Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Catalogna, è in prima linea nella trasformazione del settore primario spagnolo

La Catalogna, è in prima linea nella trasformazione del settore primario spagnolo

La Catalogna è alla guida della trasformazione del settore primario spagnolo, che evolve verso un modello meno frammentato e più redditizio rispetto al passato, ed è una delle regioni autonome che più assomiglia alle economie europee con aziende agricole più produttive.

Nonostante il salto di qualità ottenuto nell’ultimo decennio, Lo sfruttamento agricolo tipico in Spagna è ancora caratterizzato dalla sua piccola scala, dalla “dimensione economica modesta” e dal fatto che è per lo più nelle mani di uomini anziani.Come evidenziato dal recente rapporto sul settore agroalimentare spagnolo pubblicato da CaixaBank Research.

Nell’ultimo decennio, Il numero di strutture più grandi è aumentatononostante La dimensione media è ancora piccola rispetto ad altri paesi europei più produttivi “Rispetto alla Spagna, dove c’è una percentuale maggiore di grandi aziende agricole con una produzione per azienda agricola molto più elevata”.

COSÌ, Più della metà delle aziende agricole spagnole hanno una superficie pari o inferiore a 5 ettari e la produzione media è di circa 49.600 euro all’anno.nonostante Il 63% produce meno di 15mila euro l’annoSecondo l’ultimo censimento agricolo 2020.

Per quanto riguarda la proprietà, La stragrande maggioranza di essi sono in mano a persone fisiche (il 94% del totale)Il proprietario è solitamente il capo dell’azienda agricola (81%), composto in maggioranza da uomini (71%) e anziani (41% di età superiore a 65 anni).

Rispetto ai paesi europei più produttivi (Germania, Francia, Italia e Paesi Bassi), si nota che essi hanno una percentuale maggiore di grandi aziende agricole, la loro produzione è molto più elevata e L’ingresso delle aziende private è leggermente maggiore.

READ  Mercati del Sud Europa: buone prospettive dopo il primo trimestre

Anche i dirigenti delle aziende agricole sono per lo più uomini, come nel caso della Spagna (68% in media nell’UE), ma è così Una percentuale più alta di persone sotto i 45 anni Una percentuale più bassa si registra tra gli over 65, ad eccezione dell’Italia, secondo l’agenzia Effie.

In questo contesto, il rapporto lo indica La Catalogna si distingue tra le regioni in cui la concentrazione del settore ha subito un’accelerazione nell’ultimo decennio, con più aziende agricole con elevati volumi di produzione (Oltre 80mila euro per installazione), “una cifra vicina a quella delle altre economie europee”.

Oltre alla comunità catalana. Aragona o Murcia Hanno anche una produzione elevata, mentre Negli ultimi anni anche le Asturie e i Paesi Baschi hanno registrato un forte calo delle piccole aziende agricole e un aumento delle grandi aziende agricole.

La percentuale di piccole aziende agricole è più evidente nelle Isole Canarie, nella Comunità Valenciana e in Galizia; Mentre Le strutture più grandi sono concentrate in Castiglia e Leon e in Aragona.

Il rapporto di ricerca di CaixaBank evidenzia la relazione positiva che esiste tra quelle comunità che sono aumentate maggiormente nel numero di aziende agricole superiori ai 100 ettari e quelle che hanno aumentato maggiormente la propria produttività.

COSÌ, Le aziende agricole più grandi tendono ad essere più efficienti Perché “hanno una maggiore capacità di innovare, introdurre nuove tecnologie e sfruttare le sinergie tra questi investimenti”.

I settori del pollame, degli ortofrutticoli e della carne suina sono i più produttivi e sono concentrati nelle regioni di Catalogna, Estremadura e Castilla y León.

Per quanto riguarda la sfida Cambio generazionale “Oltre il 40% degli attuali dirigenti aziendali andrà in pensione nei prossimi 10 anni”, avverte il rapporto.che significa C’è bisogno che circa 200.000 giovani entrino in questo settore Per compensare il suo effetto.

READ  COVID-19: come la pandemia di coronavirus è sfuggita al controllo in Germania

In Catalogna, circa il 72% dei responsabili di aziende agricole o strutture sono uomini, il 41% ha più di 65 anni, mentre solo il 15% ha meno di 45 anni.

Nel 2020, la Spagna contava 914.871 aziende agricole e attualmente nelle campagne spagnole si producono circa 2.400 euro per ettaro utile, Rispetto ai 1.165 euro guadagnati in media nel 1990.

Il rapporto indica anche La diversificazione delle fonti di reddito è un elemento chiave per migliorare la “resilienza” delle aziende agricoleEgli ritiene che il turismo rurale sia un “buon complemento” all’attività agricola.