Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La storia delle vittorie della Colombia al Giro d’Italia

La storia delle vittorie della Colombia al Giro d’Italia

Il ciclismo colombiano gioca da decenni un ruolo di primo piano nelle competizioni internazionali, prima fra tutte il Giro d’Italia. L’edizione più recente di questa prestigiosa corsa non solo ha messo in luce il talento crescente della Colombia, ma ci ha regalato una vittoria che ha consolidato la posizione del paese come potenza nello sport delle pedivelle e dei pedali.

Una vittoria è dichiarata: Santiago Buitraco conquista le tre cime di Lavaredo

Il 26 maggio 2023 Santiago Buitraco ha scritto un nuovo capitolo nella storia del ciclismo colombiano. A soli 23 anni, Butraco ha ottenuto la vittoria nella tappa 19 del Giro d’Italia, l’evento più impegnativo e iconico della corsa. Questo successo non è solo il risultato di una fase; È il risultato di anni di dedizione, allenamento e testimonianze di una nuova generazione di ciclisti colombiani che seguono le orme di grandi come Nairo Quintana ed Egan Bernal.

Coprendo 168 chilometri da Longarón alle tre cime di Lavaredo, il percorso ha presentato sfide significative, tra cui arrampicate brutali e condizioni meteorologiche avverse. Butraco, tuttavia, ha mostrato il suo coraggio in montagna, attaccando nell’ultimo chilometro e tagliando il traguardo con un tempo impressionante, assicurandosi la vittoria davanti a ciclisti di livello mondiale.

Il successo di Butraco non è stato un colpo di fortuna. Fin dall’inizio della tappa, il giovane di Bogotà ha mostrato una strategia chiara e una forza mentale ammirevole. Lavorando in squadra con i suoi compagni, sapeva quando restare nel gruppo e quando fare la mossa decisiva.

La Colombia è una forza dominante nello sport in Italia

Questa tappa è stata caratterizzata da ritmi intensi e da una squadra in fuga, nella quale Butraco ha saputo restare fino al momento cruciale. Negli ultimi chilometri ha sfruttato la sua conoscenza del terreno e la preparazione in quota per prendere le distanze dai rivali.

READ  Forza Italia affonda senza Berlusconi | Internazionale

Questa vittoria non solo aggiunge un altro trofeo al record ciclistico colombiano, ma ispira anche una nuova generazione di giovani ciclisti nel paese. La Colombia ha dimostrato più e più volte di essere la culla di scalatori naturali e concorrenti agguerriti, e vittorie come quella di Putraco riaffermano la posizione del paese sulla scena ciclistica internazionale.

Guardando al futuro, la vittoria di Santiago Butraco al Giro d’Italia indica che la Colombia rimane una forza dominante in questo sport. Strutture di supporto migliorate, investimenti nella formazione e nello sviluppo giovanile e l’esempio di corridori come Butraco sono orizzonti promettenti per il ciclismo colombiano.

Vittorie colombiane al Giro

  1. 1973 – Martin Emilio Rodriguez – 15° classificato: Firenze – Forte dei Marmi
  2. 1975 – Martin Emilio Rodríguez – 19° posto: Baselga de Pine – Portinone
  3. 1989 – Lucho Herrera – 13° posto: Padova – Tres Simas de Lavaredo
  4. 1989 – Lucho Herrera – 18° posto: Mentrizio – Monte Generoso
  5. 1992 – Lucho Herrera – 9° Livello: Latino – Terminillo
  6. 1995 – Oliverio Rincon – 14° posto: Trento – Val Chenales
  7. 1997 – Seb González – 20°: Brunico – Passo del Donale
  8. 1999 – Chepe González – 5° classificato: Terme Luigiane – Monte Sirino
  9. 2000 – Victor Hugo Pena – 11° posto: Lignano Sabbiadoro – Bibione
  10. 2001 – Carlos Contreras – 14° posto: Cavalees – Argo
  11. 2005 – Ivan Parra – 13°: Mezzocorona – Ortisei
  12. 2005 – Ivan Barra – 14° posto: Egna – Livigno
  13. 2006 – Luis Felipe Laverte – 14° posto: Asta – Domodossola
  14. 2007 – Luis Felipe Laverte – 6° classificato: Tivoli – Spoleto
  15. 2012 – Miguel Angel Rubiano – 6° classificato: Urbino – Porto Sant Elpidio
  16. 2013 – Ricoberto Uran – 10° classificato: Cardenas – Altopiano del Montazio
  17. 2014 – Nairo Quintana – 16a tappa: Ponte di Legno – Val Martello (Martello)
  18. 2014 – Ricoberto Uran – 12° classificato: Barbaresco – Barolo
  19. 2014 – Nairo Quintana – 19° posto: Bassano del Grappa – Cima Grappa Crespano del Grappa
  20. 2014 – Julian Arredondo – 18° tappa: Belluno – Rifugio Panarotta (Valsugana)
  21. 2016 – Esteban Chaves – 14° posto: Farra de Albaco – Corvara in Badia
  22. 2017 – Fernando Gaviria – 3° classificato: Tortolì – Cagliari
  23. 2017 – Fernando Gaviria – 5a tappa: Pedra – Messina
  24. 2017 – Fernando Gaviria – 12° posto: Forlì – Reggio Emilia
  25. 2017 – Fernando Gaviria – 13° posto: Reggio Emilia – Tortona
  26. 2017 – Nairo Quintana – 9a tappa: Montenero de Pisaccia – Blackhaus
  27. 2018 – Esteban Chaves – 6° posto: Caltanissetta – Edna
  28. 2019 – Fernando Gaviria – 3a tappa: Vinci – Arbetello
  29. 2019 – Esteban Chaves – 19a tappa: Treviso – San Martino di Castrozza
  30. 2021 – Egan Bernal – 9a tappa: Castel de Sangro – Campo Felice
  31. 2021 – Egan Bernal – 16° posto: Cecil – Cortina d’Ampezzo
  32. 2022 – Santiago Buitrago – Tappa 17: Ponte de Legno – Lavarone
  33. 2023 – Einar Rubio – 13° posto: Le Sable – Grands-Montana
  34. 2023 – Santiago Buitrago – Tappa 19: Longarón – Tres Simas de Lavaredo
READ  I tagli ai posti di lavoro di Stellantis si sono diffusi ad altri datori di lavoro in Italia.

Questo elenco riflette il successo dei ciclisti colombiani nel corso degli anni in una delle competizioni più prestigiose del ciclismo mondiale.