Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La salute emotiva è una parte essenziale del benessere dei lavoratori

La salute emotiva è una parte essenziale del benessere dei lavoratori

La salute sul lavoro va oltre la sicurezza fisica e le condizioni di lavoro e si estende a Benessere psicologico dei professionisti. Questo aspetto è diventato ancora più importante dall’inizio della pandemia nel 2020, generando uno stato di stanchezza pandemica definito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, caratterizzato da ansia, tristezza, frustrazione, apatia e disperazione, che incide notevolmente sull’ambiente di lavoro.

Valutare i rischi psicosociali nelle aziende è fondamentale per promuovere la salute mentale dei lavoratori. Enorela principale società di generazione di fiducia in Spagna, ha sviluppato questo Nuovo certificato Concentrarsi su come le organizzazioni affrontano le questioni relative alla salute mentale e al benessere emotivo nell'ambiente di lavoro.

Carolina Soto, Direttore della salute, della salute e della sicurezza presso EnoreSpiega che la nuova certificazione “cerca di aumentare la fiducia dei dipendenti e delle altre parti interessate e fornisce alle organizzazioni la certezza che stanno applicando le migliori pratiche”. Gestione del rischio psicosociale“. Allo stesso modo, aggiunge, “questo approccio arricchisce i processi complessivi di gestione della salute preventiva e promuove un approccio proattivo che va oltre la semplice conformità normativa”.

La salute psicosociale sul lavoro

Prima della pandemia, l’importanza Salute psicologica e sociale sul lavoro. Ispirato alla pubblicazione dell’OMS del 2010, Ambienti di lavoro sani, Enore Ha sviluppato la certificazione “Modello Azienda Sana”, che ha integrato la salute psicosociale nel benessere lavorativo.

A ciò si aggiungono gli standard UNE ISO PAS 45005 e UNE-ISO 45003, pubblicati rispettivamente a dicembre 2020 e giugno 2021. Inoltre, nell’aprile 2021, il Ministero del Lavoro e dell’Economia Sociale ha pubblicato la Norma Tecnica 104/2021 sulle procedure di ispezione del lavoro e della previdenza sociale sui rischi psicosociali.

READ  Orbita Laica viaggia nel passato per scoprire la scienza dell'Hispania

Approccio comprensivo

IL Certificazione AENOR per la Gestione del Rischio Psicosociale, basato sulla norma UNE-ISO 45003, fornisce indicazioni per identificare i rischi psicosociali per i lavoratori nelle aziende. Questo certificato viene aggiunto alle soluzioni della piattaforma attendibile per Enore “Promuovere la sicurezza e la salute sul lavoro”. Il suo scopo è quello di migliorare l'approccio strategico delle organizzazioni alla gestione dei rischi psicosociali, oltre la prospettiva tradizionale di un dipartimento di salute e sicurezza o di gestione delle persone.

Per le organizzazioni, ottenere questa certificazione significa “aumentare la fiducia dei dipendenti nell’organizzazione, creando e implementando iniziative incentrate sul benessere psicosociale”, afferma Soto, oltre a “proiettare un’immagine positiva verso gli stakeholder esterni e dimostrare” che l’organizzazione è non limitato a “È conforme alle norme legali, ma le supera anche”.

4 fasi del successo

Per ottenere la certificazione, durante l'audit viene verificato come le organizzazioni affrontano la gestione del rischio psicosociale Quattro fasi. Innanzitutto vengono identificati i fattori sociali, organizzativi e dell'ambiente aziendale dell'azienda. Nella seconda fase viene effettuata l'analisi e la valutazione dei dati, in cui le informazioni raccolte vengono analizzate per valutare i risultati e determinare le priorità di azione. In terzo luogo, viene verificato il piano d'azione, dove, sulla base della valutazione del rischio e dei risultati ottenuti, vengono definite azioni e misure che vengono monitorate per garantirne l'attuazione. Infine, la quarta fase valuta l’efficacia di misure specifiche per ridurre i fattori di rischio identificati.

“Per garantire il successo in ciascuna di queste fasi, è importante includere un sistema di gestione Operazioni di supporto Come la leadership, l'allocazione delle risorse, la consultazione e l'effettiva partecipazione dei dipendenti. Allo stesso modo, trattandosi di un processo di miglioramento continuo, la norma definisce meccanismi a tal fine, inclusi audit interni e revisioni periodiche del sistema di gestione”, spiega Soto. Inoltre, l'audit non si limita alle revisioni documentali, ma include anche conversazioni con i dipendenti e quadri, oltre ad osservazioni dirette attraverso visite sul campo.

READ  La Russia ha annunciato esercitazioni navali con la Cina dal 21 al 27 dicembre