Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La bandiera spagnola rompe il silenzio sull’Ucraina

La bandiera spagnola rompe il silenzio sull’Ucraina

Il Ministero della Scienza sta riesaminando la cooperazione scientifica spagnola con la Russia a seguito dell’invasione dell’Ucraina e allo stesso tempo tre importanti istituzioni scientifiche in Spagna hanno raccomandato di sospendere questa cooperazione. Le accademie europee e il Gruppo dei Sette, così come eminenti astronomi, si uniscono nella condanna dell’invasione russa.

Il Ministro della Scienza e dell’Innovazione Diana Morante manifestato Su Twitter sta rivedendo la cooperazione scientifica spagnola con la Russia, in coordinamento con il Ministero degli Affari Esteri, a seguito dell’invasione dell’Ucraina.

Aggiunge che “la nostra volontà è di raggiungere risposte coordinate nel quadro europeo che siano più efficaci, come il resto delle misure prese dalla Spagna di fronte all’invasione dell’Ucraina. La scienza deve essere al servizio della pace. E del miglioramento delle condizioni di vita delle persone».

“Ci incontreremo venerdì a Bruxelles e la prossima settimana a Marsiglia con i ministeri della scienza dell’Unione europea per affrontare questi problemi”, conclude, il che potrebbe indicare una possibile posizione comune dello staff scientifico europeo sull’invasione dell’Ucraina.

Attualmente, la Commissione europea ha sospeso i pagamenti alle istituzioni russe coinvolte in progetti di ricerca e innovazione finanziati dall’UE, secondo una dichiarazione citata da ScienceBusiness. Inoltre, l’UE non avvierà nuovi progetti di cooperazione con università, istituti di ricerca e imprese russe.

Tre riferimenti spagnoli

Oltre alla dichiarazione di Diana Morant, anche la Confederazione delle società scientifiche spagnole (COSCE), insieme alla Confederazione delle società mediche scientifiche spagnole (FACME) e alla Conferenza dei rettori delle università spagnole (CRUE), hanno preso posizione sulla guerra. in Ucraina.

a dichiarazione congiuntaLe tre principali istituzioni scientifiche spagnole si uniscono al sostegno della popolazione ucraina e della sua comunità scientifica “in questa situazione tragica e ingiustificata causata dall’invasione russa delle sue terre”.

READ  Una pandemia in prima persona: memorie di un paziente...

La COSCE è composta da 84 società scientifiche che coinvolgono 40.000 scienziati. FACME è la federazione delle società medico-scientifiche spagnole corrispondenti alle specialità mediche riconosciute in Spagna. Comprende 46 società scientifiche.

Composto da un totale di 76 università spagnole, 50 università pubbliche e 26 private, CRUE è il principale interlocutore delle università con il governo centrale in tutti gli sviluppi organizzativi che interessano l’istruzione superiore nel nostro paese.

Una condanna assoluta della Russia

La dichiarazione rilasciata dalle tre istituzioni spagnole aggiunge di considerare l’aggressione russa come un attacco ai valori di libertà e democrazia e ai fondamenti della libertà di ricerca e delle opportunità di cooperazione accademica internazionale.

Le tre istituzioni propongono al governo spagnolo il rafforzamento e la protezione delle relazioni con la comunità scientifica ucraina, nonché la promozione di progetti di ricerca bilaterali e quelli che coinvolgono lo sviluppo e lo sfruttamento delle infrastrutture scientifiche.

Inoltre, suggeriscono di offrire programmi di accoglienza per i ricercatori ucraini che sono stati costretti a lasciare il loro paese.

Collaborazione nell’aria

Infine, raccomandano che, in caso di cooperazione scientifica spagnola con istituzioni statali russe, sia immediatamente congelata fino a nuovo avviso.

A questo proposito, hanno osservato: “Siamo consapevoli che molti progetti scientifici saranno interessati da questa raccomandazione. Tuttavia, vogliamo mostrare la nostra solidarietà agli scienziati russi che hanno espresso la loro insoddisfazione per l’invasione dell’Ucraina”, conclude la dichiarazione.

Sono queste le prime dichiarazioni delle istituzioni scientifiche spagnole in merito alla crisi in Ucraina, dopo una serie di posizioni di istituzioni simili in altri paesi che condannano l’invasione e il congelamento dei rapporti con le istituzioni scientifiche russe.

Anche le università europee

L’Associazione universitaria europea (EUA), che rappresenta più di 850 università e la Conferenza dei rettori universitari nazionali in 48 paesi europei, ha espresso la sua solidarietà agli studenti e al personale universitario in Ucraina, nonché a tutti i residenti del paese, nei rapporti pubblicazione.

