Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Argentina avrà un centro specializzato in protonterapia

L’Argentina avrà un centro specializzato in protonterapia

L’ultima tomografia nel processo di assemblaggio all’interno del settore tradizionale. I lavori sono stati completati al 95% e si prevede l’inizio dell’operatività entro la fine dell’anno. Credito: Telam

a partire da luglio, Centro argentino di terapia protonica (CeArP) nell’installazione delle macchine necessarie per eseguire la protonterapia. Quest’ultimo è un trattamento altamente specializzato che viene eseguito in soli 20 paesi in tutto il mondo e rappresenta un importante progresso nel campo dell’oncologia medica.

Informazioni sul Centro argentino di protonterapia

Lo spazio si trova nel quartiere di Buenos Aires Ingegneria agricola Rappresenta un traguardo importante per Argentina In termini di tecnologia nucleare applicata alla salute.

Vale la pena notare che è nato come parte di Piano Nazionale Nucleovida per la Medicina Nuclearela cui iniziativa è stata realizzata in collaborazione con ministero della Salute e il Autorità nazionale per l’energia atomica (cnea) con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo della medicina nucleare nel Paese.

Nel 2015 è stato annunciato che sarebbe stato installato il primo centro di protonterapia America LatinaIn collaborazione con la società belga Applicazioni del fascio ionico (stavo andando), Responsabile della fornitura di attrezzature e della cura del loro funzionamento e manutenzione.

Nel frattempo, uno dei principali pezzi di spazio che dovrai correre è Ciclotrone modello C230 il sistema Proteo Plus. Questo acceleratore di particelle circolare, acquistato da IBA, svolgerà un ruolo chiave nella generazione di fasci di protoni utilizzati nei trattamenti medici avanzati.

Con un peso di 230 tonnellate, il ciclotrone C230 sarà responsabile della produzione dei fasci di protoni necessari per i trattamenti al centro. Queste particelle saranno meticolosamente condotte ai pazienti attraverso due ponti o cancelli, ciascuno del peso di 110 tonnellate, situati strategicamente in due sale di trattamento.

Sviluppi nella terapia protonica in America Latina

Il CeArP rappresenta un’importante opportunità non solo per l’Argentina ma anche per tutta l’America Latina. La disponibilità delle più recenti tecnologie di terapia protonica nella regione offre una serie di vantaggi e opportunità in termini di servizi sanitari e accesso a opzioni di radioterapia avanzate.

READ  Papa: la vaccinazione è un atto d'amore
incolpato 3 wp
Gustavo Santa Cruz, direttore delle applicazioni nucleari in sanità del CNEA. Credito: Telam.

Innanzitutto, l’installazione di questo centro consentirà la fornitura della terapia protonica più avanzata ai pazienti del Paese. Quest’ultimo rappresenta un importante progresso nella cura del cancro e fornisce un’opzione di trattamento più accurata ed efficace per coloro che necessitano di radioterapia.

capo Applicazioni nucleari in sanità al CNEAE Gustavo Santa Crocespiegato a colpa Come lo spazio trasformerà l’approccio alle malattie complesse attraverso la protonterapia. A questo proposito, ha spiegato che sarebbe in grado di “curare pazienti con malattie difficili da affrontare utilizzando la radioterapia convenzionale, dando loro la possibilità di migliorare la qualità della vita”.

Oggi, se qualcuno che vive in Argentina ha bisogno di terapia protonica, deve viaggiare all’estero; In altre parole, questo apre le porte a un nuovo tipo di cura nel Paese e nell’intera regione».

Il centro si trova a pochi metri dal torrente Istituto Oncologico Angelo Ruffoluogo di riferimento a livello nazionale per la cura dei malati oncologici ei suoi specialisti sono stati coinvolti fin dall’inizio del progetto per fornire consulenza sulle esigenze del settore.

Il CeArP si compone di due segmenti principali. Da un lato c’è il settore della radioterapia tradizionale, nota come radioterapia, ma dotata delle più avanzate tecnologie disponibili. Il suddetto settore è nella sua fase finale di costruzione con un avanzamento del 95% e dovrebbe entrare in funzione entro la fine dell’anno. Inoltre, quest’area di trattamento fornirà ai pazienti opzioni di trattamento con radiazioni altamente accurate ed efficaci.

Dall’altro, c’è il settore della protonterapia, che ha raggiunto il 77% di avanzamento nella sua costruzione. A giugno, l’azienda belga IBA arriverà al centro per installare le apparecchiature per la protonterapia. Questa moderna attrezzatura è enorme e ci vorranno circa 22 mesi per rendere operativo l’intero sistema. Come spiegato da Santa Cruz, si stima che il centro sarà pienamente operativo all’inizio del 2025.

READ  Sei esercizi fisici da fare a casa e avere longevità senza dolori

Cos’è la terapia protonica?

La protonterapia sta emergendo come la forma più avanzata di radioterapia, utilizzando fasci di protoni per dirigere con precisione la dose terapeutica al tumore. In questo senso, gli effetti collaterali sui tessuti sani circostanti sono ridotti al minimo. Questo approccio rivoluzionario offre significativi vantaggi clinici a specifici gruppi di pazienti.

telam 2 wp
Il CeArP si compone di due settori principali, la radioterapia convenzionale e la protonterapia, che saranno pienamente operativi all’inizio del 2025. Crediti: Télam.

Sulla base dei criteri del Centro belga per l’idroterapia, si stima che ogni anno circa 120 pazienti per milione di persone possano sperimentare miglioramenti significativi con la terapia protonica.

Questi pazienti includono coloro che possono trarre beneficio dalla riduzione delle radiazioni ricevute dai tessuti sani, il che porterebbe a un significativo miglioramento della loro qualità di vita evitando effetti collaterali dannosi.

“La prima cosa da fare è prelevare immagini TC e risonanze che poi serviranno per fare un calcolo dosimetrico (quanta dose deve essere erogata al tumore); con questo si individuano prima le strutture da proteggere (per esempio, il nervo ottico e l’occhio) e la dimensione del tumore da trattare”, ha spiegato Santa Cruz.