Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La gara era in parità con il centro di Cordoba

La gara era in parità con il centro di Cordoba

È apparso il giocatore che dormiva. Un giorno si svegliò. Sulla placca, dopo un trick, ha dimostrato di avere qualità più moderne che mai. Il colombiano, da cui i tifosi del settore giovanile si aspettano così tanto, ad un certo punto sarebbe stato attivo. Pochi secondi dopo che Gabriel Arias aveva bloccato un tiro uno contro uno contro Sanabria, Roger Martinez ha spostato la palla a lato e ha colpito con un sinistro insostenibile. Il cilindro ha festeggiato. gara Era l’unico leader nella sua zona. Ma… per errore, Matteo lascia solo Sanabria e pareggia in maniera straziante al 45′ del secondo tempo. Un altro duro colpo per l’Accademia. Per una squadra che si è lasciata fischiare dai tifosi che hanno anche cantato contro il consiglio d’amministrazione.

Ancora una volta il Racing non ha sfruttato l’occasione per risalire in testa alla classifica. Una vittoria lo avrebbe lasciato solo al vertice. Gli avrebbe dato un margine maggiore nella Copa Sudamericana, anche se i fagioli lo hanno lasciato all’ultimo posto in quella regione. Ancora una volta ha condannato la negligenza difensiva dell’Accademia. Come in Florencio Varela, i Browns sembravano sottomessi. Non lo ha colpito con il gol di Roger Martinez né con l’azione che Agustín Ojeda gli ha regalato con più determinazione in seguito.

La gara contro il Central Cordoba è stata pareggiata. Foto: RacingClub

Avere giocatori della qualità tecnica di Emiliano Vecchio e Agustín Almendra non ha dato al Racing il calcio che questi due uomini insieme avrebbero dovuto dare. Anche se parlavano la stessa lingua con la palla, il problema è stato che nel primo tempo raramente si sono uniti. Dei due Vecchio era il più attivo, quando giocava a breve distanza per avviare circuiti di breve durata. È stato rapidamente tagliato a causa di imprecisioni.

READ  ginnastica contro Studenti ancora fuori: le azioni di Bolga Rodriguez contro Leandro Diaz

Il Racing era una squadra in parità contro il Central Cordoba

L’accademia manca di facilità. Giocava come se trascinasse uno zaino molto pesante. Si è semplicemente mosso e non ha volato davvero. Come se avesse troppa paura di sbagliare, trasmetteva l’immagine di una squadra in parità. Tebio va all’attacco, pur avendo diverse occasioni chiare. La coppia Grazzini-Vedela ha riproposto il 4-2-3-1 che creava grossi pericoli per difesa e giustizia. Ma questa volta gli è costato molto.

Vecchio, al centro della terza fila, ci ha sempre provato e chiesto, ma non ha potuto fare molto. Almendra è partito sulla fascia sinistra per poi arretrare con Baltazar Luis Rodriguez, che ha avuto poco impatto. La palla non arrivava molto spesso a Roger. Quando lo riceveva, i difensori avversari lo accontentavano avanzando o vincendo duelli uno contro uno, tranne quella mossa in cui rimase bloccato all’interno e riuscì a fare spazio per un tiro con la mano destra. E anche nel giocare con il parziale di 1-0.

Il centro di Cordoba ha tolto la scintilla al Racing. La squadra di Santiago si è opposta con un ordine difensivo. Aveva tanto slancio su ogni pallone giocato e non si è mai sentito inferiore. Ha combattuto a metà campo e ha avuto un gioco migliore rispetto al suo rivale laburista. Non si è mai ritirato intenzionalmente, ma ha invece effettuato transizioni rapide per portare la palla oltre la linea di porta dopo le palle perse. Ciò che il ferroviere non trovò furono le luci che illuminavano il suo cammino nell’ultima parte del campo. Questo gli ha impedito di essere troppo aggressivo da centravanti.

READ  Sull'orlo delle lacrime: Gustavo Costas si scusa con i tifosi del Racing, che vincono 4-0 e vengono eliminati dalla Coppa di Lega

All’inizio del secondo tempo, i due hanno mandato in campo Ojeda al posto di Baltasar Luis Rodriguez. Trapito ha dato vitamine all’attaccante. Ha avuto la meglio, vincendo alcuni heads-up grazie alla sua abilità e all’accelerazione con la mano destra. Ma non ci sono stati buoni finali. Il settore giovanile è andato avanti e il centrocampo di Cordoba a volte ha aspettato l’occasione per contrattaccare o sfruttare rapidamente lo spazio. Arias ha salvato la squadra e l’urlo di Roger è arrivato immediatamente. Pazzesco, con così poco tempo rimasto e con il vantaggio, sembrava che la vittoria fosse già in divenire. O quasi. ma no. Il pareggio è stato una pugnalata. La corte è finita di nuovo nell’alveare.

Foto di copertina: @RacingClub