Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Commissione europea riceve un piano di ripresa dalla Polonia

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 maggio 2021-19: 57

Bruxelles, 3 maggio (EFE). – La Commissione Europea (CE) ha ricevuto lunedì il piano di ripresa polacco, con il quale sono già quattordici i paesi dell’Unione Europea, compresa la Spagna, che hanno formalmente presentato in dettaglio le riforme che intendono intraprendere per ottenere la loro quota di 800.000 milioni di euro stanziati superare la crisi causata dall’epidemia di Covid-19.

Sabato i governi di Italia, Austria, Belgio e Slovenia hanno presentato i loro piani, mentre venerdì Spagna, Danimarca, Lussemburgo e Lettonia lo hanno presentato, così come è scaduto il termine fissato ufficialmente dalla Commissione europea; La Slovacchia e la Francia hanno depositato i loro documenti giovedì; La Germania e la Grecia lo hanno fatto mercoledì, e il Portogallo, che detiene questo capitolo alla presidenza di turno dell’Unione europea, ha aperto il registro il 22 aprile.

La Polonia ha chiesto un totale di 23,9 miliardi di euro in sovvenzioni ai sensi del regolamento finanziario FRR e 12,1 miliardi di euro in prestiti per investimenti fino al 2026, secondo l’Autorità comunitaria esecutiva in una dichiarazione.

Da parte sua, la Spagna ha chiesto un totale di 69.500 milioni di euro per le riforme tra il 2021 e il 2023.

La voce più importante del piano spagnolo andrà alla transizione all’auto elettrica per facilitare la mobilità sostenibile (13.203 milioni di euro), la seconda alla riabilitazione abitativa e al rinnovamento urbano (6.820 milioni), seguita dall’ammodernamento delle pubbliche amministrazioni (4.315 milioni di euro). ) e la digitalizzazione delle piccole e medie imprese (4, 066 milioni) e una roadmap 5G (3.999 milioni).

READ  Questo è stato l'anno peggiore nella storia dell'umanità (e non è quello che pensi)

Bruxelles ha ora due mesi per analizzare i piani e dare la sua approvazione finale, ma i paesi – guidati da Germania, Francia, Italia e Spagna – chiedono loro di accelerare le scadenze, poiché negli ultimi mesi hanno tenuto riunioni precedenti con tutti i governi per preparare le riforme e aprire la strada.

Tuttavia, il ramo esecutivo della comunità esclude la possibilità di una solida valutazione dei piani in meno dei due mesi previsti.

Ma il primo ministro portoghese Antonio Costa ha detto giovedì che il suo paese, che detiene la presidenza trimestrale dell’Unione europea, “determinerà l’approvazione dei primi piani” il 18 giugno alla prossima riunione dei ministri dell’economia e delle finanze. Convinti che “non abbiamo più tempo da perdere”.

Ha espresso la sua disponibilità a promuovere un secondo incontro eccezionale nell’ultima settimana di giugno per approvare la seconda tornata di pacchetti nazionali.

Una volta ottenuta l’approvazione della Commissione e dei ministri delle finanze, i paesi potranno scegliere un anticipo del 13% sui pagamenti, che nel caso della Spagna sarebbe di poco superiore ai 9.000 milioni di euro.

Bruxelles spera di erogare questo primo soccorso a luglio, ma è necessario a tal fine che i 27 paesi dell’Unione europea ratifichino prima la normativa che consentirà loro di emettere 800 miliardi di euro (a prezzi correnti).

Se si conformano prima della fine di maggio, la commissione può andare sui mercati all’inizio di giugno.

A parte il 13% in anticipo, gli aiuti saranno erogati due volte l’anno se i paesi dimostreranno di aver raggiunto gli obiettivi e la tempistica concordati con Bruxelles. EFE

Cat-drs-lpc / maggio

(Per ulteriori informazioni sull’Unione europea su euroefe.euractiv.es)

READ  Il Gruppo dei Venti discute il minimo globale nelle società dopo gli accordi dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e il Gruppo dei Sette | Economia

© EFE 2021. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte del contenuto dei Servizi Efe è espressamente vietata, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.