Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia: il paese in cui il virus Corona si è moltiplicato più velocemente, perché?

Italia: il paese in cui il virus Corona si è moltiplicato più velocemente, perché?

A seguito dell’attenzione della Cina sulla pandemia di COVID-19, difficilmente l’Italia sarebbe diventata il Paese con il maggior numero di casi e il più alto tasso di mortalità per la malattia causata dal nuovo coronavirus.

A partire da venerdì, Dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Sottolineano che questo Paese europeo conta 15.113 casi di infezione e 1.016 decessi. È il secondo paese con il maggior numero di casi e i progressi più rapidi. Il secondo paese con il maggior numero di decessi in termini assoluti (dopo la Cina), ma con il tasso di mortalità più elevato se si tiene conto del numero di popolazioni colpite.

Gli ultimi dati diffusi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità indicano che il tasso di mortalità per questa malattia è del 3,4%, mentre al di fuori della Cina, il paese medio registra la morte dello 0,7% della popolazione. In Italia, invece, la percentuale è intorno al 5%.

Qual è il motivo di questa aggressione? Prima di rispondere a questa domanda occorre chiarire un punto. Stiamo parlando di tassi di mortalità, non di decessi. Perché? Calcolare i tassi di mortalità durante un’epidemia o una pandemia è fuorviante. Il numero di pazienti registrati e di decessi è in continua evoluzione. Il metodo di registrazione varia da un paese all’altro.

Inoltre, non tutti i casi verranno rilevati; Alcuni saranno così minori che non verranno mai notati. D’altra parte, può esserci un ampio divario tra quando qualcuno è infetto e quando non lo è, o se muore.

Tuttavia, l’Italia ha anche una percentuale più elevata di persone in condizioni estreme. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, meno del 6% delle persone nel mondo si considera in una condizione “grave” o “seria”. Ma in Italia, Analisi pubblicata venerdì dalla rivista Il bisturi Ha sottolineato che tra il 9% e l’11% dei pazienti necessita di terapia intensiva.

READ  "Se attacchi il gabinetto, attacchi tutti noi"

“Il numero di pazienti infetti dal 21 febbraio in Italia continua a crescere in modo significativo. Se questa tendenza continua per un’altra settimana, avremo 30.000 pazienti e le unità di terapia intensiva saranno al massimo della capacità .” Entro metà aprile 2020. Il bisturi.

In questo senso l’Italia può sembrare l’eccezione piuttosto che la regola, ma i numeri vanno analizzati con attenzione. Non tutti i paesi dispongono degli strumenti per segnalare casi, curare pazienti e registrare decessi.

Analizzando il comportamento del Covid-19 in Italia non c’è un motivo che lo spiega, ma piuttosto diverse ragioni.

Da un lato c’è l’età media della popolazione italiana; Dall’altro la velocità con cui sono stati eseguiti i test di screening. Bisogna tenere conto anche delle modalità con cui la malattia è emersa e, infine, dei momenti in cui sono state adottate le misure per contenere e mitigare il numero dei casi.

“È un caso analitico interessante, ma non possiamo lasciare la risposta ad una sola risposta. Inoltre, ogni Paese lavora con gli strumenti a sua disposizione, e questo può essere visto come se ci fossero più o meno numeri. Il bisturi.

Cominciamo con l’origine della malattia in questo paese europeo. Secondo le analisi epidemiologiche condotte dal Ministero della Salute italiano, il virus è entrato a metà gennaio, ma in modo silenzioso, perché le prime persone non hanno registrato sintomi, oppure i loro sintomi erano abbastanza lievi da non richiedere cure mediche.

READ  Ricardo Anaya ha chiamato a non partecipare alla cancellazione del mandato: "una frode che non dovremmo sostenere"

Massimo Galli, direttore dell’Ospedale Sacco di Milano, ha spiegato alla stampa che “l’epidemia non è nuova nel Paese, e il virus si è diffuso silenziosamente per diverse settimane, prima che venissero scoperti i primi casi della malattia”.

Quando la malattia fu scoperta (a metà febbraio) era stata eseguita su pazienti già in gravi condizioni. A quel punto, il virus si era già diffuso in tutta la regione settentrionale del paese. Ciò ha reso difficile contenere la malattia.

In questo senso, misure come la chiusura di bar o ristoranti o l’attuazione della quarantena potrebbero essere arrivate troppo tardi; Soprattutto nella parte settentrionale del Paese.

Anche in Italia non si sa ancora chi sia esattamente il “paziente zero” che ha portato la malattia nel proprio territorio.

Un fattore che molti analisti sottolineano è che l’età media nel Nord Italia, dove ha avuto inizio la malattia, è molto più alta che nel resto del mondo, e la percentuale di anziani è maggiore.

Secondo Galli, però, ciò si spiega perché vengono individuati prima i casi più gravi, che compaiono negli anziani. Ciò non significa che non siano molti i giovani che registrano la malattia e convivono con essa.

“Forse molti giovani hanno saltato i primi test di screening perché non avvertivano sintomi o li sentivano molto lievi, come se fosse un raffreddore”, ha detto lo specialista.

READ  Erosione dentale e diagnosi di epatite autoimmune orale

Il gran numero di casi si spiega in modo semplice: chi cerca trova. Un paese con un’elevata capacità di rilevare il virus avrà sempre più casi confermati di uno che non lo fa.

“Il numero di casi non ci dice necessariamente quale paese ha più infezioni. Ci dice semplicemente quale paese sta effettuando il maggior numero di test. “Più test verranno effettuati, più casi verranno scoperti”, ha detto Benjamin Cowling, professore di epidemiologia all’Università di Hong Kong, in un’intervista alla BBC.

“L’Italia sta concentrando i suoi sforzi gli esami Nelle persone che sono già malate in ospedale, quindi la maggior parte di questi casi sono gravi e il rischio di morte è molto alto. Ma se monitorassero la comunità nel suo insieme, anche quelli con sintomi lievi, troverebbero molti più casi e la loro gravità sarebbe molto inferiore.Ha aggiunto.

Il caso dell’Italia può essere visto in altri paesi? Cowling ha detto alla BBC: Sì, perché questa malattia è arrivata per la prima volta in Italia, e il resto dei paesi prima o poi soffrirà della stessa cosa.

Tuttavia, Galli sottolinea che individuare fin dall’inizio la malattia in altri paesi significa che hanno più tempo per adottare misure e controlli migliori.