Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Francia batte i record per il virus Corona e ha restrizioni | L’infezione ha superato 100.000 al giorno, due volte all’inizio del mese

da Parigi

Il Consiglio per la difesa della salute che ha seguito il governo sotto la crescente minaccia di una valanga virale lunedì ha portato a nuove misure per mitigare l’impatto della pandemia. Tutti i dati sull’inquinamento hanno raggiunto record assoluti. Sabato 24 dicembre la Francia ha superato, per la prima volta dallo scoppio dell’emergenza sanitaria, la barriera dei centomila casi del virus Covid-19 in 24 ore, per raggiungere 104.611 casi, raddoppiando così i tassi che erano tre settimane fa. Le prospettive per la salute erano particolarmente complesse a Parigi, dove il tasso di infezione era di 1.814 per 100.000 abitanti tra il 17 e il 23 dicembre. In soli sette giorni la diffusione del virus è aumentata del novanta per cento. Questo è 2,5 volte superiore alla media di 712,5 casi per 100.000 residenti in città ed è 35 volte superiore al tetto di allerta di 50 casi fissato dal governo. Se questo tasso viene mantenuto, gli scienziati delle infezioni prevedono che entro la metà di gennaio si raggiungerà un tasso di 200.000 infezioni al giorno. A sua volta, il Consiglio Scientifico che consiglia il governo teme che gli effetti della variabile Omicron (casi del 1980) porteranno a “disregolamentazione di alcuni servizi di base” tra cui “distribuzione di cibo, sicurezza, energia, trasporti, comunicazioni e salute” da gennaio .

Con questa situazione estrema nel mezzo, l’esecutivo ha implementato nuove misure senza includere queste nuove restrizioni, coprifuoco o ritardare la ripresa degli studi dopo le vacanze di Natale e di fine anno. Il governo ha ricontrollato la sua strategia centrale, ovvero iniettare una nuova dose di vaccini disponibili, adottando una serie di ulteriori restrizioni. “Sembra tutto un film senza fine”, ha detto il primo ministro francese Jean Castix. Poi, Castex ha annunciato che il periodo tra la seconda e la terza dose del vaccino sarebbe stato esteso a tre mesi da martedì 28 dicembre (sei mesi prima, poi spostato a cinque e poi a 4). Ha sottolineato che i grandi raduni saranno limitati a duemila persone all’interno dell’edificio e cinquemila all’esterno e che sono vietati i concerti e la consumazione nei bar e nei ristoranti, così come il mangiare nei cinema, nei teatri e nei mezzi pubblici. Palestre. Queste norme rimarranno in vigore per tre settimane mentre un’altra legge integrativa entrerà in vigore da gennaio. Si tratta di lavoro a distanza, che sarà obbligatorio almeno “tre giorni alla settimana”. Per quanto riguarda la notte del 31 dicembre, non ci sono state, come lo scorso anno, nessuna specifica restrizione o coprifuoco, ma piuttosto “raccomandazioni” che vanno dai test del coronavirus, alla stretta osservanza dei gesti di barriera o alla ventilazione di edifici e stanze. Castex ha chiesto che “il buon senso sia applicato in tutte le azioni che indicano la nostra responsabilità”.

READ  Era una modella e attrice in Brasile, è diventata una cecchino ed è morta in Ucraina

Il vaccino resta la pietra angolare dell’organo esecutivo per combattere il Covid per contenere la quinta ondata. Si tratta di un elemento “essenziale e cruciale”, secondo le autorità. In questo senso, il Consiglio dei ministri si è riunito con l’obiettivo di accelerare un disegno di legge volto a convertire la tessera sanitaria in un’altra tessera denominata “corridoio dei vaccini”. Il presupposto di questa legge è che non sarà sufficiente fornire un test negativo per entrare nei luoghi pubblici, ma si renderà necessaria la vaccinazione della persona, da cui il nome “permesso di vaccinazione”. La nuova sentenza dovrebbe entrare in vigore nella seconda metà di gennaio. Il potere esecutivo francese si muove attraverso un confine molto stretto su entrambi i lati dell’abisso sanitario o della sanzione elettorale. Le elezioni presidenziali sono alle porte (aprile 2022) e il governo e la presidenza sanno che saranno giudicati da un paradosso insormontabile: se stringi la serratura e la chiudi troppo, la società si rivolterà contro entrambi. Se scoppia una crisi sanitaria più ampia, verranno interrogati anche l’esecutivo e il palazzo presidenziale. Il gattone del virus gioca tutto il tempo allo stesso tempo come se la salute e la politica fossero un topo tra gli artigli.

[email protected]