READ  Mano nella mano: uomo e medicina insieme! Dottor Naher Al-Rayes

Gli Stati Uniti condannano questa aggressione nei termini più forti possibili, sono pienamente impegnati nella cooperazione pacifica, nella comprensione reciproca e nella tolleranza oltre i confini e, nonostante la situazione attuale, sperano in una riflessione, moderazione e una rapida fine della crisi, aggiunge la dichiarazione.

Gli Stati Uniti cessano, per il momento, i contatti e la cooperazione con qualsiasi agenzia del governo centrale della Federazione Russa o qualsiasi altro paese che sostenga attivamente l’invasione russa dell’Ucraina; Chiede ai suoi membri di considerare di fare lo stesso.

I leader delle università membri dell’EUA e delle conferenze nazionali dei presidi raccomandano di controllare e garantire che si impegnino in nuove relazioni di cooperazione con le organizzazioni russe solo quando sono chiaramente basate su valori europei condivisi.

Infine, gli Stati Uniti terranno le loro conferenze nazionali dei presidenti delle università per determinare il modo migliore per lavorare collettivamente per supportare i membri ucraini, in collaborazione con organizzazioni pertinenti come Scientists at Risk e l’Osservatorio Magna Carta, ha concluso la dichiarazione.

Gruppo di sette, categoriale

Il comunicato delle tre istituzioni scientifiche in Spagna e negli Stati Uniti d’America coincide con un altro messaggio delle accademie scientifiche del cosiddetto “Gruppo dei Sette” composto da Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e il Regno Unito. .

Le accademie scientifiche di questi paesi condannano a pubblicazione L'”attacco non provocato” della Russia all’Ucraina, che secondo loro è una “palese violazione del diritto internazionale e dei valori umani fondamentali”.

Le accademie, che includono la Royal Society del Regno Unito e la National Academy of Sciences degli Stati Uniti, affermano che l’invasione russa è un “assalto ai principi fondamentali di libertà, democrazia e autodeterminazione, che forniscono le basi per la libertà accademica e le opportunità di scambio scientifico e cooperazione”.

Roger Davies, Presidente della Società Astronomica Europea. Ines Bonnet (IAC)


anche gli astronomi

I capi di varie società di astronomia in tutto il mondo, tra cui Roger Davies, presidente della Società Astronomica Europea, e Debra Elmgren, presidente dell’Unione Astronomica Internazionale, hanno espresso “profonda preoccupazione” per l’Ucraina e l’intera regione.

READ  Una giornata intera: idee per realizzare la tua versione e festeggiare... con moderazione

a pubblicazione Insieme confermano di aver ricevuto segnalazioni sulle “condizioni pericolose” che stanno attraversando molti colleghi in Ucraina.

“La loro libertà, sicurezza e persino le loro vite sono minacciate”, afferma la dichiarazione. “Siamo profondamente preoccupati per la comunità ucraina e per l’intera regione”, ha aggiunto. Incoraggiano i membri della comunità ad “aiutare quando possibile in questo momento difficile per l’Ucraina”.

e Paesi Bassi

Infine, il Consiglio olandese della ricerca (NWO) afferma che sta valutando “misure appropriate” in risposta all’invasione russa dell’Ucraina, che saranno adottate in consultazione con i dipartimenti governativi.

Il NWO ha affermato che stava anche “esaminando tutte le collaborazioni in corso e i progetti pianificati” con le istituzioni scientifiche russe.

“NWO vuole continuare a fornire un ambiente di lavoro sicuro e inclusivo per i dipendenti ucraini e i colleghi russi, che non sono in alcun modo parte o coinvolti in atti di guerra”, ha aggiunto la dichiarazione, citando PhysicsWorld.

cascata internazionale

Tutte queste affermazioni fanno seguito a importanti posizioni precedenti: venerdì, la Germania è stato il primo Paese dell’Unione Europea ad annunciare il completo completamento della sua storica cooperazione con la Russia nei settori della scienza, della ricerca, dell’istruzione e della formazione professionale.

A queste dimissioni si è poi aggiunto il potente Massachusetts Institute of Technology (MIT), che ha annunciato la cessazione per 11 anni della sua associazione con il centro tecnologico russo Skolkovo, meglio noto come la Silicon Valley russa.

Infine, le società matematiche di diversi paesi hanno annunciato che non parteciperanno alla Conferenza internazionale dei matematici, che avrebbe dovuto svolgersi a San Pietroburgo, in Russia, a luglio, sebbene si terrà sicuramente in forma virtuale.