Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Russia cerca il sostegno degli alleati al Forum economico di San Pietroburgo

La Russia cerca il sostegno degli alleati al Forum economico di San Pietroburgo

EFE.- La Russia cerca il sostegno dei suoi alleati nel 25° Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF), che si terrà da domani fino a sabato nell’ambito delle sanzioni imposte dall’Occidente sulla campagna militare russa in Ucraina.

Questa è una situazione molto difficile nel contesto di questa guerra economica senza precedenti. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato a proposito del forum che questa situazione spinge noi e i paesi amici a cercare nuove modalità di cooperazione, nuovi meccanismi di interazione e nuovi meccanismi finanziari.

Oltre al Kazakistan, la cui delegazione sarà guidata dal presidente Kassym Yumart Tokayev, e all’Armenia, rappresentata dal suo presidente Vahagen Khachaturian, altri paesi alleati con la Russia, come Bielorussia, Egitto, Cina, Iran, Tagikistan e Siria, hanno annunciato la loro partecipazione a l’evento.

Oltre ai tradizionali alleati della Russia in America Latina come Venezuela o Nicaragua, all’evento parteciperanno delegazioni provenienti da Uruguay, Messico, Colombia e Belize.

Personalità come Ivan Adolfo Acosta Montalvan, ministro delle finanze del Nicaragua, Daniel Ortega Reyes, presidente di Barlassin, o il vicepresidente esecutivo del Venezuela, Delcy Rodriguez, parteciperanno alla sessione dedicata alle relazioni tra Russia e America Latina.

Comitati dedicati alle regioni Asia-Pacifico, Africa, associazioni internazionali come la Shanghai Cooperation Organization o i BRICS, e paesi come Cina, Egitto, Turchia e Iran, che non hanno aderito alle sanzioni occidentali contro la Russia a causa della sua campagna militare in Ucraina.

Secondo gli organizzatori, all’evento prenderanno parte delegazioni provenienti da 69 paesi, tra cui alcune che la Russia considera “ostile”.

E sebbene questa volta non siano state pianificate sessioni dedicate direttamente agli Stati Uniti, all’Unione Europea (UE) o ad altri paesi che hanno imposto restrizioni a Mosca, i temi degli investimenti, del commercio, dell’energia, dell’economia, dell’integrazione e dell’ambiente, tra gli altri, lasciano spazio di discussione per i rappresentanti dell’Occidente.

READ  Idee per aumentare la vita utile degli elettrodomestici

Nonostante le restrizioni di volo imposte dalle sanzioni, a San Pietroburgo saranno presenti rappresentanti di Australia, Austria, Belgio, Stati Uniti, Danimarca, Italia, Canada, Paesi Bassi, Finlandia, Francia, Svizzera e Svezia, oltre che Giappone, il hanno notato gli organizzatori.

Peskov ha confermato oggi nella sua regolare conferenza stampa che “molti investitori stranieri parteciperanno” allo SPIEF.

Segui informazioni commerciali e notizie in Forbes Messico

“Non ci sono solo investitori stranieri negli Stati Uniti o nell’Unione Europea, ci sono investitori stranieri molto più forti in Medio Oriente, in Cina, India, Indonesia e Filippine, in decine e decine di Paesi con più popolazione dei Paesi occidentali. “

Secondo il rappresentante della presidenza russa, “questi investitori sono interessati e parteciperanno attivamente al forum”.

Venerdì, il presidente russo Vladimir Putin parlerà su questo tema e altri nel plenum con Tokayev.

Inoltre, secondo l’amministrazione di San Pietroburgo, dovrebbero essere firmati più di 40 accordi durante l’evento.

Seguici su Google News per rimanere aggiornato