Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Juan Guaido ha chiesto garanzie per elezioni libere ed eque il 21 novembre in Venezuela

Juan Guaido ha chiesto a Maduro garanzie per elezioni “libere ed eque” il 21 novembre (Foto: EFE)

presidente ad interim del venezuela, Juan Guaido ha chiesto garanzie per lo svolgimento di elezioni regionali “libere ed eque”. nel paese il 21 novembre.

L’opposizione venezuelana ha deciso di affrontare nuovamente la dittatura in una competizione elettorale. Dopo l’annuncio della decisione, Il leader è uscito in difesa delle giuste condizioni che avrebbero permesso loro di uscire dal sistema.

Occorre rafforzare le condizioni per lo svolgimento di elezioni libere ed eque. Chi ha deciso di partecipare e chi non ha lottato per la liberazione e la democrazia per uscire dalla tragedia. Per strada o in Messico. “Stiamo lottando per le condizioni per uscire dalla dittatura”, ha aggiunto Guaido in una serie di messaggi pubblicati sul suo account Twitter.

Uno dei messaggi che Guaidó ha postato sul suo account Twitter
Uno dei messaggi che Guaidó ha postato sul suo account Twitter

Così ha risposto Guaido al dittatore venezuelano che… Poche ore prima di congratularsi con la piattaforma unita del Venezuela in tono sarcastico, Che riunisce i principali partiti di opposizione del Paese, sulla loro decisione di partecipare alle elezioni regionali e comunali di novembre.

“Mi siederò in poltrona, con la tv accesa (…) per vedere Guaidó votare il 21 novembre Maduro ha detto sarcasticamente in un atto che si è verificato questo martedì:

Prima dei messaggi satirici del dittatore, Ha invitato il presidente designato a prendere sul serio le sue azioni e lo ha rimproverato per la mancanza di garanzie elettoraliIn riferimento ai colloqui in corso in Messico tra regime e opposizione.

Maduro ha deriso l'opposizione in pubblico
Maduro ha deriso l’opposizione in pubblico

Il Programma Consolidato Venezuelano di cui colloqui in Messico come motivo principale della loro decisione di partecipare alle elezioni, Che mira a “motivare il popolo venezuelano a far parte di questo ciclo di lotta”, secondo un comunicato diffuso dal gruppo.

READ  Alta tensione nel Mar Nero: una nave russa e un bombardiere hanno sparato colpi di avvertimento contro un cacciatorpediniere britannico

Gli avversari presumevano che Il dialogo con il regime mira a una “soluzione pacifica e negoziata”, Tuttavia, le elezioni non saranno “eque o tradizionali”.

Il gruppo di opposizione era riluttante a partecipare all’appuntamento elettorale, diviso in due blocchi. Uno, guidato da Henrique Capriles, era più incline al dialogo con il regime, e l’altro, guidato da Guaido, era più conservatore.

Venerdì 3 settembre si svolgerà a Città del Messico il secondo incontro tra la dittatura venezuelana e l’opposizione. La Norvegia media il dialogo ei Paesi Bassi accompagnano l’opposizione e la Russia per quanto riguarda il regime venezuelano. Inoltre, è stato creato un gruppo di paesi amici per sostenere questo dialogo.

(Con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: