Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Finlandia ha eliminato la Croazia per rivaleggiare con la Spagna; L’Italia ha eliminato la Serbia; La Polonia supera l’Ucraina

La Finlandia ha avuto una brutta partenza per EuroBasket, ma ha vinto l’ultimo giorno della prima fase e ha prenotato il biglietto per gli ottavi di finale. Non sembravano i favoriti contro la Croazia questa domenica, ma hanno vinto 94-86 per passare ai quarti di finale. Quindi i rivali della Spagna per un posto in semifinale questo martedì alle 17:15. La perdita del loro unico centro decente, Zubac, per un infortunio alla caviglia è stata ampiamente ignorata dalla Croazia.

Il torneo è stato un’altra vetrina per l’eccezionale torneo gestito da Larry Markkanen. L’attaccante ha travolto i croati con 43 punti dopo aver segnato rispettivamente 33 e 34 contro Israele e Repubblica Ceca in precedenza.

Grazie alla sua leadership, la squadra finlandese ha guidato il tabellone con un piccolo vantaggio nel secondo quarto (45-43 all’intervallo). I croati erano in svantaggio 71-72 al 33esimo minuto, ma Markkanen ha portato la sua squadra in vantaggio di 89-84 negli ultimi 70 secondi.

Finlandia (20+25+22+27): Maxhuni (16), Salin (17), Jantunen (3), Huff (3), Markannen (43) -primi cinque-, Kantonen (5), Koponen, Little (5), Valtonen, Madsen (2) e Seppala.

Croazia (21+22+21+22): Smith (17), Bogdanovic (23), Hessonja (9), Saric (12), Ramljak (3) – cinque titolari-, Simon (11), Zubac, Mavra e Matkovic (11).

L’Italia ha battuto la Serbia 86-94. Una vera sorpresa poiché la squadra serba era favorita per il titolo, l’italiano ha prodotto un’andata irregolare ed è arrivata con la clamorosa perdita della sua stella di punta Gallinari, che ha subito un grave infortunio al ginocchio pochi giorni prima dell’inizio di EuroBasket. Il Azzurri Mercoledì ospiteranno la Francia.

READ  Italia, il record della Spagna in più partite imbattute

Gli uomini di Besic hanno vissuto diversi bei momenti, conducendo 42-30 a metà del secondo quarto e causando molti problemi all’Italia dopo aver segnato i primi 28 punti. Ma c’è stata poca reazione all’intervallo per portare 51-45. La situazione sembrava essere sotto controllo (59-49), e al 27′ si rimontava dopo 63-57. Una tripla di Spiszu, seguita da altre quattro, stringe le marcature e il periodo finale si porta sul 68-66.

Un 2 su 16 con Polonara e Melly combinati con Spisu per portare la Serbia sul 70-82 a 5 minuti dalla fine. Hanno resistito bene quando il loro avversario ha fallito miseramente e Mysic non è mai più arrivato a questa fase dell’evento (1 su 8 in tre). Jokic ha chiuso con 32 punti e un PIR di 41, ma era molto solo. I tre italiani hanno realizzato ben 16 tiri su 38 e ne hanno sbagliati così tanti nel tratto finale che ha un po’ penalizzato la loro percentuale.

Serbo (28+23+17+18): Maisic (16), Marinkovic (8), Lucic (8), Kalinic (12), Jokic (32) -cinque partenze-, Jaramas (-), Guduric (2), Milutinov (2), Davidovic e Jakodic-Kuritza ( 6)

Italia (20+25+21+28): Spisu (22), Donut (5), Fontecchio (19), Polonnara (16), Melli (21) -i primi cinque-, Datum (6), Flicka, Mannion (2), Pajola (1) e Ricci (2 ).

Stesso punteggio, 94-86 per la Polonia contro l’Ucraina, che va al riposo con un vantaggio di 42-45, ma poi affonda in difesa e non riesce a controllare Slaughter, maestro di 24 punti e 32 di Ponitka.