Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Kobe Bryant nella Hall of Fame: suo discorso commovente di sua moglie Vanessa e cosa ha detto Tim Duncan di Manu Ginobili

copia stampa Sapevo che avrei ricevuto l’onore più alto che un giocatore di basket potesse ottenere: Induzione nella Hall of Fame. con sua moglie, Vanessa, Ha iniziato a parlare degli ospiti che spera di portare alla festa più attesa. Ha scosso il mondo con la sua morte il 26 gennaio 2020 in un incidente in elicottero a Calabasas (California) con sua figlia Gianna e altre sette persone. Poi l’epidemia ha costretto la sospensione dei festeggiamenti. Ora, un anno dopo, il famoso giocatore dei Lakers viene inserito nella Hall of Fame e sua moglie ha tenuto un discorso che ha commosso l’intero ambiente NBA.

Vanessa ha chiesto a Michael Jordan di accompagnarla durante il discorso. Kobe l’aveva sempre fatto il suo idolo, ed era lì alla Mohegan Sun Arena in Connecticut, in una festa molto affollata, nonostante i protocolli fossero rispettati a causa delle difficoltà incontrate da Santiago. In vari momenti del discorso che è durato poco più di quattro minuti, tutti sono stati sopraffatti dalle emozioni.

“Lo hai fatto. Ora sei nella Hall of Fame. Sei un vero eroe. Non sei solo un MVP. Sei il migliore di tutti i tempi. Sono molto orgoglioso di te. Ti amerò per sempre. Kobe. Fagioli. Vanessa ha detto alla fine del suo spettacolo. “Kobe, Kobe, Kobe Nel momento più emozionante della notte, la folla ha gridato!

Kobe Bryant è stato un cinque volte campione NBA, due volte miglior giocatore di finali, due volte capocannoniere della lega, uno dei migliori giocatori del torneo, due campioni olimpici e un 18 volte All-Star All-Star. Gara unica.

Classe Hall of Fame del 2020: Kobe Bryant è stata la menzione d’onoreMaddy Mayer – OTTIENI IMMAGINI NORD AMERICA

Entrando Duncan e Menzione di Ginobili

Insieme a Kobe, altre otto personalità del basket sono state inserite nella Hall of Fame in questa categoria 2020: Tim Duncan, Kevin Garnett, Eddie Sutton, Rudi Tomjanovic, Tamika Catchings, Kim Mulkey, Barbara Stephens e Patrick Bowman.

READ  L'Italia sarà per la prima volta nella finale di Washington

Duncan è l’unico giocatore nella storia della NBA ad avere più di 1.000 vittorie con la stessa squadra, che ha ottenuto in 19 anni con i San Antonio Spurs. Nel suo discorso, Duncan ha ringraziato l’allenatore Greg Popovich, l’unico che ha trascorso tutto il tempo in NBA. “Coach Bob, mi sono presentato quando sono stato reclutato e sono venuto nella mia isola. Mi sono seduto con i miei amici e la mia famiglia, e ho parlato con mio padre. Ho pensato che fosse normale e non lo era. Sei una persona eccezionale. Grazie tu per insegnare il basket e non tutto il basket. “

Ma anche una menzione molto speciale ai compagni di squadra Manu Ginobelli e Tony Parker. “ Guardare a destra, guardare a sinistra e vedere sempre le stesse persone è una benedizione che va oltre quello che posso descrivere con le parole: Manu Ginobili e Tony Parker. Non vedo l’ora di vederti qui E non essere me “, si permise di scherzare.

Ma a parte lo scherzo, la possibilità è abbastanza certa. Manu potrebbe diventare il primo argentino a raggiungere la Hall of Fame Springfield.

Il resto dei premiati

Onorato anche Kevin Garnett, che per 21 anni nella NBA è stato un All-Star 15 volte, vincendo il campionato, MVP della stagione e All-Star.

Michael Jordan saluta Vanessa Bryant dopo un discorso emozionante che introduce Kobe nella Hall of Fame
Michael Jordan saluta Vanessa Bryant dopo un discorso emozionante che introduce Kobe nella Hall of FameCathy Willins – AP

Altri campioni sono l’allenatore Kim Mulkey, che ha guidato i Baylor Bears a tre campionati NCAA. L’ex giocatore e allenatore degli Houston Rockets Rudi Tomyanovic, con il quale ha vinto due volte l’NBA; Il defunto Patrick Bowman, ex direttore della FIBA ​​ed ex membro del Comitato Olimpico Internazionale (CIO); Ex giocatore Tamika Catchings, 10 volte WNBA All-Star, campione e MVP delle finali nel 2012 e MVP della fase regolare nel 2011; L’allenatore Eddie Sutton e l’allenatore Barbara Stephens, uno dei pochi allenatori ad aver ottenuto 1.000 vittorie nel basket femminile degli Stati Uniti e un pluricampione alla Bentley University.

READ  La squadra di Alvaro si è qualificata ai quarti di finale

Nazione

Konosah The Trust Project