Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Javier Mele ha escluso di far parte di Together for Change: “È una struttura destinata a fallire”

Javier Mele ha escluso di far parte di Together for Change: “È una struttura destinata a fallire”

Javier Meili sulla spiaggia (Christian Heat)

Con le sue solite definizioni dirette, leader Il progresso della libertà, Javier Meili, Seppellisci ogni possibilità con cui venire a patti insieme per il cambiamentoCapire che la coalizione di opposizione èdestinato a fallireAllo stesso modo, ha accusato il deputato nazionale del Front de Todos Kirchner estremoche ha definito “ignorante”.

Con Insieme per un cambiamento, non riesco a superare nullaJavier Milley è stato molto sincero quando ha consultato una potenziale coalizione per le elezioni di quest’anno.

“lui Piscina miserabile trascinata da una carica che si uniscono per vedere se riescono a strappare una carica. Creeranno un nuovo fallimento. Non sono disposto a far parte di nessuno Una struttura destinata a fallireIl libertario ha confermato.

Potrebbe interessarti: Il combattimento PRO aggiunge miglia: Larreta si accampa nel sud, Bullrich rischia a Cordoba e Macri punta in Italia

Per sostenere la sua affermazione, Milli si è affidato alle precedenti coalizioni che avevano governato l’Argentina. “Avevamo già una combinazione di queste caratteristiche: alleanza. Si sono riuniti per sconfiggere il peronismo, ma quel governo ha finito per essere terrorizzato. Dopo di che, lo hanno fatto insieme per il cambiamentoLa stessa strategia che si è conclusa con un governo miserabile. E pensavo che solo il peronismo potesse risolvere questo problema, perché sono verticali, ma sono messi insieme Di fronte a tuttiÈ un altro disastro. Quindi, se non hai chiaro dove stai andando, le cose andranno male”, ha spiegato in un’intervista a Radio Rivadavia.

Javier Milei ha preso le distanze da Together for Change, riconoscendolo "Sono un branco di disgraziati trascinati al comando" (Alejandro Beltrame)
Javier Milei ha preso le distanze dai Juntos por el Cambio, riconoscendo che erano “un branco di disgraziati trascinati da una carica” ​​(Alejandro Beltrami)

Da parte sua, il leader di Libertad Avanza ha mostrato le sue divergenze con alcuni dei partiti che formano Together for Change. “Non posso essere dov’è l’UCR.dell’Internazionale socialista, e il suo vicepresidente è gesù rodriguez, Chi è stato ministro dell’Economia nell’area iperinflazionata di Alfonsin. Molto meno di quello con cui posso ottenere qualcosa Alleanza CivileQuando faccio causa al loro capo perché mi ha detto che ero peggio di Hitler. Dice che abbraccia le differenze, ma tutti gli avversari che non sono con loro sono malati.

READ  La realtà economica del Guatemala - Prensa Libre

Oltre ai loro disaccordi con Together for Change, Mauricio Macri ha salvato Mileycome punto di riferimento per il dissenso che “capisce di cosa si tratta”.

“Ho avuto tre conversazioni con Macri Ingrandiree uno quando ci è stato presentato Patricia Bullrich. Non sono ancora stato coinvolto in politica. Macri capisce di più di cosa si tratta. Ma è stato influenzato durante il suo governo da Doran Barba, che non poteva essere rappresentato. Ma le persone possono cambiare e penso che solo Macri possa cambiare Juntos”.

Patricia Bullrich a quel tempo si unì a Javier Meili
Patricia Bullrich a quel tempo si unì a Javier Meili

Chi però si è allontanato da lui è il capo del governo di Buenos Aires, Horacio Rodríguez Larita: “Ascolto Larita quando dice ‘la trasformazione non si ferma’, e sento che trasformerà la pampa bagnata in un grande parcheggio, per fare asfalto e marciapiedi.”

Potrebbe interessarti: Il mistero elettorale che Javier Mele non vuole svelare

Nelle scorse ore, in un’intervista, Kirchner estremo Ha fatto riferimento a “i bambini parlano di libertà” per segnare una tappa in Argentina dove ci sono vari tabù. “E questi ragazzi parlano di libertà… Sai cos’è la mancanza di libertà? Che vuoi cantare la marcia del tuo partito politico e loro non te lo permettono, che vuoi votare per qualcuno e non puoi, che vuoi onorare il corpo di Eva quando l’hanno derubata e sono dovuti uscire a cercare lei nel mondo. L’assenza della formazione storica del popolo ha significato per il potereha detto il leader de La Campora.

Guardando questo, anche la risposta di Mielle è stata forte. “C’è una strategia per la sinistra per stigmatizzare i liberali, visto che la sinistra dove è stata attuata in modo puro è stata un fallimento economico, sociale e culturale. Hanno anche ucciso 150 milioni di persone. Hanno bisogno di etichettare gli altri per nascondere i loro problemi. È molto frequente descrivere i liberali come nazisti o fascistiE nessuno è più contrario a queste nefaste ideologie del liberalismo. Lo fanno per nascondere che fanno parte dei loro ranghi”.

"È ignorante"Milli ha detto di Maximo Kirchner dopo le sue osservazioni sui libertari
“È ignorante”, ha detto Milli di Maximo Kirchner dopo le sue osservazioni sui libertari.

“Sono preoccupati perché la persona che ultimamente ha saputo interessare e mobilitare i giovani è stato lui Kirchneriano. E quello perso per mano di idee di libertà. Ha continuato: “Oggi c’è una rinascita del liberalismo in Argentina, basata su ciò che hanno fatto i giovani”.

READ  La storia d'amore economica di Taylor Swift negli Stati Uniti: potrebbe accadere in Europa?

Ha concluso sul tema:Quello che Maximo Kirchner ti sta dimostrando è che è ignorante, perché di fatto aggiunge al liberalismo cose che col liberalismo non hanno niente a che fare. È suscitato da uno che ogni frase lo espone, non solo come ignoranza, ma come assassino della libertà.

Di fronte alle prossime elezioni, Melly afferma di essersi consolidata nella provincia di Buenos Aires, nella stragrande maggioranza delle province. “Siamo gli unici che hanno un resoconto coerente di tutto quello che è successo in Argentina. Dei 135 comuni della provincia di Buenos Aires, ci troviamo in 127. Macri nel 2015 ne ha vinti 90, cioè la macchina c’è.

E ha aggiunto:Siamo molto forti in provincia. Le persone stanno iniziando a capire il valore della libertà, motivo per cui arriviamo in luoghi che non avrebbero mai immaginato. Non l’hanno visto arrivare. Infatti i luoghi dove abbiamo il quadro più positivo sono nel nord del Paese, dove si trovano i settori più trascurati».

Continuare a leggere:

Il combattimento PRO aggiunge miglia: Larreta si accampa nel sud, Bullrich rischia a Cordoba e Macri punta in Italia