Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna ha bisogno di un’agenzia spaziale? Il piano del governo di cui “nessuno sa niente”

Senza fornire dettagli, il direttore dell’Ufficio del Primo Ministro, Ivan Redondo, ha annunciato la scorsa settimana la creazione dell’Agenzia spaziale spagnola. Era al Congresso, davanti al Comitato misto per la sicurezza nazionale, ma nessuno ignora la dimensione scientifica, tecnologica e persino industriale del lancio di quell’organismo, che Da tempo esigente dal settore. Per questo, più che l’annuncio stesso, ha attirato l’attenzione la netta contraddizione all’interno dell’esecutivo, meno di tre mesi fa il ministro della Scienza e dell’Innovazione (e astronauta), Pedro Duque, si è espresso contro di essa.

Duque ha affermato lo scorso marzo che l’agenzia spaziale spagnola è l’Agenzia spaziale europea (ESA) e che la creazione di molte strutture pubbliche non risolve i problemi. “Per ora restiamo come siamo“, ha precisato. Quindi dopo l’annuncio di Redondo, il ministro ha dovuto uscire allo scoperto per chiarire la sua posizione, e ovviamente per difendere il nuovo parere del governo. Ora questo avrebbe senso perché le condizioni sono cambiate, perché “è possibile che avremo una serie di progetti spaziali in recovery fund che si aggiungono a quello che facciamo di solito all’Agenzia Spaziale Europea”, ha detto. “Tutto ha accelerato molto” e anche “aziende spagnole” stanno emergendo in questo settore con iniziative nel campo dei lanciatori spaziali e dei nanosatelliti, tra le altre tecnologie.

“Mentre la pandemia si diffonde, possiamo solo rivelare cose che non causeranno più preoccupazione”

Antonio Villareal Foto: Enrique Villarino

L’istituzione dell’agenzia è logica o no? “La maggior parte dei paesi nel nostro ambiente ha agenzie spaziali, alcune delle quali sono meno imitazioni e meno peso nell’industria aerospaziale, quindi non è irragionevole per la Spagna dotarsi di una propria agenzia”, ​​ha detto Jorge Barreiro, direttore, a Teknautas General. La Cotec Corporation, un ente privato la cui missione è promuovere l’innovazione. Tuttavia, “La dichiarazione non viene utilizzata per valutare il modello, perché non è definita‘, avverte.

D’altro canto, l’esistenza di un’agenzia in una qualsiasi regione non garantisce la migliore attuazione della politica assegnatale. Un buon esempio è l’Agenzia spagnola di ricerca (AEI), che “nasce come grandi promesse per offrire una maggiore efficienza nella gestione delle chiamate e al momento, purtroppo, non si è rivelata migliore del modello precedente, tra l’altro per il modo in cui è definita l’agenzia, con pochissimi margini di manovra per l’azione”, sottolinea.

READ  Draghi si dimette dallo stipendio
Il ministro della Scienza Pedro Duque. (EFE)

In assenza di definizione del piano, gli studiosi vedono molto probabile che il dossier del nuovo organismo sarà abbastanza simile a quello dell’AEI, cioè l’agenzia di finanziamento che funge contemporaneamente da rappresentante spagnolo davanti a entità internazionali come l’ESA . Tuttavia, “L’annuncio ha lasciato Moncloa e non è stato diffuso nella comunità scientifica“, afferma David Barrado Navascués, famoso astrofisico e scienziato. “Da molto tempo vari agenti scientifici e industriali hanno chiesto la creazione dell’agenzia, quindi è una buona notizia, ma che esista o meno, il vero problema in Spagna è quella burocrazia e la mancanza di budget sufficienti per impedirci di fare il nostro lavoro”.

In assenza di un’agenzia specifica, i termini di riferimento sono relativi allo spazio Distribuito in Spagna tra diversi ministeri (scienza, industria, sviluppo e difesa), quindi la sua creazione dovrebbe, almeno, migliorare il coordinamento; Aumento delle risorse finanziarie e umane per promuovere i progetti che nascono in questo ramo dell’economia, sia pubblica che privata, e per mettere il settore spaziale ai margini delle fluttuazioni politiche.

Dal punto di vista della ricerca spaziale, “Progetti a lunghissimo termine, quando ti impegni in una collaborazione internazionale, sai che sarai coinvolto in un programma spaziale per molto tempo, ma Il nostro finanziamento per progetti di tre o quattro anni viene interrotto quando non ci sono soldiLamenta il mondo dell’astrofisica. Secondo lui, “l’agenzia può aggiustare quello… può”. La situazione è in contrasto con i paesi che hanno una propria agenzia, come Germania, Italia o Francia. “Gli italiani e i francesi sono più efficienti quando si tratta di ottenere risorse, perché hanno questo miglior coordinamento e soprattutto perché hanno una politica statale più definita. Nel settore dell’aviazione abbiamo impegni molto fermi, con traguardi molto importanti, ma la scienza e l’industria spagnole hanno difficoltà a competere perché siamo vincolati”, afferma l’esperto.

