Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La città, che era il centro iniziale dell’epidemia in Italia, sta ora tramando i ricercatori per “supermoon” Covit-19 per i suoi cittadini.

I ricercatori eseguono test anticorpali su Vo ‘Euganeo (EFE / EPA / NICOLA FOSSELLA)

Gli scienziati stanno studiando la presenza di individui “superimmuni” in Govt-19 Nella piccola città del nord Italia La prima morte per il virus corona è avvenuta in Europa.

Wo ‘Yuganio, Un piccolo paese di 3.275 nei pressi di Padova in Veneto, che divenne un vero e proprio laboratorio Il primo focolaio della malattia in Italia nel febbraio 2020.

Govt-19 ha iniziato a diffondersi nel paese, come il mondo ha visto, Wo ‘è stata la prima città ad essere posta in un grave isolamento, Protetto dai militari. Ulteriore, È l’unico posto in cui i medici possono visitare 2.812 persone.

I giocatori se ne sono andati molto tempo fa ma I dottori rimasero e continuarono a fare i test.

Ora, gli scienziati l’hanno scoperto Anticorpi prodotti dalla gente del posto dopo la cattura di COVID-19 Erano proprio questo Molto forte dopo nove mesi, Più di quanto alcuni esperti prevedano.

“Abbiamo anche scoperto che in alcuni casi i loro livelli di anticorpi aumentavano durante quel periodo, piuttosto che scomparire”., Ha spiegato al quotidiano britannico I tempi Enrico Lavezzo, È un microbiologo dell’Università di Padova che conduce esperimenti.

Lavezzo e i suoi colleghi si sono conclusi Quando si analizzano 2.602 persone per gli anticorpi a maggio L’hanno fondata 162 Sistema immunitario dopo l’infezione all’inizio di febbraio o all’inizio di marzo.

Una foto di un volto mascherato di membri delle forze armate italiane verifica il permesso di un conducente per entrare nella Zona Rossa di Durano Lodigiano vicino a Vovo, chiusa dallo scoppio del coronavirus nel nord Italia presso il Durano Lodigiano.  26 febbraio 2020. REUTERS / Yara Nardi / Archivio
Una foto di un volto mascherato di membri delle forze armate italiane verifica il permesso di un conducente per entrare nella Zona Rossa di Durano Lodigiano vicino a Vovo, chiusa dallo scoppio del coronavirus nel nord Italia presso il Durano Lodigiano. 26 febbraio 2020. REUTERS / Yara Nardi / Archivio

Di questi 162 residenti, 156 sono stati nuovamente testati dopo nove mesi, Novembre. Di cui, 129 di loro avevano ancora gli anticorpi.

READ  Vendita aprile 2021, Italia: dati generalmente negativi

Delle 129 persone che avevano gli anticorpi nove mesi dopo l’eruzione iniziale, secondo uno studio dei ricercatori dell’Università di Padova in collaborazione con l’Imperial College di Londra, 16 Hanno mostrato il doppio rispetto a maggio. Le possibili cause dell’aumento degli anticorpi includono la ricomparsa del virus. Lo studio è in fase di revisione.

“Più della metà dei 129 hanno mostrato una diminuzione degli anticorpi dopo nove mesi, ma erano abbastanza forti da proteggersi dal virus”, ha detto. Disse Lavezzo.

Il team ha scoperto che gli ex pazienti avevano sintomi durante la lotta contro la coccidiosi Se hanno un indice di massa corporea elevato, mantengono meglio i livelli di anticorpi nel tempo. In alcuni test, Soggetti più anziani, i loro anticorpi sono durati più a lungo.

Tuttavia, la scoperta più importante Gli anticorpi a novembre erano il doppio rispetto a maggio in 16 soggetti.

“Pensiamo che ciò sia dovuto al fatto che erano in contatto con qualcuno che è risultato positivo dopo maggio”.Disse Lavezzo. “Il virus è entrato nel loro corpo, infettando alcune cellule, ma sono state rapidamente rimosse dagli anticorpi esistenti. Ma è successo qualcos’altro: il virus ha innescato la produzione di più anticorpi. Nessuno ha sintomi “.

Nove di questi sedici hanno confermato di avere un rapporto positivo tra maggio e novembre.

“Un collega dell’ufficio lo ha avuto in ottobre ed è finito in ospedale”, ha detto. “So che ha già gli anticorpi per essere covid a febbraio, quindi è stato incurante”, ha detto. Rafaela Frozen, 53 e uno dei casi superimmuni.

Un'ambulanza a Kodogno, l'altro punto di partenza del coronavirus nel nord Italia (via Claudio Furlon / Lapressi Zuma / DPA)
Un’ambulanza a Kodogno, l’altro punto di partenza del coronavirus nel nord Italia (via Claudio Furlon / Lapressi Zuma / DPA)

“Molti virus innescano la produzione di anticorpi aggiuntivi quando vengono a contatto”, ha spiegato Lavezzo. “Quello che abbiamo visto qui con Covid è che un contatto ha più del doppio degli anticorpi che hai già, e questo in realtà estende il tempo in cui sei protetto. “

READ  In che modo l'Italia distribuisce i fondi europei nel piano di ripresa? Emesso da EFE

“Quello che non sappiamo è che, durante quelle brevi e minori epidemie, se diventi contagioso”, Ha detto il ricercatore.

Ma c’è molto di più. Lavezzo ritiene che l’ondata di anticorpi provocata dal nuovo contatto funzionerà non solo per quelli con COVID-19, ma anche per coloro che sono stati vaccinati. Se il ricevente è coinvolto positivamente in un caso, la protezione fornita dal vaccino può essere rafforzata.

“Un vaccino è un’espressione artificiale di un agente patogeno”, Ha detto LaVesso Notizie NBC. “È come migliorare l’immunità degli immunizzatori, quindi la prossima volta che entrano in contatto con il virus, la loro risposta sarà più rapida e più forte”.

Il cosiddetto superimmune si trova in altre parti del mondo, È raro che gli anticorpi delle persone aumentino senza disperdersi.

Capire come attivare una tale risposta sarà cruciale per sconfiggere COVID-19.

La scoperta superimmune non è stata il primo studio WOI a fornire informazioni sul virus corona.

Nel marzo 2020, quando la maggior parte del mondo ha visto Govt-19 come una malattia che colpisce le persone remote, Lavezzo e altri ricercatori hanno scoperto che il 42,5% delle persone affette da VO erano asintomatiche. La scoperta ha influenzato l’esito della regione Veneto in cui si trova Vo ‘, aumentando gli sforzi per testare, monitorare e isolare il virus. L’approccio di Wo ‘Yuganio è lodevole a livello internazionale.

Tra i dati raccolti dal team di Lavezzo c’è una mappa genetica delle persone per vedere se qualcosa nel loro DNA li ha aiutati a difendersi dal virus.

Continua a leggere: