Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La brutalità di Hamas in prima persona: le testimonianze di due testimoni a tre settimane dall’attentato terroristico

La brutalità di Hamas in prima persona: le testimonianze di due testimoni a tre settimane dall’attentato terroristico

Resti dell’attacco terroristico di Hamas in una casa di un kibbutz situato a due chilometri dalla Striscia di Gaza

(Inviati speciali a Tel Aviv, Israele) Un portavoce dell’esercito israeliano ha lanciato un invito tramite WhatsApp Nel corso di un incontro con i testimoni oculari del massacro compiuto da centinaia di terroristi di Hamas. L’incontro si è svolto nel parcheggio di un supermercato a sessanta minuti da Tel Aviv e alla fine, a causa di un malinteso nei dati protetti dell’incontro segreto, ci siamo ritrovati davanti alla porta di una base militare sorvegliata da decine di soldati che non erano più di 25 anni. anno.

Era mezzogiorno e faceva molto caldo. sul cellulare, L’app Tzofar continuava ad annunciare l’atterraggio di razzi nel sud di Israele. Nella base militare si sentivano le sirene e quindici secondi dopo un rumore secco e sordo. Ancora una volta, la cupola d’acciaio ha impedito che un missile di Hamas colpisse un quartiere, un ospedale o il mercato di datteri e uva verde, situato a pochi isolati dal Mar Mediterraneo.

Il raid terroristico lanciato da Hamas ha provocato la morte di oltre 1.500 persone, centinaia di feriti e mutilati, decine di dispersi e, fino a ieri sera, 224 ostaggi tenuti nei tunnel di Gaza. Questi numeri incompleti di tragedia, Che comprende sopravvissuti, familiari alla ricerca dei propri parenti, medici che devono identificare le vittime e soldati che hanno combattuto i terroristi, traccia una traccia indelebile della missione intrapresa dall’organizzazione fondamentalista finanziata e addestrata dall’Iran.

Due medici forensi stanno accanto a un obitorio mobile dell'esercito israeliano in una base militare utilizzata per identificare i corpi delle persone uccise in un attacco di Hamas.
Due medici forensi stanno accanto a un obitorio mobile dell’esercito israeliano in una base militare utilizzata per identificare i corpi delle persone uccise in un attacco di Hamas.

Hai Rika è un colonnello dell’esercito israeliano che comanda il distretto di Dan, nome dato all’area urbana che comprende Tel Aviv e le zone che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Dan è stato l’obiettivo di un attacco terroristicoLì, le cellule di Hamas uccisero, mutilarono e rapirono migliaia di ebrei.

Il colonnello Ricca ha comunque esperienza di combattimento È ancora perplesso quando descrive ciò che ha trovato Quando le forze di difesa israeliane sconfissero Hamas e riuscirono a riconquistare l’area del kibbutz, che si trova a 20 isolati dalla Striscia di Gaza.

READ  Calendario astronomico per l'8 maggio: cosa è successo in un giorno come oggi?

Rika è attento all’uso degli aggettivi nel descrivere la scena della tragedia, ma alla fine si libera quando ricorda le prime ore dopo l’attentato fondamentalista. “Non eravamo preparati a dire ai parenti che i loro figli erano morti. A loro è successa la stessa cosa: “Ci hanno detto che non erano morti e che Hamas li aveva rapiti”. Disse il colonnello, cercando di non piangere (di nuovo).

Il colonnello Hai Rika rivela le difficoltà incontrate nell’informare le famiglie delle vittime, dopo l’attacco terroristico compiuto da Hamas

Fino a venerdì mattina Il numero ufficiale degli ostaggi di Hamas è 222. Il Qatar protegge Hamas e ha avviato negoziati informali con questa organizzazione terroristica per ottenere il rilascio dei prigionieri civili detenuti nei tunnel di Gaza. Gli Stati Uniti hanno partecipato a questi negoziati, consultandosi con Israele in ogni fase.

Hamas ha rilasciato quattro donne: Yocheved Lifshitz, Nurit Cooper (79 anni), Judith Raanan e sua figlia Natalie. Attualmente sta negoziando con il Qatar una serie di vantaggi aggiuntivi Prima di liberare gli altri ebrei che aveva rapito il 7 ottobre. L’organizzazione terroristica vuole che Israele consenta l’ingresso di carburante a Gaza – che utilizzerà per scopi bellici – e che il governo bellico annulli le sue operazioni di terra nella Striscia.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha assicurato a Joe Biden che non accetteranno le condizioni richieste da Hamas. Mentre era all’interno del Gabinetto di Guerra, gli ordinò di determinare un piano alternativo per salvare gli ostaggi tenuti nei tunnel di Gaza.

READ  Democrazia o dittatura o cosa c'è in Perù? | opinione

Efrat Machikawa è un consulente aziendale internazionale ed è stato l’addetto culturale israeliano in Giappone. Durante questa fase della carriera, Machikawa sembrava disposto a sostenere la possibilità di intrecciare diverse visioni del mondo per forgiare una società globale. E nelle foto ufficiali Machikawa stava ancora sorridendo.

La tragica storia della famiglia Efrat Mishikawa rapita da Hamas

Quella donna alta, con personalità ed esperienza diplomatica, non esiste più. L’attacco terroristico ha distorto la sua visione delle cose, e ora l’unica cosa che chiede – in un appello globale – è che tutti i Paesi chiedano il rilascio degli ostaggi di Hamas.

Tra questi ostaggi c’erano le sue nipoti, che furono portate da una cellula fondamentalista nella Striscia di Gaza. Nessuno sa dove sono.

Quando finì di raccontare la storia della sua famiglia, Machikawa abbracciò un soldato e se ne andò. Fuori si sentivano ancora le forti sirene che annunciavano che un missile stava effettivamente volando da Gaza verso Tel Aviv.