Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La medicina intensiva pone le basi per estendere l’uso dell’ECMO a più tipi di pazienti

MADRID, 25 novembre (Europe Press) –

È possibile estendere l’utilizzo del supporto ECMO per includere diverse malattie legate al paziente cardiaco critico, come indicato dagli esperti intensivi che hanno partecipato al simposio “Nuove frontiere nella gestione dei pazienti con ECMO-VA”, organizzato la scorsa settimana da la Società Spagnola del Dipartimento di Medicina Intensiva, Critica e Unitaria Coronavirus (SEMICYUC) in associazione con Getinge.

Secondo questi esperti di SEMICYUC, l’integrazione del team ECMO in pazienti con embolia polmonare ad alto rischio, in persone che hanno subito un arresto cardiorespiratorio e persino di fronte a shock settico refrattario, sta diventando una realtà nella medicina di terapia intensiva.

Il sistema di ossigeno extracorporeo a membrana, noto come ECMO per il suo acronimo in inglese, consente, tra l’altro, di svolgere la funzione dell’apparato respiratorio e di pulire il sangue dei pazienti con insufficienza polmonare.

Si è dimostrato efficace ed è un’ottima alternativa, ma richiede un’adeguata valutazione del paziente, nonché l’uso da parte di personale esplicitamente addestrato a maneggiare questa apparecchiatura. Inoltre il suo utilizzo non si limita all’ambiente interno all’ospedale, ma ha salvato molte vite negli ultimi anni grazie al suo impiego in impianti esterni all’ospedale, sia terrestri che aerei.

SEMICYUC ha voluto gettare le basi per gli obiettivi e le sfide che gli ECMO-intensive dovranno affrontare nei prossimi anni. È possibile portare questa ossigenoterapia ad altri tipi di pazienti e questo è supportato da vari studi recenti, che determinano il modo di incorporare la tecnologia in condizioni come, ad esempio, l’arresto cardiaco, che è un grave problema di salute.

“In questi pazienti refrattari, è possibile considerare l’uso dell’ECMO, che può migliorare la sopravvivenza fino alla dimissione dall’ospedale”, ha spiegato il dottor Jorge Dorto, dell’ospedale clinico San Carlos di Madrid.

READ  Un telescopio a microonde è arrivato a Puerto Buenos Aires

Per questo, è necessario disporre di protocolli ECMO in RCP che consentano la selezione e la differenziazione dei candidati che possono beneficiare della tecnica (per età, ritmo di arresto, fattori di sopravvivenza, ecc.). Questi protocolli dovrebbero anche richiedere un alto livello di coordinamento all’interno e all’esterno dell’ospedale e, naturalmente, accompagnati da un’efficace diagnosi precoce e dalla qualità iniziale della RCP.

I terapisti intensivi hanno anche dimostrato come l’ECMO può aiutare nei pazienti con embolia polmonare (EP) ad alto rischio. La dottoressa María Paz Fusset, dell’ospedale universitario Belvetigue di Barcellona, ​​​​ha notato l’importanza di avere protocolli multidisciplinari e team di risposta rapida perché “un piano strategico di trattamento e un processo decisionale consensuale da parte di specialisti possono influenzare lo sviluppo di questi pazienti”. Certo è importante scegliere bene il paziente, perché non è una tecnica che può essere applicata in generale.

Per quanto riguarda l’integrazione dell’ECMO nei pazienti con shock settico refrattario, gli specialisti dell’intensificazione hanno indicato che è già stato descritto un tasso di sopravvivenza più elevato se questa terapia viene utilizzata nel contesto di pazienti con miocardite correlata alla sepsi, soprattutto se iniziata precocemente.

“Inoltre, consente il recupero cardiaco, perché è reversibile”, ha affermato il dottor Ricardo Gimeno, dell’Ospedale Universitario La Fe di Valencia. Lo specialista ha anche avvertito dei rischi: “Non dobbiamo prendere in considerazione i pazienti con paralisi vascolare resistente al trattamento e non possiamo ignorare la possibilità di batteriemia durante l’uso di ECMO”. Per questo motivo, come nei casi precedenti, è essenziale una corretta selezione dei pazienti.

Inoltre, il simposio ha affrontato la decompressione della decompressione ventricolare sinistra del paziente con ECMO. La gestione delle varie tecniche attuali per ottenere questo stress, ha spiegato Clara Hernandez, dell’Harefield Hospital di Londra, è associata a una mortalità più bassa nei pazienti con shock cardiogeno trattati con il supporto ECMO. “Le attuali tecniche consentono un immediato sollievo dalla pressione e, in caso di complicanze, anche la rimozione precoce della xenosi”, ha aggiunto.

READ  Le università cilene incoraggiano la ricerca congiunta con le istituzioni in Italia e Francia «Diario y Radio Universidad Chile