Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La verità dietro il 'raggio della morte' segreto di Marconi per Mussolini: “L'Italia sarebbe invincibile”

La verità dietro il 'raggio della morte' segreto di Marconi per Mussolini: “L'Italia sarebbe invincibile”

“Cerca di trovarti sulla strada che collega Roma a Ostia tra le 15,15 e le 15,30. “Vedrai qualcosa di sorprendente”, disse Benito Mussolini alla moglie un pomeriggio del giugno 1936. Stavano mangiando tranquillamente nella loro residenza ufficiale alla Villa Torlonia Raquel Mussolini raccontò a 'Deuce' che quello stesso pomeriggio si sarebbe recato a Ostia, famosa località balneare nei dintorni di Roma, per vedere come andavano i lavori in una piccola proprietà rurale che la coppia aveva acquistato.

Come ha raccontato nelle sue memorie, il dittatore italiano non le ha fornito alcuna informazione e ha tenuto segreto che lei stessa avrebbe potuto essere testimone al momento indicato. Come ha accennato, è uscito di casa intorno alle 15 in compagnia del suo autista. Per la prima parte del percorso tutto è filato liscio su una strada poco trafficata.

“A metà strada – ha aggiunto Rahul -, il motore si è fermato. Ringhiando, l'autista è sceso e si è nascosto sotto il cofano. Ha smontato, avvitato, svitato, riavvitato e ha soffiato nei tubi come se nulla fosse. Il motore non voleva avviarsi Ancora.

All'improvviso un'auto che viaggiava nella stessa direzione si fermò a breve distanza. Anche il suo conducente si è tuffato nel motore. Altre auto e moto sono state viste parcheggiate a centinaia di metri di distanza e in direzione opposta. Ero così curiosa che ho ripensato a quello che mi aveva detto mio marito a pranzo. “Prova a essere in viaggio tra le 15:00 e le 15:30 e vedrai qualcosa di straordinario.” Ho guardato l'ora, erano le 3:10. Non capisco niente, ma solo una cosa è certa: in entrambe le direzioni dell'autostrada, nel raggio di centinaia di metri, tutto ciò che era alimentato da un motore si è rotto. C'erano circa trenta tipi di veicoli. Ho chiamato il mio autista e gli ho detto:

– Aspetteremo fino alle 15:30. Se l'auto non parte, chiediamo aiuto.

-Ma, Eccellenza, sono solo le 3,15 del pomeriggio. Perché aspettare fino alle 15:30 se riesci a scoprire prima la causa del guasto?

-Bene bene…”.

Quando arrivò il momento, la moglie del dittatore italiano gli chiese di riprovare, e subito il motore si avviò. Lo stesso è successo a decine di veicoli in transito. Di notte, desiderosa di sapere cosa fosse successo, chiese a Mussolini, che “la guardò con un sorrisetto malizioso”. Lo hanno chiesto anche i figli Vittorio e Bruno, che erano presenti. Alla fine il dittatore disse: “È vero, la mamma ha ragione. Questo pomeriggio è avvenuto un blitz nei pressi dell'autostrada Roma-Ostia. Lei stessa ha potuto apprezzare i risultati. “Penso che fossero molto interessanti.”

READ  Salvador Adamo spiega perché vuole che il Belgio batta l'Italia agli Europei: "Capiranno" | TV e spettacolo

“Esperienza top secret”

La 'Deuce' non ha fornito alcuna informazione davanti ai suoi figli, e Raquel ha dovuto aspettare fino a notte, quando erano soli in solitudine, perché suo marito rivelasse cosa era realmente accaduto: “Sai, Raquel? A cosa hai assistito? pomeriggio fu un'esperienza segreta.” Questa fu la scoperta di Guillermo Marconi. , che poteva dare all'Italia una potenza militare superiore a quella di qualsiasi paese del mondo.” Lo informò che l'avevano battezzato il 'raggio della morte', e continuò con spiegazioni: “Il raggio è ancora in fase sperimentale. Marconi continuerà la sua ricerca, chiedendosi se non possa essere utile all'uomo, paralizzando per un attimo la specie. In caso di guerra, l’Italia avrebbe un’arma segreta che salverebbe migliaia di vite e dissuaderebbe il nemico. Riesci a immaginare il potere che abbiamo?

Rahul rimase “soffocato” da ciò che gli disse Mussolini, e suo marito non finì il messaggio: “Marconi svilupperà molto presto dispositivi per emettere questi raggi, e allora l'Italia sarà quasi invincibile, almeno fino a quando non arriverà un'altra invenzione. Per opporsi alla nostra”, ha concluso il dittatore, celebre premio Nobel per la fisica e ingegnere italiano, noto come uno dei più importanti promotori delle trasmissioni radio a lunga distanza.

