Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La partita di calcio che ha causato il disastro del Corona virus in Italia

La partita di calcio che ha causato il disastro del Corona virus in Italia

Nel pomeriggio del 19 febbraio, Andrea Pontega stava volando da Bergamo, in Italia, per assistere alla partita di calcio più importante della sua vita con 40.000 dei suoi amici più cari.

Il nuovo coronavirus, allora appena registrato in Italia, era la cosa più lontana dai loro pensieri.

Sembrava che tutta la città fosse in viaggio. In 48 anni di tifo per la squadra di calcio professionistica locale di Bergamo, un'umile squadra chiamata Atalanta, né Pontegia né la sua città natale avevano mai visto nulla di simile. L'Atalanta è stata per certi versi la Cenerentola del calcio europeo e ora ha un appuntamento nel torneo più prestigioso di questo sport, la Champions League. Per l'occasione la partita venne spostata a Milano.

Lo stadio di San Siro aveva abbastanza spazio sugli spalti per ospitare il doppio dei tifosi bergamaschi presenti all'Atalanta Park, e i tifosi italiani intendevano riempire ogni posto disponibile. Nessuno di loro ha ancora sentito la frase “distanziamento sociale”.

“Tutto era pieno. Le strade, tutti i dintorni, lo stadio – ha detto Pontegia, 55 anni, che ha impiegato quasi tre ore per completare il viaggio di 35 miglia fino a San Siro. “Era quasi un'intera città che si era trasferita a Milano. “. “È stato incredibile, incredibile”.

È stato anche un disastro in termini di infezioni. I tifosi dell'Atalanta stavano entrando in una capsula di Petri. E in una manifestazione stavano per dimostrare come gli eventi sportivi potessero finire nell’epicentro di una pandemia globale.

A quel punto, il coronavirus si stava diffondendo attraverso innumerevoli portatori asintomatici. Quarantamila tifosi che si abbracciano e saltellano erano il vettore perfetto: gli esperti sono ormai convinti che la vittoria per 4-1 dell'Atalanta sul Valencia sia stata il catalizzatore della svolta La Lombardia è in una delle regioni più colpite del pianetaA. Il coronavirus era molto presente in campo quella notte e, una volta tornato il Valencia in Spagna, il 35% della squadra in trasferta è risultato positivo..

“Due settimane dopo il 19 febbraio c’è stata un’incredibile esplosione di casi”, ha detto il dottor Francesco Lo Foschi, immunologo responsabile delle malattie infettive della Clinica Umberto I di Roma. “La festa ha avuto un ruolo molto importante nella diffusione del coronavirus in tutta la Lombardia e a Bergamo in particolare”.

Per il resto del mondo, Atalanta-Valencia rappresenta un monito, soprattutto per le zone degli Stati Uniti dove il distanziamento sociale non è la norma. Sebbene sia impossibile determinare i tempi della trasmissione e l’Italia non abbia contato il numero di persone risultate positive e che hanno assistito alla partita, gli epidemiologi considerano uniformemente questi raduni di massa come acceleratori di un’infezione diffusa.

Mentre i campionati sportivi europei faticano a giocare a porte chiuse, Gli Stati Uniti sono rimasti per diversi giorni nelle arene affollate dopo i primi casi negli Stati Uniti.

READ  Le staffette latinoamericane rivelano il suo potenziale in Slesia

Nell’ultima settimana prima che lo sport americano finisse nel buio, il solo Madison Square Garden ha portato alle sue porte più di 100.000 persone, senza ricevere alcuna direttiva governativa per fermarlo. I New York Rangers hanno vinto lì due volte. I Knicks hanno vinto una volta e perso due volte. Ciò includeva una sconfitta contro gli Utah Jazz, il cui giocatore Rudy Gobert risultò positivo giorni dopo. I membri sopravvissuti degli Allman Brothers hanno anche suonato uno spettacolo di reunion e il basket del Big East è stato sospeso, solo per essere chiuso all'intervallo di una partita giocata senza tifosi il 12 marzo, il giorno dopo la chiusura della maggior parte degli sport americani.

