Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna raggiunse timidamente le semifinali dopo aver perso contro l’Italia  Calcio |  Gli sport

La Spagna raggiunse timidamente le semifinali dopo aver perso contro l’Italia Calcio | Gli sport

Esther Gonzalez, circondata da tre rivali italiane nel duello del Passarone.Lavandera (EFE)

Elegante e attraente, il calcio spagnolo combatte con tutta la logica, perché anche se i giocatori vincono quasi tutto ciò per cui competono, non vincono di sorpresa a causa di ciò che accade dall’esterno del tavolo.

Dopo aver vinto la Coppa del Mondo, il loro risultato è stato rovinato da un bacio infelice dell’ex presidente della federazione, Luis Rubiales, che alla fine si è dimesso di fronte alle continue vessazioni sociali. Sebbene i giocatori abbiano combattuto coraggiosamente e con successo per i propri diritti, al punto da rifiutarsi di indossare di nuovo le loro maglie finché non fossero state apportate le modifiche promesse, ci sono cose che non possono controllare. Come nella finestra precedente, la delegazione non ha inviato alla UEFA la lista corretta per l’ultima partita – Paredes è rimasto senza giocare la sua 100esima partita, per esempio, lo ha fatto ieri -; Oppure come nel caso di Passarone, uscito nel secondo tempo con 10 gol e rimasto così per qualche minuto. Gli è costato il pareggio, la compostezza e, infine, la sconfitta. La prima battuta d’arresto per Tommy in panchina, e una battuta d’arresto minore perché la Svizzera aveva già battuto la Svezia e questo era sufficiente per raggiungere le semifinali della Coppa delle Nazioni. Basterebbe l’ultimo passo verso la qualificazione ai Giochi, territorio senza precedenti per la squadra, per raggiungere la finale.

Sorprende la coraggiosa proposta dell’Italia, che prova a giocare la palla dalle radici e allo stesso tempo prova a pressare dall’alto, sempre con le linee compatte e la difesa che corre tremendamente. Diversi metri dietro di lei c’era pura spazzatura per Salma Il veloce Gonzalez Baralloelo. Ma all’inizio la scommessa non ha funzionato per la squadra. azzurro Perché gli manca il piede necessario per giocare il pallone da dietro; Inoltre, l’armonia nell’esercitazione difensiva per chiudere le corsie davanti alla Spagna, che gioca il contrasto e che ha la palla tra le scarpe, non ha eguali. Un’altra cosa è ciò che sta accadendo dall’esterno.

READ  "Ero in modalità aereo, ma ho perso la mia felicità"

Si scopre che il tocco e via, il passaggio della bandiera, è infatti intrinseco alla squadra, che ha Abellera il compasso e Aitana il diapason. E non importa che la differenza non ci fosse Alexia – con il fastidioso fastidio al ginocchio operato un anno fa – perché Jenny ha ritardato di qualche passo il suo debutto per fungere da collegamento e punto di partenza, una situazione che è stata fantastica per la sua squadra durante la Coppa del Mondo. Non è stato diverso a Passarón perché Salma ha riformato il difensore centrale, ha allungato il più possibile la squadra e ha incoraggiato Gini a ricevere e girare, in modo che La Roja potesse esprimersi sul campo di un’altra squadra. Così è arrivato il gol dell’Atene, che ha ricevuto da un angolo dell’area di rigore e ha segnato una danza deliziosa. La vita che suggerisce il contrario di ciò che sta facendo il piede, un dribbling e un tiro corretti, un gol felice. Andava tutto bene, la Spagna pressava e creava, il tiro di Gini veniva bloccato intrappolando le gambe degli avversari; Tiro deviato di Aitana. Il gol è stato annullato per fuorigioco contro Mariona – Team Senza Frontiere. Almeno sull’erba. Ma negli uffici o in panchina la storia è diversa.

È successo così che poco prima dell’inizio del secondo tempo, la Spagna ha informato di due cambi, già concordati con il passaggio alle semifinali, per la staffetta per ossigenare le gambe. Una era l’Atena di Lucia Garcia, che se ne andò sorpresa che non le avessero detto nulla. L’altro è Aitana per… nessuno. 11 vs 10, situazione dantesca e irrealistica, fallo di Moroccotoda. A Esther Gonzalez, che non si è allenata nel primo tempo, è stato chiesto di essere veloce, ma quando è entrata in campo al 49′, l’Italia aveva già festeggiato il gol, pareggiando al 46′, Catta non è riuscito a passare. E Jacinti ha creato Diana.

READ  La bicicletta continua a crescere: l'uso della bicicletta in Spagna è cresciuto del 40% rispetto al 2019

Ma la confusione era già totale, i giocatori erano frastornati e l’Italia si è fatta coraggio, ha segnato altri due gol in meno di 20 minuti – uno su contropiede e l’altro su calcio d’angolo – per poi ripiegare e perdere tempo. Una volta assorbita la canzone, la Spagna ha ripreso possesso, slancio e anche occasioni. Come quel tiro lungo di Abillera che colpisce la traversa o quel cross e colpo di testa di Alexandre. Ma il gol è stato segnato da Esther dopo un passaggio perfetto di Abillera. Ma è arrivato tardi perché l’Italia ha avuto la gioia e la Spagna ha perso la partita e se n’è andata per un giorno.

Puoi seguire EL PAÍS Deportes su Facebook E Soppure iscriviti qui per riceverlo La nostra newsletter settimanale.