Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“La decisione di vincere”: Ricorda Icardi dopo essere stato campione d’Italia

L’Inter ha incoronato campione italiano con una grande squadra e una grande tenacia e ha sostenuto come allenatore Antonio Conte, che è stato alla ribalta dopo essere stato l’ultimo in area Champions League e ha rispecchiato la sua immagine tagliando i nove anni consecutivi e di vantaggio della Juventus. Al suo neroazzurro 19 titoli di campionato.

Dopo la celebrazione e l’entusiasmo, gli addetti ai lavori hanno analizzato la vittoria della squadra e il cambio di faccia che è avvenuto in questo momento come il nome era Mauro Icardi Da un’intervista. In questo caso, è stato lui il protagonista Giuseppe MarottaIl direttore sportivo del club, che ha ricordato la partenza dell’attaccante.

Giuseppe Marotta, Direttore Sportivo dell’Inter. Foto: TwitterInter

In conflitto con l’allenatore e i tifosi, l’argentino, il capitano, è andato in prestito al Paris Saint-Germain, dove è stato successivamente acquistato per 60 milioni di euro. Ora, nel tempo, il leader ricorda il momento e lo ha descritto lunedì come A. “Una decisione vincente.”

“Icardi sarebbe stato venduto Una decisione impopolare, ma necessaria, che si è rivelata vincente. Conte ci ha aiutato a formare una mentalità vincente isolandoci dai problemi esterni. Sky SportsSi è concentrato, senza menzionarla, su Wanda Nara, la rappresentante del giocatore che aveva ritardato la negoziazione di un accordo.

Lukaku e Lautaro, il binomio post-Icardi che ha portato l’Inter al vertice.

Siamo riusciti a colmare una lacuna che era grandeC’era una squadra che vinceva da nove anni consecutivi. L’anno scorso eravamo a un punto dalla Juventus nel torneo e nella finale di European League. Quest’anno invece l’abbiamo vinta in quattro giornate di assenza “.

Certo, è stato al posto di Icardi che è apparso per la prima volta Lotaro Martinez, Che inizialmente ha ruotato la proprietà, poi c’è stato l’accesso Romelu Lukaku Nel mezzo del conflitto. Oggi il belga è un grande attaccante ed è stato il migliore in Serie A a segnare un gol 21 gol e 9 assist In 33 partite.

READ  I musei italiani apriranno nei fine settimana, previa prenotazione