Ognuno di questi eventi sarebbe visto dagli specialisti come un potenziale “amplificatore caratteristico”, secondo il dottor William Schaffner, uno specialista in malattie infettive presso il Vanderbilt University Medical Center. “Questi tipi di raduni di massa erano ambienti ideali per la trasmissione del virus”.

Per l'Atalanta c'erano pochi indizi su cosa ci sarebbe stato in serbo per la partita. Il coronavirus è arrivato da Monaco alla fine di gennaio, secondo le autorità, e si è diffuso silenziosamente in piccole quantità nella circostante regione Lombardia..

Al momento della partita, A metà febbraio i casi in Italia erano ancora voci Le autorità possono prendere in considerazione mezze misure. Lo scontro striscione dell'Atalanta con il Valencia è potuto proseguire normalmente. In Europa e al di là dell’Atlantico, la maggior parte degli sport non prenderà in considerazione la possibilità di sospendere i propri programmi per settimane.

La prima grande eruzione nelle piccole città a sud di Milano fu rilevata solo pochi giorni dopo la partita. Alcune esplosioni nelle vicinanze possono essere ricondotte ad altri raduni di massa, Come la popolare festa di San Faustino a Brescia, che ha richiamato in piazza circa 100.000 persone.

Pochi luoghi sono così spietatamente efficaci nel diffondere l’infezione come un grande evento sportivo. Al di là dello spazio aereo condiviso e della connessione di sedersi sugli spalti, strofinarsi le spalle e dare il cinque, la semplice esperienza di arrivare al proprio posto è un esercizio di lavaggio della folla. Negli stretti stadi europei per le grandi partite nelle notti fredde, questo fa parte della magia.

Attraverso la lente del coronavirus, ogni dettaglio è visto come un errore.

Il tifoso dell'Atalanta Luca Brignoli, 57 anni, ricorda il suo viaggio in metro fino a San Siro dal centro di Milano, con la gente che premeva alla porta. Ricorda di aver vagato per la piazza di fronte allo stadio, dove i tifosi di entrambe le parti si mescolavano, bevendo e mangiando snack dai camion di cibo. Si chiede quante persone abbiano tossito o starnutito mentre attraversavano i tornelli e gli stretti passaggi dello stadio.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

“La gente andava a una festa”, ha detto Brignoli, che non aveva alcun sintomo. “Eravamo molto vicini l'uno all'altro.”

Nel corso delle due settimane successive, nella zona iniziarono ad arrivare quotidianamente notizie tristi. La Federcalcio italiana ha chiuso gli stadi e alla fine ha sospeso la stagione. Entro il 10 marzo, l’intero paese era in blocco. Nel frattempo, Continua a salire il bilancio delle vittime a Bergamo. Gli ospedali erano affollati. I soldati morti furono trasportati su camion.

Un prete passa tra 90 bare di vittime del Covid-19 a Bergamo, in Italia, prima di inviarle a un crematorio.
Foto: Cozzoli/Photograma/Ruby/Zuma Press

“Abbiamo sottovalutato questo contagio”, ha detto Martina Cambiaggi, ministro dello Sport della Lombardia e uno dei 40.000 spettatori a San Siro. “Dopo la partita i tifosi erano nei bar e nei ristoranti di Milano, non solo di Bergamo. Questo evento è stato il grande acceleratore. Ma non sapevamo davvero che fosse un problema”.

Matteo Scarpellini, tifoso da sempre dell'Atalanta, ha organizzato i biglietti per un gruppo di amici austriaci. Oggi vorrei che non fosse così facile. Quasi due settimane dopo la partita, Scarpellini ricevette una telefonata da Vienna, giusto in tempo.

“Mi dispiace, devo dirtelo”, gli disse un amico. “Ho il coronavirus.”

Il 19 febbraio c’erano solo tre casi confermati in tutto il Paese e non c’erano prove che la trasmissione nella comunità fosse iniziata.

All'8 marzo erano 997 nella sola provincia di Bergamo. Martedì era rappresentata la Regione Lombardia 41% dei casi Confermato in Italia, secondo i dati del governo. Bergamo ora ha 8.803 casi, seconda solo alla città molto più grande di Milano.

Pontega e sua moglie Susanna sospettano che l'unico motivo per cui non sono inclusi nelle statistiche di Bergamo è perché non sono mai stati sottoposti al test per il coronavirus.. Dieci giorni dopo la partita, tempo che corrisponde al periodo di incubazione, entrambi hanno sviluppato sintomi simil-influenzali, tra cui dolori e febbre. Stanno male da più di una settimana.

“Non avevamo idea del rischio di infezione”, ha detto Pontega. “Nel giro di due settimane, tutto è cambiato completamente.”

Esattamente 20 giorni dopo la vittoria casalinga dell'Atalanta contro il Valencia, le due squadre si sono incontrate di nuovo in Spagna nella gara di ritorno del girone di andata e ritorno. A quel punto gli italiani vivevano in un mondo diverso. Mentre lo stadio di San Siro era pieno, lo stadio del Valencia era vuoto. L'Europa era determinata a continuare a giocare, ma le autorità calcistiche hanno ordinato che la partita si svolgesse a porte chiuse.

Il divieto non ha impedito ai tifosi del Valencia di riunirsi in gran numero fuori dallo stadio per dimostrare il loro amore, un altro raduno che i resoconti locali hanno attribuito alla diffusione della malattia in Spagna..

READ  Argentina vs. Italia: incontro amichevole tra Lionel Messi, Di Maria e altri argentini con Verratti, Donnarumma e gli italiani in vista della finale | Video | AR | RMMD | Sport totali

In casa l'Atalanta vince 4-3, qualificandosi ai quarti di finale di Champions League. Il club non ha mai raggiunto questo torneo prima, per non parlare dell'élite del calcio europeo. I giocatori festeggiavano in campo e i loro cori risuonavano dalle tribune vuote. Quella notte tornarono in Italia senza sapere cosa li aspettava. Aumentano i casi a Bergamo. Il club ha pubblicato un messaggio invitando i tifosi a non incontrare la squadra all'aeroporto.

“Sappiamo che molte persone ci seguivano a casa e non potevano uscire a festeggiare”, ha scritto in una lettera aperta l'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini. Avremo tempo per farlo a giugno, a fine stagione”.

L'Atalanta da allora non gioca più. Questa pratica viene annullata a tempo indeterminato. La Champions League è sospesa fino a nuova comunicazione. La squadra ha finora confermato un solo caso in rosa, il portiere Marco Sportiello.

Il sito web del club racconta una storia diversa. Nelle ultime due settimane, Sono stati pubblicati gli avvisi di morte di cinque personaggi vicini al club, tra cui un prete bergamasco, un ex allenatore delle giovanili e la massaggiatrice della squadra.. Rapporti locali collegavano tutti questi casi al Coronavirus. I cinque avevano festeggiato la vittoria dell'Atalanta.

Sulle bacheche dell'Atalanta, i contributori ora postano di zii, sorelle e padri che sviluppano una tosse improvvisa e spiacevole. Special Games, un sito di fan molto letto, Atalantinidiffonde tante notizie sul coronavirus a Bergamo quanto la squadra di calcio.

“Tutti quelli che chiamo per chiedere informazioni hanno perso un familiare, un amico o qualcuno che conoscono”, ha detto Daniele Lorenzi, abbonato dell'Atalanta.

Il sito è diventato anche un luogo in cui coordinare le attività di raccolta fondi e le richieste di volontari. due set di ventilatori, Nord Curve Ultras E il Associazione Tifosi AtalantiniHanno detto di aver donato più di 60.000 euro per le operazioni di soccorso. Anche i componenti degli Ultras, lo zoccolo duro della tifoseria atalantina, hanno offerto le loro competenze di imbianchini, elettricisti e idraulici alla Protezione Civile italiana nella costruzione di ospedali da campo. Lorenzi, che di solito lavora in una fabbrica che produce coni gelato, ha trascorso la settimana scorsa costruendo un parcheggio per ambulanze presso la struttura temporanea di Bergamo. Sei settimane fa lui e i suoi amici avevano appeso striscioni a San Siro.

“Negli ultimi quattro anni abbiamo reso felice un'intera città”, ha detto ai media italiani il capitano argentino dell'Atalanta, Papo Gomez. “Quello a cui stiamo assistendo è qualcosa di terribile.” “Ancora non riesco a capirlo.”