Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Andrea Zanon pensa che l’attuale crisi aiuterà il Calcio

Andrea Zanon | libertà digitale

Durante gli anni ’80 e ’90, la Serie A (Serie A italiana) è stata il campionato di calcio di riferimento a livello mondiale. Aveva le migliori squadre, giocatori e allenatori e spesso deteneva il record mondiale di trasferimenti.

Le squadre italiane sono state ottime concorrenti a livello europeo. Tra il 1952 e il 1992 sono stati solo quattro anni in cui il campionato italiano non ha avuto i giocatori più preziosi e ammirati. Tuttavia, secondo Andrea ZanonNegli ultimi vent’anni il calcio italiano ha perso il suo splendore.

Ciò è dovuto alla riduzione delle entrate, alla corruzione e all’aumento dei costi per mantenere la forza lavoro a livelli elevati. Il suo lustro internazionale continua a diminuire e le finanze insostenibili e le pratiche di squadra obsolete hanno spazzato via molte delle stelle, dei marchi e dei trofei globali della lega.

Il calcio italiano sembra essere affetto da una generale mancanza di innovazione, finanziamento diversificato e leadership.

Il 40% delle squadre di Serie A oggi ha meno ingressi rispetto a 10 anni fa. La Fiorentina, una delle prime 7 squadre in Italia in questo momento, nel 2020 ha generato un fatturato di soli 72 milioni di euro, ovvero il 10% in meno rispetto a 10 anni fa.

La Serie A è ora il campionato n. 4 in Europa e la nazionale italiana è scesa all’11° posto nella classifica delle prime 25 nazionali. A livello di investimenti, Andrea Zanon dice che è importante sottolineare Che negli ultimi dieci anni in Italia sono stati costruiti solo tre nuovi stadi, contro i 153 in Europa. Ciò è dovuto principalmente alla mancanza di risorse finanziarie e anche a pratiche organizzative complesse che complicano notevolmente la costruzione di una nuova attività.

Fondi sovrani e investimenti nel calcio europeo

Il calcio italiano non ha più le risorse finanziarie per competere con i campionati inglese, spagnolo, francese e tedesco. A differenza di altri club europei, le squadre di calcio italiane non hanno i propri stadi, Non hanno più i prodotti, i servizi e le innovazioni necessari per assicurarsi nuovi accordi TV.

Negli ultimi vent’anni, L’Italia ha in gran parte perso le ondate di investimenti internazionali che hanno trainato il calcio europeo. Gli oligarchi russi (Chelsea) e i fondi sovrani di Arabia Saudita, Qatar ed Emirati Arabi Uniti (Manchester City, Paris Saint-Germain e Newcastle) hanno cambiato completamente il panorama del calcio europeo aggiungendo capitale, innovazione e leadership al settore .

READ  Un evento storico ha dimostrato la necessità di nuove politiche sanitarie per i malati di epatite C

Questi investitori, insieme al Nord America, possono fornire alla Serie A le capacità amministrative e finanziarie necessarie per trasformare il settore calcistico italiano.

La pandemia causata dal Covid e la successiva chiusura degli stadi hanno spinto molti club italiani sull’orlo del collasso finanziario. Questa situazione ha ridotto le valutazioni finanziarie dei team italiani, che hanno generato un forte interesse nei confronti di gruppi di private equity (imprese di private equity) dagli Stati Uniti.

La proprietà privata in America è un gioco importante

La maggior parte delle squadre di calcio italiane è sottovalutata a causa di una combinazione di cattiva gestione, scarse prestazioni finanziarie e mancanza di innovazione.

Ecco perché, negli ultimi tre-cinque anni, c’è stata una crescita dell’interesse per questi team di fondi di private equity statunitensi. Questi investitori ritengono che una migliore gestione della squadra e un finanziamento più efficiente possano portare il calcio italiano a un livello più competitivo e aumentare la sua valutazione nei prossimi cinque-dieci anni.

attualmente, Delle 20 squadre di calcio della Prima Divisione, 6 squadre sono controllate da investitori nordamericani. Ciò che ha reso queste acquisizioni particolarmente interessanti è Le basse prestazioni complessive di queste squadre, il loro forte posizionamento del marchio e il posizionamento complessivamente unico del calcio in Italia.

Questa sponsorizzazione non solo migliorerà le finanze dei rispettivi club, ma potrà anche generare investimenti in società nazionali.

Questo riassunto di Forbes illustra lo stato della proprietà del denaro americano nel calcio italiano:

bY2PKwGqXL-DpYMvQOT2fT1OUAJsugjrrtBqrpGRoPCwx6cgyW_o75sOskkiZIsshSEMCvrLKTVmbbD8Lzd8pa4omM5zWLB6PmYe0aPjVJOFsOring5
Proprietari di apparecchiature italiane in Nord America. Fonte: Forbes

Innovazione e Big Data

Le più importanti squadre italiane, come Juventus, Milan, Napoli, Inter, Lazio e Roma, devono essere in prima linea nell’applicazione della tecnologia al calcio.

Andrea Zanon sottolinea inoltre che negli ultimi decenni la scienza dei dati (big data analytics) si è diffusa nel calcio, con squadre provenienti da Germania, Spagna e Inghilterra che hanno adottato i big data per essere più competitivi e disporre di strumenti all’avanguardia. .

Club come il Borussia Dortmund della Germania e il Brentford della Premier League inglese utilizzano big data e algoritmi per migliorare l’allenamento e le prestazioni dei giocatori, analizzare le partite e aumentare il reclutamento di future stelle. Altri usano il biohacking e la neuroscienza per massimizzare la funzione cerebrale e garantire prestazioni sostenibili dei giocatori.

READ  33 presidenti e amministratori delegati fanno parte del Consiglio aziendale spagnolo per lo sviluppo sostenibile (CSR): :: Impegno CSR

L’investimento di questi club in innovazione, tecnologia e dati intelligenti ha permesso loro di competere a un livello superiore. Al contrario, nel calcio italiano non si fanno prove di nuove tecnologie, perché chi governa il calcio italiano ha ancora una mentalità molto vecchia e non sa adattarsi alle attuali condizioni di mercato e ai nuovi trend tecnologici.

Promuovere un nuovo modo di consumare il calcio digitale

Gli appassionati di calcio continueranno ad aumentare il loro consumo di sport online, senza la necessità di passare attraverso trasmissioni via cavo, satellite e in diretta. Durante il blocco del COVID-19, molti club europei hanno riscontrato un grande successo nell’offrire servizi di abbonamento diretto ai propri tifosi.

I club italiani dovrebbero fare lo stesso e cercare canali tecnologici innovativi per vendere i loro prodotti, dal momento che Il modo in cui gli appassionati di calcio lo consumano sta cambiando e si sta evolvendo.

Inoltre, con la possibilità di offrire esperienze attraverso la realtà virtuale e aumentata, le squadre italiane possono lanciare piattaforme di calcio “metaverse” dove realtà aumentata, videogiochi e sport possono interagire per creare esperienze digitali più avanzate.

Questa è già una realtà negli Stati Uniti e in Inghilterra. Diverse squadre di calcio dell’UE stanno esplorando la “tokenizzazione delle loro risorse”, che consentirà ai loro fan di investire nelle loro squadre preferite attraverso la criptovaluta, consentendo agli utenti di diventare contributori. Queste sono nuove fonti per il business del calcio digitale, dove le squadre possono generare nuove entrate e attirare nuovi spettatori digitali in uno sport ancora molto tradizionale.

Investi nel calcio femminile

Sebbene la maggior parte delle persone non abbia ancora molta familiarità con il calcio femminile, tutti dovrebbero prestare attenzione poiché è finalmente una forte tendenza emergente del business. Questa tendenza è guidata dal calcio femminile americano e scandinavo.

Grazie all’entusiasmo di questa parte del calcio, molte grandi squadre, tra cui il Real Madrid, hanno creato una squadra femminile nel 2020. In Italia il calcio femminile sta crescendo molto, La prima divisione femminile dovrebbe approfittare di questo buon momento per conquistare una parte di questo mercato emergente.

READ  I musei stanno testando software per leggere le reazioni dei visitatori alle opere

L’Italia ha le infrastrutture, il marchio e l’esperienza calcistica per svolgere un ruolo molto più importante nel calcio femminile internazionale. Andrea Zanon crede che con un marketing migliore, investimenti e una nuova leadership, le squadre femminili italiane possano diventare una forza globale e aiutare il calcio italiano a tornare al suo glorioso passato.

Consolidamento dell’alleanza con gli Stati Uniti

Il calcio italiano ha bisogno di far crescere fortemente la sua associazione con gli Stati Uniti per attirare nuovi investitori, oltre a posizionarsi come mercato di riferimento per tutto ciò che riguarda il calcio.

Questo processo aprirà la prima fase a nuovi investimenti, sviluppo di prodotti e iniezioni di innovazione. Allo stesso modo, la Serie A potrebbe dare accesso a imprenditori con competenze internazionali tanto necessarie in Italia, favorendo l’innovazione e lo scambio di giocatori tra i due mercati.

Ciò andrebbe anche a vantaggio dell’Italia poiché gli Stati Uniti, insieme a Canada e Messico, si preparano ad ospitare la Coppa del Mondo FIFA nel 2026.

momento decisivo

La scarsa leadership e la mancanza di investimenti della Serie A hanno causato il graduale declino del calcio italiano. È tempo che la Premier League e i suoi club si assumano dei rischi ed esplorino nuove strategie per tornare competitivi.

La partnership con fondi di private equity è un buon inizioPuò portare al calcio italiano l’infusione di capitali e standard gestionali internazionali di cui ha bisogno per smantellare il vecchio management, modificando le strutture operative e le strategie di investimento.

Infine, Zanon ritiene che la recente crisi del calcio italiano sia la “tempesta perfetta” per adottare nuove tecnologie e portarle a livelli più competitivi e innovativi.

Ma soprattutto: “Un livello generale di umiltà nella dirigenza italiana aiuterà a risolvere la situazione, perché mentre scrivo queste opinioni, la nazionale di calcio rischia di non qualificarsi per i Mondiali del Qatar 2022 (questo sarà il secondo consecutivo). )”. L’Italia dovrebbe imparare da Spagna e Regno Unito, che non hanno avuto paura di rivoluzionare il settore, introdurre nuovi leader, investire in tecnologie dirompenti e apportare i tanti cambiamenti positivi che l’hanno resa la lega più competitiva al mondo.