Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA ha scoperto un pianeta delle dimensioni della Terra: perché pensi che possa esistere una forma di vita?

“Anche con più di 5.000 esopianeti scoperti finora, TOI 700 e è un ottimo esempio che abbiamo molto da imparare”, ha detto l’astronomo Joy Rodriguez della Michigan State University (NASA).

Studiosi Contenitore Definisci un mondo di dimensioni Terra, Utilizzando i dati del Transiting Exoplanet Survey Satellite (caproneabbreviato in inglese). Il pianeta prende il nome TOI 700 e Ruota attorno alla sua stella all’interno del cosiddetto “zona abitabile”che è l’intervallo di distanze dal Sole in cui l’acqua può rimanere allo stato liquido sulla superficie del pianeta.

Gli scienziati hanno affermato che il pianeta ha il 95% delle dimensioni della Terra e potrebbe essere roccioso. Come accennato, TOI 700 e – che significa TESS Object of Interest – orbita nella zona abitabile della sua stella, TOI 700. Questa è la regione dello spazio in cui grandi quantità di acqua sulla sua superficie Sarà a una temperatura adatta per essere conservato in forma liquida. Troppo caldo per formare una calotta glaciale, ma abbastanza freddo perché il vapore si condensi. È un tipo di pianeta considerato “ideale” per la vita così come la conosciamo.

Quando si considera la possibilità che la vita, in qualsiasi forma, venga trovata al di fuori della Terra, questi tipi di scoperte sono buoni posti da esplorare. TOI 700 e è il secondo pianeta nella zona abitabile di questo sistema, unendosi a TOI 700 d che ha fatto la sua prima apparizione nel 2020.

Utilizzando i dati del Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS), gli scienziati della NASA hanno identificato un mondo grande all'incirca come la Terra (immagine fissa del video)
Utilizzando i dati del Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS), gli scienziati della NASA hanno identificato un mondo grande all’incirca come la Terra (immagine fissa del video)

“Questo è uno dei pochi sistemi con più pianeti minori in zone abitabili che conosciamo”, ha detto lo scienziato planetario. Emilia Gilbert, Il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA in California. Questo rende il sistema TOI 700 un’opportunità entusiasmante Seguito aggiuntivo. Il pianeta e è circa il 10% più piccolo del pianeta d, quindi il sistema mostra anche come ulteriori osservazioni TESS ci stanno aiutando a trovare mondi sempre più piccoli. “

READ  Il suono scioccante di un buco nero catturato e tradotto dalla NASA | ricerca astrologica

TOI 700 è un file Fantastica piccola stella (comunemente nota come stella nana M), si trova a circa 100 anni luce dal nostro pianeta, nella costellazione del Dorado. Queste stelle non sono grandi o calde come il nostro Sole, quindi i pianeti devono essere più vicini a loro affinché le condizioni siano abbastanza calde da impedire all’acqua di congelarsi.

TOI 700 e si trova a zona abitabile “ottimista”, Un’area in cui l’acqua può essere presente contemporaneamente. Giocattolo 700 d situata in zona abitabile “provincia” più stretto, che è dove gli astronomi ritengono che l’acqua liquida possa essere esistita per la maggior parte dell’esistenza del pianeta.

Diagramma della posizione dei pianeti esterni TOI 700 d e TOI 700 e
Diagramma della posizione dei pianeti esterni TOI 700 d e TOI 700 e

I telescopi vedono questi esopianeti (pianeti al di fuori del nostro sistema solare) come lampi di luce regolari dalle loro stelle madri mentre passano davanti a loro, in quello che è noto come transito. Con una superficie maggiore che blocca la luce delle stelle, i pianeti più grandi offrono opportunità di osservazione più facili rispetto ai piccoli mondi rocciosi, rendendo le scoperte simili alla Terra una buona notizia e una rarità.

TOI prende 700 e 28 giorni Per fare un’orbita, TOI 700 d, che è un po’ più lontano del suo vicino, impiega 37 giorni. Poiché TOI 700 e è più piccolo di TOI 700 d, sono stati necessari più dati. Afferma che la silhouette rappresenta davvero un nuovo pianeta.

L’astrofisico Ben Hord dice: Università del Maryland. “Ma il segnale era così debole che abbiamo avuto bisogno di un anno in più di osservazione del transito per determinarlo.” Tess Tess sorveglia 100 milioni di stelle, Quindi qualsiasi modo possiamo trovare per restringere la ricerca della vita sarà utile. Trovare esopianeti nelle loro zone abitabili è uno dei modi migliori per farlo.

TOI 700 e - il significato è TESS Object of Interest, per il suo acronimo inglese) - orbita nella zona abitabile della sua stella, TOI 700
TOI 700 e – il significato è TESS Object of Interest, per il suo acronimo inglese) – orbita nella zona abitabile della sua stella, TOI 700

Si ritiene che sia TOI 700 e che TOI 700 d lo siano Bloccato dalle maree. Ciò significa che un lato del pianeta è sempre rivolto verso la sua stella (allo stesso modo in cui lo stesso lato della Luna è sempre visibile dalla Terra). È vero che il costante riscaldamento di un lato del pianeta alla luce del sole rende meno probabile che la vita complessa inizi senza intoppi.

READ  Installa WhatsApp Plus 2022, gratis: come scaricare APK su Android? | GB WhatsApp Plus | WhatsApp Plus Rosso | Collega APK e Whatsapp Plus senza pubblicità | MX | CO | Stati Uniti | Stati Uniti | gioco sportivo

Anche se questi pianeti sono adatti alla vita, ci dice qualcosa sulla ricerca di sistemi solari che potrebbero essere più adatti a loro. Studiando sistemi stellari come quello in cui ci troviamo, gli astronomi possono anche comprendere meglio l’evoluzione della nostra casa e come i pianeti vicini sono arrivati ​​alle loro orbite attuali.

Questo pianeta è stato chiamato TOI 700 ey e orbita attorno alla sua stella all'interno del cosiddetto
Soprannominato TOI 700 ey, il pianeta orbita attorno alla sua stella all’interno di quella che viene chiamata la “zona abitabile”, l’intervallo di distanze dal “sole” a cui l’acqua liquida può rimanere sulla superficie di un pianeta.

“Anche con più di 5.000 esopianeti scoperti finora, TOI 700 e è un ottimo esempio che abbiamo molto da imparare”, ha detto l’astronomo Joy Rodriguez della Michigan State University.

La ricerca è stata accettata per la pubblicazione da The Astrophysical Journal Letters ed è attualmente disponibile sul sito web arXiv.

Continuare a leggere