Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il PIL italiano scende dello 0,4% fino a marzo a causa della baia, ma si riprenderà

Italia Start

ROMA, 30 apr. (EFE) .- L’economia italiana si è contratta dello 0,4% nel primo trimestre del 2020, rispetto al quarto trimestre del 2020, soprattutto a seguito dei controlli delle epidemie che colpiscono il settore dei servizi, ha affermato oggi, secondo l’Agenzia Italiana di Statistica (ISTA) nei suoi dati preliminari.

L’economia si è contratta dell’1,4% nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo del 2020, ma questo riduce l’impatto annualizzato sul PIL del 6,6% registrato nel quarto trimestre del 2020. Rispetto al 2019.

Il PIL italiano è sceso del 2% nel quarto trimestre del 2020.

Lo sviluppo agricolo e industriale e i servizi stanno diminuendo

Secondo i dati presentati questo venerdì, il calo dello 0,4% è stato il risultato di un aumento del valore aggiunto nei settori dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca e dell’industria, mentre il calo dei servizi non è andato in stock.

Sebbene si noti che il contributo esterno (import ed export) compensato dal contributo positivo del domestico (consumi e investimenti) ha un contributo negativo al PIL, non lo ha fatto in relazione alla domanda.

Quando i dati finali sulla crescita saranno pubblicati il ​​1 ° giugno, la società italiana indicherà la misura in cui ciascuna di queste componenti ha avuto un impatto.

I dati provvisori sono coerenti con quelli previsti da analisti ed esperti, e Indesa Sanpolo, economista senior presso il braccio ricerca e ricerca della più grande banca italiana per capitalizzazione di mercato, Paulo Mameli, ha sintetizzato che “è probabile che si registrerà una ripresa nel trimestre in corso” .

Verso la ripresa

Anche i datori di lavoro italiani Confindustria hanno condiviso il messaggio ottimistico secondo cui è credibile attendersi un “aumento positivo del PIL” nel secondo trimestre e una “forte reputazione” nel terzo trimestre. Il ritmo delle vaccinazioni “e l’arrivo dei fondi europei dal programma Ue NextGeneration.

READ  Italia e Spagna testano la loro alleanza durante l'era Tragi Spagna

“L’economia italiana si sta riprendendo dalla crisi in linea con l’Europa. Il mondo è sulla via della ripresa”, ha confermato Confindestria nel suo studio mensile pubblicato venerdì.

Anche il ministro dell’Economia Daniel Franco ha riconosciuto la situazione pochi giorni fa e ha detto in parlamento che “ci sarà un aumento del PIL nel secondo trimestre”, grazie alla progressiva riapertura dell’attività economica e alla ripresa dell’economia mondiale. “, E la crescita” continuerà al quarto posto nel terzo trimestre. ”

Il ministro prevede che il PIL quest’anno crescerà del 4,8%, tenendo conto delle misure prese da Roma per promuoverlo, e se le politiche non cambieranno nei prossimi mesi sarà del 4,5%: “sono calcoli prudenti”, ha sottolineato. su.

Secondo Estate, se la crescita del PIL sarà pari a zero nei prossimi trimestri, la crescita nel 2021 sarà dell’1,9% rispetto al 2020.

Lavoro e informazione

Questo venerdì la società ha pubblicato i dati sulla disoccupazione pre-occupazione per l’inflazione di marzo e aprile.

Il tasso di disoccupazione è sceso al 10,1% dal 10,2% del mese precedente, ma il tasso di disoccupazione femminile è salito all’11,4%, 0,2% e il tasso di giovani al 33%, 1, 1 punti.

I giovani e le donne rimangono i gruppi più vulnerabili durante i focolai di coronavirus, principalmente perché hanno rappresentato i 254.000 posti di lavoro persi nel primo trimestre del 2021 rispetto al quarto trimestre del 2020.

A marzo, il tasso di occupazione era del 56,6%, in aumento dello 0,1% rispetto ai 34.000 posti di lavoro di febbraio.

Tuttavia, prima che l’epidemia si chiudesse nel marzo di quest’anno, c’erano 565.000 posti di lavoro in meno rispetto a marzo 2020 e quasi 900.000 posti di lavoro in meno rispetto a febbraio 2020.

READ  Caos in Italia: un uomo si suicida uccidendo un anziano e due bambini alla periferia di Roma

Il governo italiano mantiene il divieto di licenziamento per motivi economici fino a giugno e fino a ottobre per le aziende in settori che non dispongono di meccanismi di sicurezza sociale, ei sindacati temono gravi perdite di posti di lavoro quando il trasferimento verrà revocato, quindi hanno chiesto una ripresa fino al l’epidemia è finita.

L’inflazione ad aprile è stata stimata all’1,1% rispetto allo stesso mese dello scorso anno e allo 0,4% a marzo di quest’anno, aggiungendosi al quarto aumento consecutivo, secondo i dati forniti da Estad.