Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

James Webb, il più grande telescopio spaziale della storia, parte alla ricerca di risposte a due importanti domande per l’umanità

telescopio spaziale moschee ragnatela, una rivoluzione nell’osservazione dell’universo che gli astronomi di tutto il mondo aspettavano da trent’anni, è decollata con successo sabato alle 12:20 GMT a bordo di un razzo Ariane 5.

Una buona lezione di telescopio web, Go Webb“Ha annunciato Jean-Luc Foer dalla base spaziale di Kourou (Guiana francese). La parte superiore del razzo Ariane ha lanciato il telescopio a 27 minuti di volo, che ora impiegherà un mese per raggiungere il punto di osservazione.

Cos’è James Webb?

Il più grande telescopio inviato nello spazio orbiterà intorno al Sole a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra con un’ambiziosa missione per rispondere a due domande fondamentali per l’umanità: Da dove veniamo? Siamo soli nell’universo?

La sua forza dovrebbe consentirgli di scrutare fino all'”alba cosmica”, il momento in cui le prime galassie hanno cominciato a illuminare l’universo dopo il Big Bang, 13,8 miliardi di anni fa.

Dovrebbe anche aiutare a capire la formazione di stelle e galassie e tenere d’occhio gli esopianeti in modo che gli astronomi ne scoprano di più e, alla fine, possano conoscere altri come la Terra in futuro.

James Webb seguirà le orme del telescopio Hubbleche ha rivoluzionato l’osservazione dell’universo. Grazie a lui, gli scienziati hanno scoperto la presenza di un buco nero al centro di tutte le galassie o vapore acqueo intorno ai pianeti esterni.

Com’è il telescopio?

Concepito dalla NASA dopo il lancio di Hubble nel 1990 e costruito a partire dal 2003, in collaborazione con le agenzie spaziali europee ESA e il CSA canadese, moschee ragnatela Si distingue in più di un campo.

READ  Físicos recrean la materia de los primeros instantes del universo e detectan 100 rares 'partículas X'

Le dimensioni del suo specchio, con un diametro di 6,5 metri, gli conferiscono una superficie tre volte maggiore e una sensibilità sette volte maggiore, sufficiente per rilevare il segnale termico di un calabrone sulla luna.

Un’altra differenza è il loro metodo di osservazione. Hubble esamina lo spazio attraverso la luce visibile, ma moschee ragnatela Si avventura nell’ampiezza dell’onda che sfugge all’occhio umano: il vicino e il medio infrarosso, che sono radiazioni emesse naturalmente da tutti i tipi di oggetti, dalle stelle agli umani o ai fiori.

Questa luce sarà studiata da quattro strumenti dotati di processori di immagine e spettrometri per meglio sezionarla. Il suo sviluppo ha mobilitato molti ingegneri e scienziati guidati da laboratori e industriali americani ed europei.

Grazie a questo, “guardando le stesse cose (come con Hubble), vedremo cose nuove”, ha spiegato a Parigi l’astronomo Pierre Ferrouette, uno degli scienziati responsabili del telescopio presso l’Agenzia spaziale europea.

Tra questi ci sono le prime galassie, che sono oggetti il ​​cui allontanamento fa diventare rossa la loro luce. O colonie di giovani stelle in crescita mimetizzate da nuvole di polvere. O anche l’atmosfera degli esopianeti.

Un prerequisito per il corretto funzionamento moschee ragnatela È una temperatura ambiente così bassa che non complica l’esame della luce.

Se il nuovo telescopio orbita a 600 km dalla Terra come Hubble, sarà inutilizzabile e sarà riscaldato dal sole e dal suo riflesso sulla Terra e sulla luna.

Per questo motivo ha già intrapreso un viaggio a 1,5 milioni di chilometri dal nostro pianeta, protetto dalle radiazioni solari da uno scudo termico che dissipa il calore e riduce la temperatura (80°C) a -233°C.

READ  WhatsApp Web è stato aggiornato e ora può essere utilizzato senza la necessità di collegare il telefono

diffusione difficile

Ma prima di arrivarci, la macchina deve essere dispiegata senza guasti, con una serie di operazioni che comprende, ad esempio, 140 meccanismi di apertura, 400 bobine e quasi 400 metri di cavo solo per lo schermo protettivo.

Il telescopio di 12 metri con un baldacchino delle dimensioni di un campo da tennis deve essere ripiegato per essere posizionato sulla navicella spaziale Ariane 5.

L’incapsulamento è stato eseguito con guida laser per evitare danni allo strumento, il cui sviluppo è costato quasi 10 miliardi di dollari.

Durante queste manovre, la NASA ha imposto procedure di pulizia estreme per evitare qualsiasi contaminazione dello specchio del telescopio, da particelle o semplicemente dal respiro dell’operatore.

Inoltre, la sovraccoperta di Ariane è dotata di un sistema di decompressione dedicato per evitare che una variazione di pressione danneggi il telescopio mentre si separa dalla navetta, a un’altitudine di 120 km.

Ci vorranno settimane per vedere se il telescopio è pronto per il lancio. E la tua esplorazione dei confini esterni dello spazio non comincerà fino a giugno.