Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La popolazione di Spagna e Italia potrebbe diminuire del 50% entro il 2100

La popolazione di Spagna e Italia potrebbe diminuire del 50% entro il 2100

Lo studio redatto da The Lancet prevede che la popolazione mondiale raggiungerà un picco di circa 9,7 miliardi di persone nel 2064, ma scenderà a 8,8 miliardi entro la fine del secolo, un calo di oltre il 50% in ben 23 paesi.

numero di popolazione Spagna e Italia Potrebbe diminuire di oltre il 50% alla fine di questo secolo, quando ciò accadrà anche in entrambi i paesi Potrebbe rientrare nell’elenco delle potenze economiche globaliÈ sceso dal tredicesimo e nono posto nel 2017 al ventottesimo e venticinquesimo nel 2100, rispettivamente.

Questo è ciò che indica uno studio da lui condotto Istituto per la metrica e la valutazione della salute (IHME) dell’Università di Washington, che fornisce proiezioni globali, regionali e nazionali su economia, popolazione, mortalità, fertilità e migrazione per 195 paesi.

In generale, il resoconto pubblicato dalla rivista oggi, mercoledì Il bisturiTuttavia, si prevede che la popolazione mondiale raggiungerà il picco di circa 9,7 miliardi di persone nel 2064 Scenderà a 8,8 miliardi entro la fine del secoloun calo che raggiungerà oltre il 50% in ben 23 paesi, tra cui Giappone, Tailandia, Italia e Spagna.

Nella stragrande maggioranza dei paesi analizzati, 183 su 195, l’incidenza della malattia è stata elevata Tasso di fertilità totale (TTF) Lo studio avverte che questi paesi raggiungeranno livelli che non consentiranno loro di mantenere la loro dimensione demografica, a meno che non vengano attuate “politiche di immigrazione liberali”.

in questo contesto, India e Cina Subiranno un calo significativo della quota di persone in età lavorativa, che rallenterà la loro crescita economica e causerà cambiamenti negli equilibri di potere globali.

READ  Il modello europeo di produzione lattiero-casearia, che garantisce il benessere degli animali e la tutela dell’ambiente

Sebbene gli esperti si aspettino che la Cina sostituisca gli Stati Uniti come più grande economia mondiale in termini di PIL entro il 2035, potrebbe dover affrontare… Calo demografico “rapido” a partire dal 2050Con una diminuzione dell’1% della sua forza lavoro, da 950 milioni nel 2017 a 357 milioni nel 2100.

Pertanto, la potenza nordamericana tornerà al primo posto entro il 2098, finché l’immigrazione continuerà ad alimentare la sua forza lavoro.

D’altra parte, sottolineano che l’India potrebbe essere l’unico paese asiatico in grado di proteggere la propria forza lavoro, nonostante il fatto che la popolazione attiva diminuirà da 762 milioni nel 2017 a 578 milioni nel 2100, portando il suo PIL totale al terzo posto, in aumento dal settimo tre anni fa.

in Europa, Regno Unito, Germania e Francia Rimarranno nella “top ten” di fine secolo, mentre Italia e Spagna scenderanno al 25° e 28° posto, dopo essere scese rispettivamente dai picchi di 61 milioni nel 2014 e 46 milioni nel 2017. ai minimi di 30,5 e 23 milioni nel 2100.

Allo stesso modo, l’aumento della popolazione nei paesi Africa sub-sahariana Aumenterebbe il potere di questa regione nella geopolitica globale, con una posizione particolarmente dominante per la Nigeria.

Le previsioni degli autori per questo paese lo indicano Sarà l’unico paese tra i dieci più popolosi del mondo ad aumentare la propria forza lavoroLa sua popolazione è passata da 86 milioni di persone nel 2017 a 458 milioni di persone nel 2100, un aumento che porterebbe il suo prodotto interno lordo al nono posto, quattro volte di più rispetto a tre anni fa.

READ  Salute mentale | Istruzione | Benessere a scuola e arte del dialogo, di Fiorella De Ferrari | opinione

“La crescita costante della popolazione nel corso del secolo non è più il percorso più probabile. Questo studio offre ai governi di tutti i paesi l'opportunità di iniziare a ripensare le politiche di immigrazione, forza lavoro e sviluppo economico per affrontare le sfide presentate dai cambiamenti demografici”, spiega in una dichiarazione. Direttore dell'Istituto per la metrica e la valutazione della salute, Cristoforo Murray.

Gli autori affermano che per quei paesi con redditi elevati e tassi di fertilità incapaci di compensare la perdita di popolazione, la “migliore soluzione” per mantenere “gli attuali livelli di crescita economica e sicurezza geopolitica” implica Attuare “politiche di immigrazione aperte”. Aggiungono che le loro “politiche sociali” dovrebbero essere così Funziona per “sostenere le famiglie” finché non hanno il “numero richiesto di figli”.

“Tuttavia, esiste il rischio molto reale che alcuni paesi, di fronte al calo demografico, possano prendere in considerazione politiche che limitano l'accesso ai servizi di salute riproduttiva, con conseguenze potenzialmente devastanti. È essenziale che le donne siano in prima linea nella libertà e nei diritti delle donne”. .” Murray conclude parlando dell'agenda di sviluppo di ciascun governo.

Secondo gli standard

Progetto Fiducia

saperne di più