Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La guerra e la scienza non hanno morale

Sto scrivendo queste righe in un momento in cui gran parte della civiltà è rimasta sconvolta dal brutale attacco della Russia di Vladimir Putin contro l’Ucraina. E mentre pensavo a quello che stava succedendo, cercando con difficoltà che i miei pensieri non si limitassero all’indignazione che avevo per le prepotenze e il cinismo mostrati dal più alto leader della Russia, energia nucleare, non dimentichiamo. Inoltre non voglio tralasciare, o abbreviare, le mie riflessioni sul tipo di retorica “no alla guerra” che in questi giorni viene proiettata attraverso manifesti in ogni sorta di scenario (sarebbe più appropriato gridare “no alle invasioni “).

Stato Gandhi

Comprendo la sua origine e la sua convenienza, ma raramente nella storia umana una tale reazione è stata sufficiente a spaventare tiranni o despoti o nazioni desiderose di stabilire il loro potere. Mahatma (Great Soul in sanscrito) Gandhi è una delle poche eccezioni che conosco che riuscì con mezzi pacifici a liberare un popolo dal giogo dell’ampio e ambizioso impero britannico, portando all’indipendenza dell’India, sebbene in realtà il movimento di liberazione era accompagnato da lotte non pacifichecosì come le tensioni interne, che portarono allo scioglimento di parte di quella che era conosciuta come la vecchia India, e alla creazione di un nuovo Paese, il Pakistan, e poi di un terzo, il Bangladesh.

Dal ruolo della scienza in guerra ricordiamo le bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki o i gas asfissianti durante la prima guerra mondiale.

Ma torniamo a Russia e Ucraina. Tra le circostanze che ho osservato in questo sfortunato evento, vorrei considerarne due. L’uso della forza esercitato da un grande potere su uno stato sovrano, per i propri interessi, e il ruolo che la scienza e la tecnologia militare svolgono in un conflitto armato. Credevamo che i primi ad essere sradicati: le persone illuse fossero assorbite dal lusso “va bene” è fuorviante-, almeno in Europa dalla fine della Guerra Fredda, con la caduta del muro di Berlino nel 1989 e il declino dell’ideologia comunista, anche se sarebbe più corretto pensare che questa sconfitta abbia favorito i sentimenti nascosti di vendetta che sono oggi emergendo, qualcosa di non molto diverso da quanto accadde con la sconfitta della Germania nella prima guerra mondiale, un fatto, spinto dalle condizioni imposte a questa nazione dalle potenze alleate alla Conferenza di Versailles, nacque meno di due decenni dopo la sua comparsa. Il successo popolare di Adolf Hitler.

READ  CONAE celebra 30 anni di promozione della tecnologia spaziale argentina

Per quanto riguarda il ruolo della scienza e della tecnologia, è apparso nei primi giorni dell’invasione russa dell’Ucraina con la precisione con cui batterie e missili russi hanno distrutto i centri ucraini. importanza militareLa sua importanza non è nuova. Non è né nuovo né moderno.

Dal ruolo della scienza in guerra si tende a ricordare le bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki o l’uso di gas asfissianti durante Prima guerra mondialema, ad esempio, diversi secoli fa, il matematico e ingegnere italiano Niccol Fontana (1499-1557), meglio noto come Tartaglia, dedicò un libro, nuova scienza (1537), per studiare il percorso seguito da un proiettile di artiglieria, problema evidente nelle applicazioni militari.

Oggi, questo libro è particolarmente ricordato per una meravigliosa iscrizione che mostra Euclide che accoglie alcuni studenti alla porta di un grande cerchio, dove Tartalia accompagna l’aritmetica, la geometria, la musica, l’astronomia e altre discipline.La matematica, apparendo vicino a lui traiettoria curva del proiettile Lanciato da un cannone, mentre in un altro cerchio, più lontano e ristretto, in cui prevale la filosofia, Platone tiene una fascia che dice: “Nessuno che non sia esperto di geometria può entrare qui”. Più tardi, Galileo, nell’altro suo grande libro, fu condannato dall’Inquisizione, Dialogo su due nuove scienze (1638) (più importante per la fisica, perché include la legge del decadimento dei bassi, della sua legge un dialogo dal 1632), perfezionarono gli studi di Tartaglia determinando che questo sentiero è una parabola. Tra gli esempi più recenti che citerò c’è l’invenzione del maser e del laser, che Charles Townes inventò nella seconda metà degli anni ’50 mentre cercava di sviluppare radar, per uso militare, che utilizzassero lunghezze d’onda più piccole.

READ  Ecco come si fermano i ciclisti italiani di estrema destra

pressioni speciali

Il progresso della scienza è stato ed è tuttora responsabile del miglioramento della condizione vitale dell’umanità. Ma è soggetto all’obbedienza a chi lo usa. Per quanto grande possa essere il progresso scientifico dell’umanità, ci sarà sempre, come dobbiamo dire, una “tensione fondamentale” con le discipline umanistiche, alcune discipline umanistiche, sì, non dimenticate Pensa alla morale.

Liu Fei peste scarlatta (Visor, 2021), il romanzo futuristico pubblicato da Jack London nel 1912 – modellato, ad esempio, su scimmia ed essenza (1948) di Aldous Huxley o strada (2006) di Cormac McCarthy, dove Un virus che uccide quasi tuttiAlcune frasi che mi danno materiale su cui riflettere:[La recuperación de la civilización] Sarà un processo molto lento e molto lento. Il nostro salto verso la civiltà è ancora lontano. […] Se solo alcuni fisici o chimici sopravvivessero! Ma non era così, e ci siamo dimenticati completamente della scienza. […] Cosa posso sapere di queste arti? Ero un uomo di letteratura, un umanista, non un alchimista”. A parlare in questo modo è James Howard Smith, ex professore di letteratura inglese. E sì, scienze come la chimica (più necessarie per la sopravvivenza) e la fisica o la biologia sono necessarie per mantenere una civiltà nello stile che abbiamo raggiunto e goduto – almeno parte dell’umanità – dal ventesimo secolo, ma basta con loro?

Sicuramente abbiamo bisogno di Galileo, Newton, Lavoisier, Darwin, Pasteur, Einstein e molti altri, ma abbiamo bisogno di pensatori come Aristotele. Etica NicomacheaMarco Aurelio da RiflessiKant Critica della ragione praticaGeorge H. Moore Principio eticoO John Rawls teoria della giustizia. E anche a J.H. Smiths, a quegli scrittori, romanzieri o poeti, passati e futuri, che ci aiutano a capirlo scavando nella mutevole natura umana. Per capire noi stessi e rispettarci.

READ  Cosa succede al mio corpo se mangio troppo yogurt al giorno?