Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Argentina torna in Italia Oltre 450 monete dell’Impero Romano ritrovate in un checkpoint dell’aeroporto di Ezeiza

L’Argentina torna in Italia Oltre 450 monete dell’Impero Romano ritrovate in un checkpoint dell’aeroporto di Ezeiza

Da un’irruzione della dogana a Essa è nata un’indagine sulla collezione di monete, che ha coinvolto l’Interpol e il comando dei Carabinieri italiani.

A un posto di blocco all’aeroporto di Ezeiza, gli agenti Dogana Hanno trovato un uomo che voleva entrare nel Paese dall’Italia Collezione di monete Risalente all’epoca dell’antico Impero Romano. In generale lo erano 451 Chiamati pezzi numismatici Sono già stati restaurati Allo Stato italiano dopo un’indagine della Polizia Federale Argentina (PFA), dell’Interpol e del Comando dei Carabinieri – Patrimonio Culturale di Tudela, Italia.

Fonti ufficiali le hanno descritte come monete Utilizzato tra il 3 ° secolo aC. C. e III secolo d.C. C Nella parte occidentale della Repubblica Romana e dell’Impero Romano. Hanno inoltre sottolineato che tre di essi appartengono al periodo imperiale (31 a.C. – 476 d.C.).

La prima di queste monete fu coniata nel 141 d.C. e coniata dopo la morte dell’imperatrice Faustina – moglie di Antonino Pio e madre di Marco Aurelio – e la sua morte. Il secondo fu realizzato nel 175 d.C. e raffigura l’imperatore Marco Aurelio Con corona pregiata e vesti militari. Il terzo frammento, infine, reca l’immagine dell’imperatore Alessandro Severo e gli anni 230-235 d.C.

Le monete furono usate intorno al III secolo a.C. C. e III secolo d.C. La Repubblica Romana e la parte occidentale dell’Impero Romano c

Le monete erano in possesso di un cittadino italiano che ha tentato di entrare nel Paese senza dichiararle. Questa manovra è stata osservata dai funzionari doganali durante il controllo dei bagagli. Le autorità hanno deciso di confiscare la preziosa collezione perché i viaggiatori non avevano i documenti per esportare legalmente i pezzi fuori dal paese ed erano sospettati di contrabbando di beni culturali protetti.

READ  Eleven entra in Italia con l'acquisizione spagnola di 71,6 MW - pv magazine

L’indagine avviata ha così rivelato il passeggero che viaggiava nello scambio di informazioni con il Comando Carabinieri – Tutela Patrimonio Culturale. Dedicato al saccheggio dei beni culturali nel Sud Italia E il suo bottino fu ancora di più: in un paese europeo fu avviato un procedimento penale che portò alla scoperta di un altro numero di frammenti e documenti conservati.

Allo stesso modo, una perizia del Ministero della Cultura italiano è stata effettuata da Fiorenzo Catelli, direttore della Soprintendenza Archeologica di Roma. Le monete sequestrate erano “autentiche, di rara bellezza, di qualità museale e provenienti dalla regione siciliana”.. Il rapporto conclude che i beni culturali appartengono “inequivocabilmente” allo Stato italiano.

In questo contesto c’era un cittadino italiano in Argentina Condannato Riepilogo della dogana che dispone la restituzione di 451 pezzi numismatici del patrimonio storico e culturale italiano.

La distribuzione delle monete è stata annunciata ufficialmente nel corso di un evento tenutosi oggi presso la sede dell’Ambasciata italiana a Buenos Aires. Ministro della Difesa Nazionale che ha partecipato alla funzione, Patrizia Bullrich; Capo dell’Amministrazione federale delle entrate pubbliche (AFIP). Firenze Mizrahi; e direttore generale delle dogane, Rosanna Lodovico; Oltre all’Ambasciatore d’Italia, Fabrizio Lucendini.

Le monete sono state presentate durante un evento presso l’Ambasciata italiana

Al termine dell’incontro, Mizrahi ha ringraziato le organizzazioni e le istituzioni che hanno preso parte all’inchiesta: “Voglio sottolineare il lavoro di collaborazione tra i governi e tra le diverse parti di questo governo: le cose si stanno risolvendo in modo efficace. Grazie di cuore a tutti coloro che hanno partecipato.”

L’operazione di recupero delle monete si è finalmente conclusa, dicono le fonti. La collezione sarà esposta presso il Ministero della Cultura italianoNel quadro della convenzione UNESCO ratificata da Italia e Argentina.

READ  Joao Pedro segna ancora ed è entusiasta della chiamata dall'Italia