Grazie a questa invenzione Marconi fu responsabile del servizio radiofonico dell'Esercito Italiano durante la Prima Guerra Mondiale. Lì raggiunse il grado di tenente e poi comandante della marina. Alla fine del conflitto, suo onore fece parte della delegazione italiana alla Conferenza di Pace di Parigi (1919). Anche se si unì al partito di Mussolini solo dopo essere salito al potere, divenne presto vittima del fascismo. Successivamente assunse la carica di presidente onorario della filiale britannica dell'organizzazione e organizzò una cerimonia della 'camicia nera' all'Hotel Savoy di Londra, dove stabilì un collegamento wireless con Roma affinché gli ospiti potessero salutare personalmente il 'Duce'.

READ  Perù vs. Uruguay: Gianluca Lapadula firma una bandiera peruviana in Italia prima di recarsi a Lima | Qualificazione Qatar 2022 | Calcio-peruviano

Papa Pio XI

Dopo alcuni anni di lavoro segreto sul leggendario Lightning Bolt, Marconi abbandonò il progetto. Alcuni ricercatori attribuiscono il suo cambiamento di posizione alla crescente coscienza religiosa, poiché conobbe e mantenne un rapporto molto stretto con Pio XI. Nel 1931 fondò la prima stazione radiofonica del Vaticano. In uno dei loro incontri, il Papa li pregò di non costruire quell'arma pericolosa e mortale, mentre Mussolini pretese che fosse costruita.

In effetti, l'idea di questo “raggio della morte” circola dal 1898 in Europa, Giappone e America. Si tratta di un'arma elettromagnetica che presumibilmente guidava l'auto di Raquel Mussolini e può stordire, uccidere, provocare incendi ed esplosioni e disattivare i motori. Marconi non fu l'unico a lavorarci, così come altri scienziati e inventori come Thomas Alva Edison, Nikola Tesla e Heinrich Rudolf Hertz. Lo scienziato spagnolo Antonio Longoria ha anche annunciato di aver sviluppato un dispositivo in grado di fondere i metalli ferrosi a distanza.

In Gran Bretagna la ricerca sullo sviluppo di un “raggio della morte” per abbattere gli aerei potrebbe essersi evoluta in un radar in Italia. Nel 1935, infatti, Marconi presentò il suo 'radio ecometro', un dispositivo in grado di misurare la distanza tra due oggetti, ma non intendeva trasformarlo in un'arma. Rahul Mussolini lo spiega nelle sue memorie:

“Quattro anni dopo [del incidente con el coche]L'Italia entrò in guerra. Il raggio della morte, secondo mio marito, avrebbe potuto cambiare il volto degli eventi se fosse stato nel mio paese. Tuttavia, Papa Pio XI, inorridito dalla scoperta e dalla sua portata, chiese a Marconi di non pubblicarla, di sospendere le sue indagini e di distruggere i risultati ottenuti. Il saggio, molto intimo di Benedetto, era venuto fedelmente a rivelargli il colloquio avuto con il Papa e a chiedergli cosa avrebbe dovuto fare nella questione di coscienza che gli era stata presentata. Benito non era disposto a compromettere un uomo che aveva finito per fidarsi di lui, e il suo risentimento prevalse sulla causa dello Stato: autorizzò Marconi ad abbandonare le sue ricerche sul 'raggio della morte'.”

READ  Italia e Germania revocano tutte le restrizioni all'Argentina: cosa succede in altre parti d'Europa

Morte e perdita

Marconi morì di infarto nel 1937, poco dopo aver compiuto 63 anni, di ritorno da una visita a Pio XI. Nel 1943 morì senza immaginare che la Corte Suprema degli Stati Uniti avrebbe revocato il suo famoso brevetto e riconosciuto uno dei suoi più grandi rivali, Nikola Tesla, come unico inventore della radio. La moglie di Mussolini continuò così il suo racconto dell'episodio:

“I suoi collaboratori non ripresero mai più la scoperta. Anche i tedeschi cercarono di capire cosa fosse il 'raggio della morte'. Non ci riuscirono mai. Ogni traccia dell'opera scomparve. Un giorno chiesi a 'Deus' perché Guillermo Marconi fosse andato a raccontare la sua storia a Pio XI. Il fisico era molto vicino al Vaticano. Rispose di aver mantenuto un rapporto stretto. Non solo fondò la stazione radio della Santa Sede, ma ottenne anche dalla Santa Rota l'annullamento del suo matrimonio nel 1929. Questa decisione suscitò grande scalpore all'epoca, poiché Marconi aveva figli e da allora in poi fu molto ricettivo a tutto ciò che gli suggeriva il Papa. Gli interessi dell'Italia e Se il 'Deuce' gli avesse chiesto di scegliere tra i rapporti con la Santa Sede , non avrebbe esitato, ma Benedetto voleva dimostrare la sua grandezza d'animo.

Come spiega Alvaro Lozano nel suo libro “Mussolini e il fascismo italiano” (Marcial Pons, 2012), negli ultimi mesi della sua vita, il dittatore italiano cercò disperatamente un capro espiatorio per tutte le sue malefatte. Nessuno se lo ricorda tranne Marconi, il quale sottolinea di essersi rifiutato di rivelare il “segreto” del 'raggio della morte' prima di morire. “Si tratta di una descrizione pietosa e deplorevole, che tenta crudelmente di infangare l'opera di un grande scienziato”, avverte lo storico.