglia le banconote in ogni paese in cui dipinge per mettere il numero di banconote sulle sue opere e crea un codice che le definisce come un pezzo unico, qualcosa di cui dice di essere molto orgoglioso. “Il mio lavoro si è svolto fuori dall’Honduras, ma sono molto orgoglioso di essere un Catracho e di tenere il nome del mio paese nella massima considerazione”, ha detto.

Jaime Vallardo Chávez è un artista ingenuo, nato a Coscoran, Valle, a sud dell’Honduras, e dipinge dal 2008, il suo primo lavoro è a Parigi, in Francia, dove ha iniziato a dipingere utilizzando l’acquerello.

È autore e relatore internazionale e ha viaggiato in circa 150 paesi in tutto il mondo. Ha conseguito un master in museologia presso l’Università della Spagna ed è insegnante accademico e artista visivo.

READ  Franco Morbitelli in Accademia: "Siamo il riferimento in Italia"

Ha esposto in Sud America, Europa, Africa e America Centrale, il suo lavoro è in collezioni private, ambasciate, musei e città di tutto il mondo. È uno dei pionieri dell’Extreme Knife, l’arte del coltello totale.

Inoltre, è il creatore del Museo delle Crociate e dei Viaggi delle Americhe, noto come il Bicentenario dell’America, che riunisce più di 600 artisti provenienti da tutto il continente e dal mondo per celebrare il 200° anniversario di ogni paese delle Americhe. .

Ha molti riferimenti nel suo lavoro e ha esposto con grandi figure dell’arte latinoamericana, tra cui l’affermato scultore e pittore peruviano Victor Delfín e l’affermato scultore e pittore ebreo-colombiano Risitl Wurqovistki.

La rivista Forbes Central America lo nomina uno degli artisti più creativi del 2021