Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La deforestazione amazzonica è diminuita del 22% nel primo bilancio annuale da quando Lula è tornato al potere

La deforestazione amazzonica è diminuita del 22% nel primo bilancio annuale da quando Lula è tornato al potere

Un’area deforestata nella regione amazzonica durante un’operazione di disboscamento illegale vicino a Urara, nello stato di Pará, nel gennaio 2023.Osley Marcelino (Reuters)

La misurazione più accurata ed attendibile ha confermato la tendenza indicata dai dati preliminari degli ultimi mesi. La deforestazione in Amazzonia è diminuita del 22,3% tra agosto 2022 e luglio 2023, secondo l’ultimo bilancio annuale condotto dall’Istituto brasiliano per la ricerca spaziale (INPE) e pubblicato giovedì. La foresta tropicale più grande del mondo, un ecosistema chiave per mitigare il riscaldamento globale, ha perso in quel periodo 9.001 chilometri quadrati, un’area equivalente alla dimensione di Cipro. Questi dati rappresentano una buona notizia per il presidente Luiz Inacio Lula da Silva, che, dal suo ritorno al potere, ha fatto della protezione della regione amazzonica e dell’ambiente una delle sue priorità. Durante il mandato di Jair Bolsonaro, il disboscamento illegale è aumentato rapidamente e la tendenza al ribasso è cambiata solo nel suo ultimo anno. Era considerato un cattivo ambientale planetario.

I dati annuali sulla deforestazione in Amazzonia rappresentano un test di fine anno per i governatori brasiliani di fronte al mondo esterno. Tutti si rendono conto che il mondo, da più di due decenni, misura la prestazione ambientale del proprio paese in percentuale di aumento o diminuzione. Durante la campagna elettorale, Lula aveva promesso la completa deforestazione entro il 2030, il suo obiettivo più ambizioso.

Presentando i risultati, il Ministro dell’Ambiente e dei Cambiamenti Climatici, Marina Silva, ha dichiarato: “Questo risultato è il risultato di tutto il lavoro di tutti noi. È un lavoro che abbiamo già competenza [conocimientos técnicos] Dalla nostra precedente gestione. “Ora l’abbiamo modernizzato e stiamo vedendo questi risultati”, ha spiegato il politico veterano che ricopriva la stessa carica vent’anni fa, anche con Lula. Questo è stato il periodo in cui la deforestazione amazzonica è improvvisamente diminuita. Durante i suoi cinque anni come ministro in quella prima fase, il disboscamento illegale è stato dimezzato a 12.900 chilometri quadrati.

READ  Elezioni in Spagna: Alberto Núñez Viejo, il "camaleonte" conservatore che ha saputo aspettare il suo momento per guidare il Partito Popolare

Gli effetti devastanti del cambiamento climatico si possono osservare anche nella regione amazzonica. Il Rio delle Amazzoni, il fiume più lungo e più grande del mondo, soffre di una storica siccità aggravata dal fenomeno El Niño, mentre Manaus e altre città della regione sono circondate da settimane da fumo soffocante causato da incendi illegali.

Lula intende recarsi alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), che inizierà alla fine di questo mese a Dubai. Non c’è dubbio che il presidente brasiliano utilizzerà questa riduzione del 22,3% della deforestazione nella regione amazzonica come portavoce negoziale al vertice delle Nazioni Unite sul clima. Si prevede inoltre che venga utilizzato nei complessi negoziati del Mercosur con l’Unione Europea per cercare di chiudere definitivamente l’accordo commerciale, che è stato bloccato dalle richieste ambientali. L’Uruguay ha dato un ultimatum per chiuderlo entro la fine dell’anno. Sia Lula che il presidente spagnolo Pedro Sanchez si sono impegnati a intensificare gli sforzi per raggiungere quella data ora che Brasile, Mercosur e Spagna detengono la presidenza dell’UE.

L’Istituto di ricerca spaziale compila questo conteggio annuale della deforestazione sulla base di misurazioni satellitari utilizzando un sistema chiamato Prodes, che è più accurato nel calcolare l’area degli alberi perduti rispetto al sistema Deter, che fornisce dati settimanali ma si basa su avvisi inviati dalle squadre ambientaliste. gli agenti utilizzano per popolare gli ispettori.

Il presidente Lula e Marina Silva hanno messo da parte le loro differenze per unirsi in campagna elettorale con una missione condivisa per sconfiggere Bolsonaro alle urne. La richiesta dell’ex raccoglitore di gomma in sostegno del leader della sinistra brasiliana era che la politica di protezione dell’ambiente fosse globale. Ci sono voluti volontà e mezzi politici. Il ministro Silva si è congratulato con se stessa per il fatto che sotto questo governo gli ispettori ambientali sono raddoppiati.

READ  Seppelliscono il ragazzo ucciso dal "facile grilletto" nella Francia trasformata dalle proteste

Bolsonaro è salito al potere nel 2018 con una retorica di disprezzo per le politiche ambientali e la negazione dell’emergenza climatica che ha incoraggiato tutti i tipi di criminali che sfruttano illegalmente l’Amazzonia. Per l’ex militare, il modo più efficace per combattere la miseria di quella regione, la più povera del Brasile, era sfruttare le ricchezze delle foreste tropicali.

Puoi seguire il clima e l’ambiente su Facebook E Soppure iscriviti qui per riceverlo La nostra newsletter settimanale