L’industria sta aspettando

In questo senso, i vantaggi di istituire un’agenzia spaziale Si può vedere nel campo degli affari molto più che nel campo della scienza stessa. In Spagna, “l’industria aerospaziale è competitiva, ma al suo interno l’industria aerospaziale è strategica. Quasi tutte le attività corrispondono a società private, ma vengono svolte tramite enti pubblici che le finanziano”, spiega Antonio Fernández Lopez, addetto alla direzione ETSI di Aeronautica e Spazio per le Imprese e l’Occupazione presso l’Università Politecnica di Madrid (UPM).

READ  Nuova analisi del DNA di Columbus per indagare sulla sua origine
L’astronauta della NASA Andrew Morgan (a sinistra) e il comandante dell’Agenzia spaziale europea (ESA) Luca Parmitano (a destra) in Italia in una foto di file dell’Agenzia spaziale internazionale. (EFE)

per me ‘Agenda settoriale dell’industria spaziale spagnolaUn rapporto presentato dall’Associazione spagnola per la difesa, la sicurezza, l’aeronautica e lo spazio (Tedae) alla fine del 2019, che già all’epoca aveva chiesto la creazione dell’agenzia, Il fatturato dell’industria spaziale spagnola ha raggiunto gli 867 milioni di euro nel 2018 attraverso una ventina di aziende. Secondo un esperto UPM, il settore è in realtà più ampio, perché per le grandi aziende direttamente coinvolte nei progetti, come Crisa o GMV, si aggiungono molti altri assistenti di secondo livello che supportano l’elettronica di varie evoluzioni.

L’industria spaziale spagnola ha le sue trame nelle grandi associazioni internazionali. “Non facciamo una brocca completa, siamo coinvolti nella costruzione di Ariane, ma non nella parte del motore. Tuttavia, Siamo molto bravi con le antenne e le comunicazioni“, sottolinea l’esperto, ad esempio, attraverso l’ex CASA (ora integrata in Airbus). Inoltre, “GMV è la società europea che detiene il maggior numero di contratti per l’elaborazione dei dati e lo sfruttamento delle informazioni provenienti dal settore spaziale”.

Quanto può crescere il settore?

Per questo, “il più grande beneficiario, probabilmente, è il settore industriale se è fatto bene”, dice Parado-Navasques. Tuttavia, la dimensione critica del settore è molto inferiore rispetto ad altri paesi europei e La divisione delle competenze tra ministeri e agenzie che non sono collegate tra loro è un grosso ostacolo per lo sviluppo del business. Pertanto, la leadership della partecipazione spagnola a progetti internazionali corrisponde all’Istituto nazionale di tecnologia aerospaziale (INTA, che dipende dalla difesa), ma il budget per alcuni compiti è basato sull’AEI e CDTI finanzia la partecipazione spagnola all’ESA .

READ  Il COVID-19 stimola il 49% degli investimenti privati ​​nelle aziende biotecnologiche

Tuttavia, anche se le difficoltà normative verranno superate, è improbabile che il tessuto industriale spagnolo cresca molto nel breve termine, secondo gli esperti. “Il ritorno geografico è davvero notevole. In altre parole, ciò che l’ESA contribuisce alle aziende del settore spagnolo corrisponde sostanzialmente a In cui il governo sostiene la stessa Agenzia spaziale europea“, afferma Fernandez Lopez. Tuttavia, “se aumentiamo quel budget di due, non può essere utilizzato, perché il settore ha dimensioni per quello che sta facendo”. In altre parole: nella sfera privata, più budget sarebbe inutile se ci fosse non era un’industria. La sostiene. “In Spagna abbiamo guidato missioni e promosso importanti satelliti e innovazioni, ma non abbiamo un’industria paragonabile ai grandi paesi europei, e quindi il fatto che non abbiamo un’agenzia spaziale è semplicemente aneddotico, lo è per via della storia del settore”, dice l’esperto.

Direttore della Presidenza del Consiglio dei Ministri Ivan Redondo. (EFE)

Mesi fa, la Generalitat della Catalogna ha annunciato la sua agenzia spaziale in modo molto più dettagliato di quanto sappiamo dell’agenzia spagnola: Con un investimento di 18 milioni di euro fino al 2023 e il prossimo lancio di due nanosatelliti. Il progetto è già nato con molto scetticismo, ma ora fino a che punto corrisponde all’ente statale? A prescindere dal fatto che un governo indipendente possa sostenere con fondi propri un’organizzazione con queste caratteristiche, la chiave per valutarne le reali potenzialità sarà proprio il ritorno dei fondi europei partecipando a grandi missioni. “Questo supporto sarà inferiore a quello che sarebbe a livello statale”, afferma Fernandez-Lopez.

Se l’agenzia viene creata, la sfida per la nuova agenzia sarà quella di ottenere un reale miglioramento sostanziale rispetto alla gestione che altre agenzie hanno fatto finora. Tuttavia, Il dubbio prevale: “Nessuno sa niente, quello era un brusio che non andava oltre le conversazioni sul caffè”, dice il professore UPM. Per ora “questa è solo un’idea e dietro ci deve essere un piano”, conferma Parado Navasques.