Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La ricerca della giustizia oltre i confini |  Il bilancio dei processi in Italia per i crimini della dittatura argentina

La ricerca della giustizia oltre i confini | Il bilancio dei processi in Italia per i crimini della dittatura argentina

Da Roma

Si è svolto lunedì presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi Roma Trae un convegno sul tema “Procedimenti penali e diritti umani tra Italia e Argentina”. Altri paesi durante la dittatura iniziata nel 1976 e terminata nel 1983.

All’incontro ha partecipato l’Ambasciatore dell’Argentina in Italia. Roberto CarlosRitornerà a Buenos Aires per lasciare il suo incarico questa settimana Javier M Come il nuovo presidente. Erano presenti la direttrice del Dipartimento di Scienze Politiche, la professoressa Emilia Fiandra, docente di Storia latinoamericana e organizzatrice dell’evento Laura Fotia, gli avvocati dei parenti delle persone scomparse Arturo Salerni e Marta Luciano, e Jorge Iturburu. “24marzo Onlus”, si è battuta per molti anni per implementare tutti questi processi e l’Ambasciatore Carles ha evidenziato il suo lavoro durante la conferenza.

“È per me un grande piacere partecipare a questo seminario, che sarà il mio ultimo atto come ambasciatore dell’Argentina in Italia, perché tra poche ore non potrò esserlo”, ha detto Carles. “Sono felice che quest’ultimo atto della mia amministrazione come ambasciatore sia quello di preservare la memoria, la protezione del processo di verità e giustizia creato in Argentina”.

L’Argentina vive un “momento specifico e, anche se non sappiamo cosa accadrà, si apre un nuovo periodo storico”, ha aggiunto, guardando i discorsi di smentita durante la campagna elettorale e le persone che ne fanno parte. Il nuovo governo ha motivo di “temere ciò che accadrà al movimento per la memoria, la verità e la giustizia e il futuro di coloro che sono già stati processati e stanno attualmente scontando sentenze”.

Riguardo ai processi per i crimini della dittatura, ha detto Carles Pagina 12: “Siamo soddisfatti dell’andamento dei processi per crimini contro l’umanità in Italia”, ha commentato. Abbiamo fatto passi importanti in questi anni grazie ai cambiamenti della legislazione italiana, come la classificazione del reato di tortura nel 2017, ma soprattutto grazie alle azioni che abbiamo incoraggiato da parte dell’ambasciata.

READ  Morì Vittorio Emanuele di Savoia, figlio dell'ultimo re d'Italia

L’apostolo si riferiva specificamente al sacerdote Franco Reverberi Boschi, cappellano militare dell’VIII Corpo di Esplorazione della Montagna di San Rafael a Mendoza durante la dittatura. Reverberi è accusato di crimini contro l’umanità, detenuto presso la Casa Departmental de San Rafael, un centro di detenzione segreto dove afferma di avere la doppia cittadinanza e sarà estradato in Argentina per processo dopo essere fuggito in Italia nel 2011. “Siamo riusciti a ottenere che i più alti tribunali italiani riconoscessero l’impunità dei crimini contro l’umanità in un processo di estradizione come Reverberi, che non solo è rilevante per il caso ma costituisce anche un precedente molto importante”, ha sottolineato. Riguardo alla fine della sua missione di ambasciatore, ha detto che lui e l’ambasciata sono soddisfatti dei “risultati ottenuti” nonostante “le condizioni non fossero ideali”. “Lasciamo dietro di noi una rete di collegamenti altamente integrati con tutti i partiti politici e le organizzazioni della società civile. “Il settore economico e finanziario e il mondo della cultura”.

Incertezza

Il seminario era pieno di incertezze su cosa sarebbe successo nel Paese con il governo Miley. “Naturalmente dovremo aspettare l’insediamento del nuovo presidente per capire come si muoverà”, ha detto il professore a questo giornale. Laura Fodia-. Il nuovo presidente ha rilasciato dichiarazioni molto inquietanti sui crimini contro l’umanità, che rasentano quasi la negazione. Non ha la maggioranza al Congresso, quindi resta da vedere come se la caverà con i suoi alleati.

Riguardo all’influenza che potranno avere in futuro i processi contro i giocatori latinoamericani in Italia, Fotia sottolinea che continuano ad avere peso “perché l’hanno avuto non solo per l’Argentina, ma anche per il resto del mondo. Ad esempio, proprio “Perché i crimini internazionali vengono perseguiti a livello extraterritoriale, cioè al di fuori dello Stato in cui sono stati commessi. Un fattore importante che non può essere ignorato. Esempio”, ha concluso.

READ  Covit in Italia: L'Universo Parallelo degli Anti-Vaccini Italiani | Comunità

A Giorgio Iturpurupresidente di “24marzo Onlus”, l’Argentina “è un Paese democratico, è un Paese complesso, ma ci sono diverse istituzioni che continuano a lavorare contro i diritti umani e i crimini della dittatura”. Forse non è possibile lavorare in questo senso a livello “A livello nazionale, ma si può fare a livello provinciale. Qualsiasi governatore per Miley No. Le organizzazioni non governative, inoltre, non dipendono dal governo e continueranno a funzionare”, ha detto Pagina 12.

Riguardo all’estradizione di Reverberi Boschi c’è chi si chiede se avverrà, Iturburu ha detto “accadrà perché è una decisione del governo italiano. In Argentina resta da vedere se lo giudicheranno oppure no. Va però sottolineato che “La magistratura è indipendente dal governo. Possono cambiare tutto facendo una legge. Si può, ma fare una legge non è una cosa veloce”. Alcune cose cambieranno, ma il non governo rimarrà lo stesso, il federalismo dipende da governi diversi . Ad esempio, le università sono autonome, quindi possono collaborare con organizzazioni non governative, alcuni governi provinciali e alcuni comuni.”

Il progetto Condor

In una sintesi dei processi condotti in Italia contro cittadini italiani e altri in America Latina per crimini contro l’umanità, l’avv Arturo SalerniIl difensore dei numerosi parenti degli scomparsi, ha sottolineato in particolare il “processo critico contro i colpevoli”. Il progetto Condor Coloro che commettono crimini commessi in diversi Paesi con la connivenza della macchina repressiva”. Il processo è iniziato nel 2015 per 43 vittime, 23 di origine italiana (6 italo-argentine, 4 italo-cilene, 13 italo-uruguaiane) e 20 uruguaiane, e si è concluso nel luglio 2021, con 14 condannati all’ergastolo. Il progetto Condor è stato sviluppato nel 1975 dai servizi segreti del dittatore cileno Agudo Pinochet. Successivamente si espanse ad altri paesi come Uruguay, Argentina, Paraguay e Brasile. Tra questi, poiché contrari alla dittatura, collaborarono al rapimento dei cosiddetti “subalterni” e li trasferirono segretamente e li fecero sparire in altri paesi aderenti al progetto.

READ  "Piccolo pezzo" di San Francisco in Italia

La Salerni ha accennato anche al processo contro il funzionario uruguaiano Nestore Troccoli, attualmente detenuto e trattenuto in Italia. La prima udienza si è svolta nel febbraio 2023. Troccoli si è preso il merito della morte di tre persone: un’argentina, un’uruguaiana e un’italiana. Sta per iniziare, invece, un altro processo contro un militare argentino. Juan Carlos Malato, accusato di almeno otto omicidi, rapimenti e torture. Malato, che possiede la cittadinanza argentina e italiana, è fuggito in Italia nel 2011. Era un membro della gendarmeria nel RIM22 di San Juan.